16 cose da fare e vedere a Bologna

I luoghi di interesse e le principali cose da fare e vedere a Bologna in 1, 2 o 3 giorni.

Bologna
Bologna

La Dotta, la Rossa, la Grassa: così è definita Bologna, capoluogo della ricca Emilia Romagna. La Dotta per la presenza di una delle più antiche Università d’Italia che ancora oggi continua ad attrarre studenti italiani e stranieri e a mantenere il suo ruolo di attivissimo centro culturale. Bologna la Rossa per il colore che i tetti e le case danno alla città, mantenendo vivi i colori tipici dell’epoca medievale.

Bologna la Grassa per la gustosa e sublime gastronomia: la cucina bolognese è conosciuta in tutto il mondo ed ha conquistato anche i palati più severi. Ovviamente Bologna non è solo questo: ad esempio ha degli straordinari luoghi dello spirito, come la chiesa di San Luca a cui si giunge attraversando 6 km di portici o il Complesso delle 7 chiese, scenografico e bellissimo, la chiesa di Santa Maria con lo straordinario “Compianto“.

Gran parte dei luoghi di interesse si trova nel centro di Bologna, quindi non c’è bisogno di muoversi in auto o con mezzi pubblici. Insomma è una delle più belle città italiane ed è facile da visitare. In questa pagina vi consigliamo cosa fare e vedere a Bologna in un itinerario di 1, 2 e 3 giorni.

Se invece state cercando un hotel a Bologna, vi consigliamo di scegliere tra quelli offerti da Booking.com. Ci sono circa 120 hotel con prezzi, foto e i commenti di chi ha soggiornato prima di voi. Vai a Booking.com

Piazza Maggiore a Bologna

1

Cuore pulsante della città, Piazza Maggiore (o Piazza Grande come la chiamano i bolognesi e la cantava Lucio Dalla) è il centro della vita civile e religiosa di Bologna.

Piazza Maggiore a Bologna
Piazza Maggiore a Bologna

È celebre per la Fontana del Nettuno, sulla quale si affacciano i più importanti edifici della città medievale: ad Ovest il trecentesco Palazzo Comunale con la Torre dell’Orologio e la Sala Borsa, ad Est il cinquecentesco Palazzo dei Banchi e a Sud l’imponente Basilica di San Petronio di fronte alla quale si stende l’elegante Palazzo del Podestà.

Tutte costruzioni che testimoniano la storia della città, una storia iniziata nel 1200 quando il popolo sentì il bisogno di attrezzare la città di uno spazio da adibire a mercato.

Tutti gli edifici che la costituivano vennero acquistati dal Comune e poi abbattuti e solo nel Quattrocento Piazza Maggiore assume l’austera forma che conserva ancora oggi.

Nonostante la sua importanza storica, pare che la Piazza “porti sfiga” agli studenti che frequentano la celeberrima Università bolognese. Secondo la leggenda non bisogna mai attraversare la Piazza passando per il centro, ma sempre costeggiandola, perché altrimenti si può dire “Addio” alla tanto ambita laurea. 

Palazzo D’Accursio, Torre dell’Orologio e Sala Borsa

2

La Torre dell’Orologio permette subito di identificare Palazzo D’Accursio, sede del Comune di Bologna. Dal 1336 il potere politico di Bologna si esercita nei saloni affrescati di questo bel palazzo. Prende il nome dal giurista Accursio che qui aveva la casa natale, che secolo dopo secolo è diventato quello che oggi vediamo.

Palazzo D'Accursio, Torre dell'Orologio e Sala Borsa
Palazzo D’Accursio, Torre dell’Orologio e Sala Borsa

Superato lo scalone progettato dal Bramante che permetteva l’entrata a cavallo dei governanti, sono da vedere Sala d’Ercole, Sala del Consiglio Comunale, Sala Farnese, Cappella Farnese, Sala Rossa e Sala Urbana.

Finalmente aperta al pubblico è la Torre Accursi, o Torre dell’Orologio: si può arrivare in cima, scoprire il meccanismo che regola l’orologio e visitare con lo stesso biglietto anche le Collezioni Comunali d’Arte all’ultimo piano.

All’uscita, da non perdere, sulla facciata, la Madonna di Piazza con Bambino, opera in terracotta di Nicolò dell’Arca (l’autore del Compianto in Santa Maria) realizzata intorno al 1478. A destra del Palazzo Comunale, dove un tempo c’era l’Orto dei Semplici, oggi c’è la Biblioteca di Sala Borsa, o “Piazza Coperta” dedicata ad Umberto Eco.

Qui, dove dal 1880 al 1990 c’è stata la Borsa di Bologna, oggi c’è una meravigliosa biblioteca multimediale dove si incontrano (non solo per studiare) gli studenti delle università bolognesi.

