La Torre Agbar di Barcellona

La Torre Agbar di Barcellona: la torre con 4400 piastrelle colorate che si muovono insieme al sole creando spettacolari giochi di luce e colore.

La Torre Agbar di Barcellona non è un semplice grattacielo. Jean Nouvel, l’architetto francese che ne ha curato progetto e realizzazione lo definisce una grande massa fluida, un geyser che ha sforato il suolo, che va a modificare lo skyline della città (è alta 144mt.).
Il progetto della torre Agbar racchiude in sè due concetti apparentemente opposti, quello della leggerezza e quello della solidità, che si manifestano rispettivamente nell’uso del vetro per la facciata, che risulta essere quasi una pelle, e del calcestruzzo per la struttura.

Finestre mobili, colori e raggi del sole

Peculiarità del progetto sono senza dubbio le 4.400 finestre in cristallo trasparente distribuite in maniera apparentemente casuale evocando l’immagine di un frattale. Questa idea viene da uno studio sull’esposizione solare, le lastre di vetro serigrafate sono mobili, ed in grado di regolare l’incidenza dei raggi solari, con una gestione ottimizzata della temperatura all’interno dell’edificio.
Inoltre la parte di muro sottostante è dipinta con 40 tonalità di colore diverse che vanno dalla terra al grigio, dall’azzurro chiaro al verde. La superficie dell’edificio evoca l’acqua che permette di percepire le sfumature della sua profondità. 

Informazioni per la visita alla Torre Agbar

La Torre Agbar si trova in Piazza de Les Glories, all’incrocio delle tre principali arterie cittadine: la Diagonal, la Gran Via e la Meridiana.

Come arrivare alla Torre Agbar:
Metro: L1 – Fermata “Glories”
Autobus: Linee 7- 56 – 92 – N2
Tram: Linea 4 – Fermata Ca l’Aranyò