Sicurezza e zone pericolose a Bruxelles

Tutte le informazioni per non correre rischi e assicurarsi una vacanza tranquilla, quali zone della città evitare e i numeri a cui rivolgersi in caso di emergenza.

Bruxelles è una città relativamente tranquilla e ben sorvegliata, soprattutto nelle zone centrali. I recenti attentati di matrice islamista sono da considerarsi eccezioni imprevedibili in una capitale che resta una delle più tranquille d’Europa. I crimini sono più diffusi nei sobborghi della capitale, dove però non c’è nessun motivo di andare. Ovviamente come in tutte le grandi città, la grande presenza di turisti attrae piccoli e grandi ladri in cerca di un modo per guadagnarsi facilmente da vivere. I reati più diffusi, quindi, sono quelli classici di cui sono vittima i turisti: furti e borseggio, soprattutto nei pressi dei monumenti più affollati e nei mezzi pubblici. Ecco alcuni consigli per non rovinarvi la vacanza a Bruxelles. 

Le zone di Bruxelles da evitare e quelle in cui stare più attenti

Evitate i sobborghi di Schaarbeek, Brussels North, Bruxelles Center, Molenbeek e Anderlecht. Nel centro di Bruxelles non ci sono zone particolarmente pericolose:
le zone dove si registrano più furti a danno dei turisti sono le fermate della metro più affollate (in particolare Midi). Tra le strade in cui stare attenti la più trafficata dai borseggiatori e Rue des Bouchers, dove ci sono diversi ristoranti per soli turisti. Qui il borseggio è molto diffuso, soprattutto a danno di turisti distratti seduti ai tavoli. Di notte fate attenzione e guardatevi intorno nei tunnel che collegano le diverse fermate della metro e se prelevate soldi ai bancomat.

Cose da non fare a Bruxelles e un po' ovunque

Evitate di mostrare tutto il contante che avete e dividetelo in diversi tagli da tenere separati.
Quando siete a ristorante o seduti ad un tavolino di un caffè, non appendete la vostra borsa alla sedia; non lasciate incustodita la borsa nei camerini dove provate gli abiti.
Non poggiate telefonino e portafogli sui tavolini o sui banconi nei locali pubblici; non metteteli in una tasca esterna della vostra borsa o dei pantaloni.
Assicuratevi di aver chiuso bene porte e finestrini della vostra auto, non lasciate in vista telefonino, macchinetta fotografica, portafogli e borse anche se vuoti: qualcuno potrebbe essere tentato di forzare la serratura o rompere un vetro dell’auto.
Portate in viaggio con voi una fotocopia del vostro documento d‘identità che lascerete nel vostro Hotel a Bruxelles. In caso di smarrimento: se l’avete perso contattate il consolato, mentre se vi è stato rubato fate anche la denuncia alla polizia.

A chi rivolgersi per chiedere aiuto a Bruxelles

La Polizia è riconoscibile dalla scritta Police/Politie e le auto bianche e blu.
Il numero per chiamare la Polizia in caso di emergenza è il 112, numero unico europeo o il 101.
Molto probabilmente vi risponderanno in fiammingo o francese, quindi se non conoscete queste due lingue, passate il telefono ad un belga che potrà aiutarvi a chiedere aiuto.

Ambasciata italiana a Bruxelles

Se nonostante tutto qualcosa è andato storto a Bruxelles c’è l’Ambasciata italiana a cui rivolgersi.
Ambasciata d’Italia a Bruxelles
28, Rue Emile Claus
1050 Bruxelles
Tel.: +32 2 643 38 50
Fax: +32 2 648 54 85
Cellulare di servizio: 0032 477312964
E-mail: ambbruxelles@esteri.it

In caso di emergenza sanitaria

Nel caso di piccoli o grandi emergenze sanitarie (incidenti, malori) gli italiani a Bruxelles hanno diritto all’assistenza sanitaria gratuita. Trovate tutte le informazioni nella nostra pagina Sanità, ospedali e pronto soccorso a Bruxelles.