Orari di apertura e costo del biglietto per Palazzo D’Accursio

Orari di apertura Palazzo: orari variabili, chiedere agli uscieri.

Orari Sala Borsa
:
lunedì 14.30 – 20
da martedì a venerdì 10 – 20
sabato 10 – 19

Costo del biglietto: Palazzo gratis.
Torre + Collezioni Comunali: 8 €
Come arrivare: a piedi in Piazza Maggiore.

Basilica di San Petronio a Bologna

3

La Basilica di San Petronio è la chiesa più importante e imponente di Bologna oltre ad essere la quinta chiesa più grande del mondo. I lavori di costruzione della Basilica iniziarono nel 1390 ma andarono avanti per secoli. Per far spazio a questo tempio, simbolo dell’orgoglio civico della città, fu necessaria la demolizione di torri, abitazioni private e ben otto chiese.

Basilica di San Petronio a Bologna
Basilica di San Petronio a Bologna

È l’ultima grande opera gotica realizzata in Italia, a croce latina a tre navate con cappelle. Da non perdere la Cappella Bolognini affrescata con le Storie dei Re Magi, il giudizio universale il Paradiso e in basso l’Inferno con una straordinaria e gigantesca figura di Lucifero e la rappresentazione del profeta Maometto nell’Inferno.

La Basilica di San Petronio è appartenuta per lungo tempo al Comune che l’ha utilizzata per i più svariati scopi: luogo di cerimonie, tribunale, ritrovo pubblico; solo nel 1929, in seguito ai Patti Lateranensi, è diventata proprietà della Diocesi.

Se vi recate in visita alla Basilica di San Petronio non potrete far a meno di notare la Meridiana costruita dal Cassini per dimostrare che era la Terra a girare intorno al Sole, e non viceversa com’era credenza del tempo.

Da non perdere una salita alla nuova terrazza panoramica da cui è  possibile ammirare i tetti e i monumenti di Bologna da un’altezza di 54 metri. Per fortuna si sale con l’ascensore! Della Basilica fa parte anche un piccolo museo di poche sale che racconta la storia della costruzione di San Petronio e raccoglie oggetti sacri della basilica.

Orari di apertura e costo del biglietto della Basilica di San Petronio a Bologna

Orari di apertura Basilica: tutti i giorni dalle 8.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00.
La visita in terrazza è possibile solo sabato e domenica 10-13 e 15-18. La Cappella dei Re Magi si visita tutti i giorni 10-13 e 15-18. Museo aperto dal martedì al sabato dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30. Domenica: dalle 14.30 alle 17.30

Costo del biglietto: ingresso alla chiesa e al museo gratis. Ingresso alla terrazza 5 €. Visita alla Cappella dei Magi 3 €.
Come arrivare: a piedi nel centro storico.

La Torre degli Asinelli a Bologna

4

Le torri di Bologna sono uno dei tratti distintivi della città. Delle tante torri che vennero costruite tra il XII e il XIII secolo, oggi ne restano meno di venti. Queste strutture avevano una funzione sia militare che gentilizia: davano prestigio alla famiglia che ne ordinava la costruzione.

La Torre degli Asinelli a Bologna
La Torre degli Asinelli a Bologna

Le due torri più importanti sono quella degli Asinelli e la Garisenda. La Torre degli Asinelli venne costruita tra il 1109 e il 1119 dall’omonima famiglia che, oltre a riceverne prestigio sociale, la utilizzò per scopi militari di difesa ed avvistamento.

Nel 1448, infatti, la torre venne dotata di una rocchetta per accogliere i soldati di guardia.

Attualmente gli archi del portico della rocchetta ospitano alcune botteghe di artigiani, in memoria della funzione commerciale che la città svolgeva nel Medioevo.

I visitatori, dopo aver percorso i 498 gradini della scalinata interna, possono arrivare fino alla cima della Torre degli Asinelli che, dai sui 97,20 metri di altezza, permette di avere la città rossa ai propri piedi. Durante le belle giornate, la vista può arrivare fino al mare e alla Prealpi del Veneto. La Torre Garisenda è più bassa (47 metri) e non è visitabile.

Orari di apertura e costo del biglietto della Torre degli Asinelli

Orari di apertura: tutti i giorni con quattro ingressi all’ora (ai 00, ai 15, ai 30 e ai 45)
Primo ingresso ore 10 ultimo ore 18:15.

Costo del biglietto: intero 5 €, ridotto 3€.
Come arrivare: a piedi nel centro storico.

La Basilica di Santo Stefano a Bologna

5

La Basilica di Santo Stefano è un insieme di edifici sacri che formano il più noto complesso delle Sette Chiese.

La triangolare Piazza Santo Stefano, che di recente è stata riportata al suo aspetto originario, accoglie la Chiesa del Crocifisso, la Basilica del Sepolcro, la Chiesa di San Vitale e Sant’Agricola, il Cortile di Pilato, la Chiesa del Martyrium, il Chiostro Medievale e il Museo di Santo Stefano.

La Basilica di Santo Stefano a Bologna
La Basilica di Santo Stefano a Bologna

Tutti edifici molto antichi che, se anche risalgono ad epoche differenti, mantengono una certa omogeneità stilistica, rendendo il complesso il monumento romanico più interessante e meglio conservato di Bologna.

È probabile che il progetto originario del complesso risalga al V secolo quando il vescovo Petronio, dopo un viaggio nella Terra Santa, volle riprodurre nel capoluogo emiliano i luoghi sacri di Gerusalemme.

Nel corso degli anni i lavori di modifica e di restauro hanno cambiato l’aspetto antico del complesso fino a ridurre a quattro il numero delle sette chiese iniziali.

Orari di apertura e costo del biglietto della Basilica di Santo Stefano

Orari di apertura monumenti: dalle 9:30 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 19:00

Orario Basilica: dalle  07:30 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 19:30.

Costo del biglietto: offerta libera
Come arrivare: a piedi nel centro storico.

DINTORNI DI BOLOGNA

L’Archiginnasio

6

L’Archiginnasio è il più bel palazzo di Bologna e certamente uno dei più belli d’Italia. Di solito il turista frettoloso passa davanti al portone d’ingresso buttando solo uno sguardo distratto al portico centrale.

L'Archiginnasio
L’Archiginnasio

Invece bastano pochi passi per lasciarsi meravigliare dal un lungo portico con 30 arcate decorate da centinaia di stemmi e due logge ai piani superiori. L’Archiginnasio fu voluto (1563) dal cardinale Carlo Borromeo.

L’obiettivo era dare all’Università di Bologna, la più antica del mondo, un’unica, bellissima sede. Questo palazzo è stato luogo di insegnamento fino al 1838 per lasciare spazio alla biblioteca.

Saliti gli scaloni si incontrano 10 aule (non visitabili) e la Biblioteca, a cui si può accedere per studio ma non per visite turistiche. Le due aule magne che un tempo ospitavano Artisti e Legisti (Stabat Mater) sono splendidamente decorate. Le volte, le pareti delle sale, gli scaloni e i loggiati sono ricoperti di stemmi, iscrizioni e monumenti che celebrano i maestri e gli studenti passati dalle aule dell’Archiginnasio.

Da non perdere una visita al Teatro Anatomico, distrutto dai bombardamenti del 1954 ma interamente e perfettamente ricostruito con i materiali originale. Una curiosità: durante i bombardamenti alleati su Bologna il palazzo fu gravemente danneggiato.

I fascisti, per fare propaganda, scrissero all’ingresso del portone “Opera dei liberatori”, per far passare il messaggio che quella distruzione era colpa di chi voleva liberare Bologna dai nazi-fascisti. La scritta è ancora visibile.

Orari di apertura e biglietto per l’Archiginnasio

Orari di apertura: Lunedì-Venerdì 10-18. Sabato: 10-19. Domenica e festivi: 10-14
Costo del biglietto: 3 €. Accesso al Teatro Anatomico e alla Sala dello Stabat Mater (quando non occupate per iniziative culturali). Visita turistica della Biblioteca non consentita.

La Chiesa di San Domenico

7

Proprio di fronte a quel tempio dei ricchi che è la Galleria Cavour c’è la Chiesa di San Domenico che un turista distratto supera senza interesse.

Invece questa chiesa merita una visita per diversi motivi: primo, perché conserva le spoglie di San Domenico, fondatore dell’Ordine dei frati Domenicani morto nel 1221 in una cella del vicino convento.

La Chiesa di San Domenico
La Chiesa di San Domenico

Secondo, il sepolcro di marmo che ospita le spoglie, conosciuto come “Arca di san Domenico“, ha visto al lavoro grandi artisti per molti secoli. Anche se il nome è legato a Niccolò dell’Arca (lo stesso del Compianto sul Cristo Morto che si trova in Santa Maria) in realtà, l’opera fu commissionata a Nicola Pisano e allievi.

Solo due secoli dopo furono aggiunte le parti realizzate da Niccolò di Bari, la stele con la vita del santo di Alfonso Lombardi e le tre statue di Michelangelo.

Pochissimi conoscono queste opere del grande artista che rappresentano San Petronio, San Procolo e l’angelo che regge un candelabro. Ma non finisce qui: sulle pareti sono esposte opere del Guercino, Filippino Lippi, Guido Reni e Ludovico Carracci.

Da non perdere una visita approfondita al coro ligneo, un capolavoro dell’intarsio rinascimentale definito dai contemporanei “l’ottava meraviglia del mondo” e ammirato anche da Carlo V. Completano il complesso di San Domenico una torre campanaria gotica del 1313, il Convento di San Domenico con una Biblioteca di 90.000 volumi e il chiostro.

Orari di apertura e costo del biglietto per la Chiesa di San Domenico

Orari di apertura:

Lunedì-sabato: 8:30-12:00; 15:30-18:00.
Domenica: 15.30 – 17.30.
Costo del biglietto: gratis.

I canali di Bologna

8

Forse lo sanno in pochi, ma Bologna è sempre stata una città d’acqua, una piccola Venezia che ora è in gran parte nascosta. Lo scorcio più suggestivo di questa Bologna insolita lo si scopre aprendo una finestrella che si trova a Via Piella.

Qui, come in una visione, lo sguardo si apre sul canale delle Moline, usato per secoli per alimentare i mulini ad acqua con cui si lavorava il grano. Questa finestrella è, probabilmente, la più singolare curiosità da vedere a Bologna.

La finestrella di Via Piella a Bologna
La finestrella di Via Piella a Bologna

Dimenticata per decenni, tanto che la gran parte dei canali sono stati interrati negli anni ’50, la natura “acquatica” di Bologna è stata riscoperta recentemente dagli stessi abitanti che stanno cercando di rivalutarla.

Oltre alla finestrella di Via Piella sono state aperte altre “vedute” sul Canale delle Moline dai ponti delle vie Oberdan e Malcontenti.

Qua e là, in giro per il centro storico, si scorgono chiuse, torrenti seminascosti, si sente il rumore dell’acqua ma non la si vede. Come nel Ghetto Ebraico, sotto cui scorre l’Aposa o all’incrocio tra via delle Moline e via Capo di Lucca, dove si può sentire il rombo del Salto del Reno.

La Pinacoteca Nazionale di Bologna

9

La Pinacoteca Nazionale di Bologna ospita una delle più importanti raccolte museali italiane. Le opere qui presenti ripercorrono tutto l’iter artistico emiliano e italiano dal XIII all’inizio del XIX secolo. Sono presenti opere di Raffaello, Carracci, Reni, Perugino, Parmigianino, Tintoretto, Vasari, Guercino e molti altri.

La Pinacoteca Nazionale di Bologna
La Pinacoteca Nazionale di Bologna

Il nucleo iniziale della raccolta è stata una cospicua donazione di Monsignor Francesco Zambeccari; nel corso degli anni, poi, il patrimonio si è arricchito con donazioni di privati, lasciti ed acquisizioni statali fino a rendere la Pinacoteca una delle Gallerie nazionali più apprezzate e conosciute in Italia e all’estero.

Annovera trenta sale espositive più uno spazio dedicato interamente a mostre temporanee e alle attività didattiche.

La Pinacoteca di Bologna, oltre a svolgere una funzione puramente espositiva, si occupa della tutela, della conservazione e dello studio di tutto il patrimonio artistico regionale e cittadino.

Orari di apertura e costo del biglietto della Pinacoteca

Orari di apertura: martedì, mercoledì, giovedì, sabato, domenica e i giorni festivi dalle 9 alle 14 (la biglietteria chiude alle 13:30). Venerdì dalle 9 alle 19 (la biglietteria chiude alle 18:30)

Costo del biglietto: 6 €. Ridotto
Come arrivare: Via delle Belle Arti 56. Nella zona universitaria a 800 metri dalla Torre degli Asinelli.

I Portici di San Luca a Bologna

10

Cosa sarebbe Bologna senza i suoi portici? Per ben 40 chilometri la città è percorsa da porticati che non sono solo un elemento architettonico ma rappresentano l’essenza stessa e gli umori della città. 

I Portici di San Luca a Bologna
I Portici di San Luca a Bologna

Durante la bella stagione sono un’ottima protezione dal sole, nei mesi più freddi, invece, riparo perfetto dalla pioggia. Sono la metropolitana all’aperto di Bologna, percorsi coperti che permettono di raggiungere ogni punto della città.

Il più famoso portico è quello di quasi 4 km che dal centro di Bologna porta alla Chiesa di San Luca, simbolo di Bologna posta sopra il Colle della Guardia. Legata al culto dell’immagine della Beata Vergine di S. Luca (la prima immagine della Madonna realizzata direttamente dall’Evangelista), la chiesa attuale fu realizzata tra 1723 e 1757 in sostituzione di una precedente chiesa quattrocentesca.

La chiesa ha una planimetria ellittica con l’interno a croce greca impreziosito da opere di Guido Reni e Guercino. Il portico coperto, con 666 arcate, collega il santuario a Porta Saragozza in città. Il numero di 666 (simbolo del demonio) non sarebbe casuale ma è pieno di riferimenti simbolici: i portici hanno la forma di un serpente (il diavolo) schiacciato dal piede della Madonna, rappresentato dalla chiesa con la sua immagine miracolosa.

La salita, quindi, rappresenta un percorso di liberazione e purificazione dal peccato. Dalla chiesa, ogni anno, parte la processione che porta la Madonna con Bambino alla cattedrale durante la settimana dell’Ascensione.

Lungo i portici di San Luca i bolognesi vanno a correre, soprattutto di domenica: se volete affrontarli, scarpe comode e tanta pazienza, perché si fatica molto! Se avete ancora un po’ di forza, visitate la Cripta recentemente riaperta oppure salite sul tetto della cupola per godere di una straordinaria vista su Bologna e i colli.

Orari di apertura e costo del biglietto della Chiesa di San Luca

Orari di apertura

Chiesa: dalle 07:00 alle 19.00
Piazzale: dalle 06:30 alle 19.30
Cripta e cupola: dalle 10:00 alle 13:30 e dalle 14:30 alle 18.00

Costo del biglietto: basilica gratis. Cripta 3 €, Terrazza 5 €.
Come arrivare: a piedi (leggi sopra!) o in auto.

Chiesa di Santa Maria della Vita a Bologna

11

Questa piccola chiesa che si raggiunge da una stradina laterale di Piazza Maggiore, merita una visita per il bellissimo “Compianto del Cristo morto” modellato nella seconda metà del ‘400 da Niccolò dell’Arca.

Chiesa di Santa Maria della Vita a Bologna
Chiesa di Santa Maria della Vita a Bologna

Questo gruppo scultoreo è considerato uno dei capolavori della scultura italiana, ingiustamente sconosciuto a molti.

Il dolore espresso dai volti delle statue spinse Gabriele D’Annunzio a definire l’opera un “urlo di pietra“.

La Chiesa di Santa Maria della Vita fu fondata nella seconda metà del secolo XIII dalla Confraternita dei Battuti o Flagellati ed è considerato il più importante esempio di Barocco bolognese.

Da non perdere anche il vicino oratorio e il Museo della Sanità che conserva il ricordo dell’ospedale voluto dai flagellanti.

Orari di apertura e costo del biglietto della Chiesa di Santa Maria della Vita

Orari di apertura: da martedì a domenica dalle 10:00 alle 19:00
Compianto dalle 10:00 alle 18:30. Ultimo ingresso 1 ora prima della chiusura.

Costo del biglietto: basilica gratis. Compianto 5 €.
Come arrivare: a piedi in Via Clavature 10.

Santa Maria dei Servi e il Portico

12

Se dalla Torre degli Asinelli si prende la Strada Maggiore, dopo una bellissima passeggiata di circa 900 metri sotto i portici ci si ritrova alla chiesa di Santa Maria dei Servi, uno dei luoghi più affascinanti di Bologna.

Santa Maria dei Servi e il Portico
Santa Maria dei Servi e il Portico

Vi accoglierà il quadriportico, luogo magico ripreso magnificamente da Pasolini nella scena finale di Edipo Re e citato da Guccini nella canzone Eskimo. La chiesa fu costruita nel 1343 e aveva solo un lato porticato, quello su Strada Maggiore.

Altre arcate vennero aggiunte nel 1492, nel 1515-1521, nel XVII secolo, fino a raggiungere l’aspetto attuale forma a quadriportico solo nel 1864.

Si tratta una delle costruzioni più lunghe della storia dell’architettura!

La semplice facciata dà accesso alla chiesa a tre navate, con volte a crociera sorrette da un’alternanza di colonne circolari e pilastri ottagonali.

Santa Maria dei Servi è famosa soprattutto per la Maestà di Cimabue, ma sono da non perdere le opere di Guido Reni (San Carlo Borromeo e angeli), una Madonna con Bambino di Giovanni da Modena, un Padre Eterno del Guercino e molte altre.

Da ricordare che Santa Maria dei Servi è storicamente uno dei luoghi “musicali” di Bologna, con un meraviglioso coro di 50 elementi che propone concerti in ogni periodo dell’anno.  Nel portico si svolge la tradizionale Fiera di Santa Lucia con i mercatini di Natale.

Orari di apertura e costo del biglietto della Chiesa di Santa Maria dei Servi

Orari di apertura: tutti i giorni 7.15-12.15 e 16.00-18.45

Costo del biglietto: gratis.
Come arrivare: a piedi da Strada Maggiore

La Casa Museo di Lucio Dalla

13

Durante una passeggiata in centro a Bologna è d’obbligo passare in via d’Azeglio al civico 15 per visitare la Fondazione Lucio Dalla.

La Fondazione Dalla si trova a pochi passi da Piazza Maggiore (150 metri) e dalla Basilica di San Petronio ed pè una tappa irrinunciabile per gli estimatori di Dalla ma anche per chi vuole esplorare l’universo di una pietra miliare della cultura musicale bolognese.

La Casa Museo di Lucio Dalla
La Casa Museo di Lucio Dalla

Quando si arriva all’altezza dell’abitazione, la si riconosce subito: sulla facciata accanto al balcone è raffigurata l’immagine del cantautore mentre suona il sax.

Il tour dura un’ora e si svolge in compagnia di una guida.

Definirla casa-museo è riduttivo perché non è un semplice giro tra le varie stanze, ma è l’emozione di entrare nel posto dove Dalla ha vissuto, dove ha composto e di vedere i ricordi legati alla sua vita professionale e privata.

La guida illustra la biografia e racconta gli oggetti e le opere con cui Lucio ha arricchito la sua casa nel corso degli anni. Molte sono eclettiche come la sua personalità. Opere dal Cinquecento all’arte contemporanea ma anche piccola oggettistica dal valore affettivo.

La casa si trova all’interno di un palazzo del Quattrocento, al primo piano. La Stanza Caruso è l’ambiente professionale che fungeva da sala riunioni ma anche da sala da pranzo; la Stanza delle Colonne è un raffinato salotto dal gusto tipicamente bolognese con pavimenti in legno e affreschi. Si passa per lo Studio di Lucio, la stanza più intima con molti oggetti cari al cantante.

È necessario prenotare la visita, consigliabile muoversi in anticipo perché l’attrazione è aperta solo due giorni a settimana in orari prestabiliti.

Orari di apertura e costo del biglietto per la Casa di Lucio Dalla

Orari di apertura
Venerdì:
ore 15:00 – 16:00- 17:00 – 18:00
Sabato:
ore 10:00 – 11:00 – 12:00 – 14:00 – 15:00 – 16:00 – 17:00

Costo dei biglietti: Ticket Intero: 15 euro; Ridotto: 10 euro (dai 6 ai 12 anni e over 65); Gratis sotto i 6 anni.

I Giardini Margherita a Bologna

14

I Giardini Margherita sono il parco pubblico più grande e frequentato di Bologna. Furono realizzati in onore della Regina Margherita di Savoia e inaugurati nel 1879.

Si trovano a 15-20 minuti a piedi dalle due Torri e vi si accede da più di un ingresso: Porta Castiglione, Piazza di Porta Santo Stefano e viale Gozzadini.

I Giardini Margherita a Bologna
I Giardini Margherita a Bologna – Foto delle Serre

Dal punto di vista architettonico, il parco non è cambiato molto rispetto alle origini infatti ha conservato un’impronta tipicamente romantica.

È il posto ideale per una sosta durante la vostra permanenza a Bologna: probabilmente vi capiterà di passarci, allora ritagliatevi un po’ di tempo per fare una passeggiata tra viali alberati, prati, fontane e un laghetto artificiale.

In primavera si presta per camminare, per fare attività sportiva o per portare i bambini a giocare nell’area attrezzata. D’estate è il posto dove molti bolognesi trovano refrigerio all’ombra degli alberi.

All’interno del parco ci sono varie aree ristoro: lo Chalet dei Giardini Margherita si trova su un’isoletta sulle sponde del laghetto ed è collegato al resto del parco da un ponte. È il posto dove i bolognesi si danno appuntamento per fare colazione e aperitivo e dove i giovani vanno spesso a ballare nel weekend.

In prossimità di Porta Castiglione troviamo invece una gelateria artigianale dove d’estate vengono organizzate serate musicali. Per un’altra sosta gastronomica di tutto rispetto, ci sono le Serre dei Giardini Margherita dove si svolgono anche manifestazioni, mercatini e altri appuntamenti. Di domenica e nelle sere d’estate un fitto calendario di concerti arricchisce la proposta d’intrattenimento del parco.

Orari di apertura e costo del biglietto per i Giardini Margherita

Orari di apertura: i Giardini Margherita sono aperti al pubblico 24 ore su 24.
Come arrivare: in autobus dalla Stazione Centrale: linee 30, 32 e 33 fermata Porta Castiglione.
A piedi dal centro storico: dalle torri prendere Via Castiglione e dopo 1 km si arriva ai giardini.
Costo del biglietto: gratis.

Conserva Valverde - Bagni di Mario

15

La Cisterna di Valverde conosciuta come Bagni di Mario è un’opera idraulica storica di Bologna. Si chiama così perché erroneamente all’inizio fu scambiata per terme romane e solo in seguito si capì che si trattava di un complesso sistema di raccolta e decantazione delle acque.

Bagni di Mario - Cisterna di Valverde
Bagni di Mario – Cisterna di Valverde

La cisterna fu realizzata dall’architetto palermitano Tommaso Laureti nel Rinascimento nell’ambito del rinnovamento voluto da Papa Pio IV a metà del Cinquecento.

L’opera non è molto conosciuta a livello turistico ma ha comunque un suo valore. In sostanza raccoglieva le acque delle colline di Bologna e le convogliava verso il centro città alimentando la famosa fontana del Nettuno.

Interessante quindi comprendere questa attrazione dal punto di vista storico e architettonico. Il focus della visita è l’ingegnosità e la complessità delle competenze idrauliche già nel Rinascimento.

Attraverso un excursus nella storia della città sotterranea, si scoprono i misteri e le curiosità legati a questo sito. Potrebbe essere l’occasione, per chi torna a Bologna e conosce già le attrazioni principali, per approfondire un pezzo di storia fuori dalle classiche rotte turistiche.

Passiamo a qualche informazione pratica. La visita ai Bagni di Mario dura circa un’ora, si svolge tra gli archi e i cunicoli dell’antica struttura in compagnia di una guida turistica. Non è previsto l’ingresso in autonomia.

Data la temperatura all’interno della cisterna più bassa rispetto all’esterno, anche d’estate è consigliabile portare una felpa o una giacca.

È obbligatoria la prenotazione contattando l’Associazione “Succede solo a Bologna”.

Orari di apertura e costo del biglietto per i Bagni di Mario

Orari e giorni di apertura: il calendario delle visite viene aggiornato periodicamente dall’Associazione ed è consultabile sul loro sito ufficiale.

Costo del biglietto: l’ingresso tramite “Succede solo a Bologna” prevede un’offerta libera facoltativa al termine della visita guidata.

Come arrivare: la Cisterna di Valverde si trova a dieci minuti di passeggiata da Porta San Mamolo: si accede dal civico 10 attraverso una scala in mezzo ai palazzi che conduce nei sotterranei.
In Autobus: Linea 29

Cosa mangiare a Bologna

16

La fama gastronomica di Bologna risale al Medioevo, quando l’affluenza di studenti e professori provenienti da ogni parte del mondo rese necessario un arricchimento della cultura gastronomica.

La cucina bolognese, come quella emiliana in genere, è varia ed abbondante. Oltre ai famosi tortelli, preparati ancora a mano da esperti pastai e serviti rigorosamente in brodo, pasta all’uovo e carne di maiale sono i protagonisti delle tavole, e dalle diverse combinazioni di questi due elementi nascono alcune piatti tipici.

mortadella bologna
Cosa mangiare a Bologna

Tra questi, da citare il ragù, preparato con carni miste di maiale, vitello e manzo; le tagliatelle, preparate con farina e uova; le lasagne, condite a strati alterni di ragù, besciamella e parmigiano e la cotoletta alla bolognese, ricoperta da formaggio e da una fetta di prosciutto crudo.

Sempre dalla carne di maiale nasce la mortadella, un salume tipico da cui non solo si ricava il ripieno per i tortelli, ma anche una spuma da utilizzare da accompagnamento per tartine e crostini.

Tra i dolci, è da ricordare il celebre certosino: si tratta di un dolce natalizio preparato con miele, mandorle, frutta candita, pinoli, burro, uva sultanina, cannella e cioccolato fondente.

Si mangia ovunque bene, ma se amate i giovani e la vita serale, la vostra destinazione è il “Quadrilatero” intorno a Piazza Maggiore. Da non perdere anche una visita al FICO, il centro commerciale del cibo italiano d’eccellenza che si raggiunge con l’autobus dalla stazione di Bologna. Mettete in conto che ci vuole almeno mezza giornata per girarlo tutto.

Risparmiare a Bologna con la Welcome Card

La Bologna Welcome Card è il pass turistico che permette di vedere il meglio di Bologna – attrazioni, musei, esperienze – ammortizzando i costi. Il risparmio è netto (fino a 78 euro) rispetto all’acquisto di biglietti singoli per ogni attrazione. Scopri di più nella pagina Bologna Welcome Card.

Dove dormire a Bologna

HUna costante presenza di studenti, professori, uomini d’affari e turisti fanno rendono difficile trovare un posto letto a prezzo basso, soprattutto in alta stagione. Ma non disperate, perché Bologna ha un’eccellente capacità ricettiva fatta di hotel, B&B e appartamenti.

Gli hotel del centro storico sono i più costosi, ma scartateli se volete arrivarci in auto: Bologna ha una ZTL ampissima e fioccano le multe per accessi non autorizzati. Appena fuori dal centro o nei pressi della stazione ci sono hotel piccoli e B&B in cui non manca il calore, l’ospitalità e la cordialità tipici dei bolognesi. I prezzi degli hotel partono da 50 euro per notte in hotel 3 stelle.

Se state cercando un hotel a Bologna, vi consigliamo di scegliere tra quelli offerti da Booking.com. Ci sono circa 120 hotel con prezzi, foto e i commenti di chi ha soggiornato prima di voi. Vai a Booking.com

DINTORNI DI BOLOGNA

Cosa vedere a Bologna a piedi in un giorno?

Bologna
Questo itinerario indica in modo sintetico cosa vedere a Bologna a piedi in un giorno. Via Indipendenza e i portici (20 minuti) Dalla stazione si prende a sinistra e subito a destra Via Indipendenza. Godetevi la lunga fila di Portici che porta direttamente in Piazza Maggiore. Piazza...

Cosa fare e vedere a Ravenna: 15 luoghi imperdibili

Ravenna
Ravenna si può definire con certezza un tesoro sconosciuto alla maggioranza degli italiani. Oscurata dalle più famose città d'arte italiane (Firenze, Roma, Venezia, Napoli) è in realtà una cittadina straordinaria che ha diversi capolavori da vedere almeno una volta e attira turisti e appassionati...

10 cose da fare e vedere a Ferrara

Ferrara
La definizione di "Città delle biciclette", come è comunemente definita Ferrara, lascia trasparire già lo spirito di questa bella città dell'Emilia. Atmosfera rilassata, poche auto nel centro storico, spazi vivibili, gente che lavora ma si gode anche la vita. Non sembra essere cambiata molto,...

Il borgo e il Castello di Montebello

Il borgo e il Castello di Montebello
Il borgo e il Castello di Montebello in Emilia-Romagna: la rocca con la leggenda di Azzurrina, le chiese, cosa mangiare e altre informazioni utili per visitare il paese in provincia di Rimini.

Il borgo di Brisighella

Piazza Marconi a Brisighella
Il borgo di Brisighella in Emilia-Romagna: monumenti, chiese, cosa mangiare e altre informazioni utili per visitare il paese in provincia di Ravenna.

Cosa vedere nel borgo di San Leo

Il Borgo di San Leo
San Leo il piccolo borgo in provincia di Rimini. Storia, monumenti, leggende, cosa mangiare e altre informazioni utili.

10 cose da fare e vedere a Parma

Parma
Non fidatevi di chi vi dice che per conoscere Parma bastano solo poche ore. Non è una meta di passaggio da liquidare con un giro veloce in centro: è una bella città italiana, ricca di monumenti importanti, diverse chiese da non perdere, un museo...

10 cose da fare e vedere a Piacenza

Piacenza Piazza Cavalli
Una guida completa e dettagliata alle 10 cose da fare e vedere a Piacenza

Cosa fare e vedere a Rimini: i luoghi imperdibili

Rimini
Rimini non è solo una città ma un intero immaginario collettivo. Cartoline, film, canzoni, tramandano da decenni il sogno di questo luogo diventato nel mondo sinonimo di mare, estate e divertimento. Eppure, dietro la reputazione di città da visitare solo per le vacanze, Rimini...

Cosa vedere a Comacchio

Cosa vedere a Comacchio
Il fascino della laguna incanta chiunque decide di girare per le vie del centro storico di Comacchio tra Ferrara e Ravenna, un dedalo di stradine e di canali racchiusi in un’atmosfera d’altri tempi. Un tempo che sembra scorrere lento davanti ad un buon vino...

Cosa fare e vedere a Modena

Cosa vedere a Modena
Le motivazioni per visitare Modena sono tre e sono molto semplici: l'arte, il cibo, i motori. Partiamo dall'arte: Piazza Grande, dal 1997 sito UNESCO, è già un motivo sufficiente per visitare la bella città emiliana. Il Duomo, la Torre Ghirlandina e il Palazzo Comunale formano...

Castelvetro di Modena: il borgo con la piazza a scacchiera

Castelvetro di Modena
A pochi chilometri da Modena c'è Castelvetro, uno dei borghi più belli d'Italia. Considerato la perla della provincia, Castelvetro e la frazione di Levizzano Rangone emergono da un paesaggio dolcissimo, fatto di filari di viti di Lambrusco e colline disegnato nei secoli dall'uomo. Un...

Cosa vedere a Bobbio (Piacenza) e dintorni

Bobbio
Il borgo di Bobbio è considerato uno dei più belli d'Italia e rientra nelle classifiche di quei luoghi che tutti prima o poi hanno visto in cartolina e decidono di visitare. La visita, però, è di solito frettolosa e si limita a una foto ricordo...

Cosa fare e vedere a Reggio Emilia e dintorni

Cosa vedere a Reggio Emilia
Reggio Emilia condivide con la vicina Modena uno strano destino: è una bella città d'arte, ospitale e molto vivibile, ma è quasi mai citata come meta per un week end o una vacanza. Eppure di motivi per visitare Reggio Emilia ce ne sono diversi:...
Alfonso Cannavacciuolo è un copywriter e redattore professionista. Scrive per aziende e agenzie pubblicitarie. Insegna scrittura in master e università e ha pubblicato tre manuali di scrittura con Hoepli editore. Appassionato di viaggi e fotografia, scrive guide e reportage. Ha fondato 10cose.it nel 2009. Oggi 10cose.it è uno dei principali portali turistici italiani.