Castellò D’Empuries e Empuriabrava in Costa Brava

Tutte le informazioni su Castellò ed Empuriabrava in Costa Brava. Come arrivare, cosa vedere, le spiagge più belle, dove mangiare, ristoranti, dove dormire, hotel e altre informazioni pratiche.

Empuriabrava
Empuriabrava

E’ un po’ difficile sintetizzare il territorio di Castellò D’Empuries. Il centro storico del paesino che porta questo nome è un vero gioiello medievale della Costa Brava: strade acciottolate, balconi con gerani, viuzze strette. Sembra di stare in un paesino della Toscana.

Poi c’è la Castellò del cemento, quella della marina residenziale più grande del mondo. Dove una volta c’erano spiagge e terra ora ci sono 24 Km di canali navigabili e migliaia di case che invece del posto auto hanno fuori un posto barca.

Stiamo parlando di Empuriabrava, una struttura urbanistica non male; a guardarla bene ha anche qualcosa di affascinante. Quello che lascia molto perplessi sono i grattacieli per turisti costruiti quasi fino dentro l’acqua del mare. Un vero scempio su 7 km di coste non prive di bellezza. E quasi a farsi perdonare questi orrori, c’è la Castellò della Riserva del Parc Natural dels Aiguamolls de l’Empordà.

Le spiagge di Castellò ed Empuriabrava

Castellò ha 7 km di spiagge su cui gli uomini hanno deciso di accanirsi per bene. Le tre più importanti sono La Rovina, Empuriabrava e Can Comes. Si trovano tutte a ridosso dei palazzoni costruiti sul lungomare; ci si arriva facilmente, a piedi o in auto. Delle tre, solo Can Comes è più tranquilla. Le altre due sono le più rovinate della Costa Brava dal punto di vista naturalistico, ma le più vive dal punto di vista turistico. C’è praticamente di tutto: scuole di surf, vela, campi di beach volley, animazione.

Cosa vedere a Castellò

Quasi niente a Empuriabrava. Castellò ha un centro storico bellissimo che conserva intatto un ricco patrimonio architettonico, in cui spicca la splendida chiesa in stile gotico di Santa Maria, del XIV secolo, con un campanile in stile romanico. Altri edifici interessanti sono la Casa Gran (secolo XIV), il portal de la Gallarda (secoli XI-XII), la antica Lonja de Mar, il Pont Vell, il convento de Santa Clara (secolo XI). Per chi ama la natura, c’è il parco Naturale dels Aiguamolls de L’Empordá, la più importante riserva di fauna e vegetazione della provincia. Nei dintorni, a pochi chilometri, ci sono Figueres con il Museo dedicato a Salvator Dali, Girona e gli altri paesini della Costa Brava, in particolare Tossa de Mar e Cadaques.

Dove mangiare a Castellò

Nella zona di Empuriabrava i ristoranti sono attrezzati per rispondere agli assalti dei turisti affamati. Buona parte dei ristoranti servono cucina a buffet che tende a soddisfare i gusti di persone provenienti da ogni parte d’Europa. Niente di straordinario, quindi. Un buon tapas bar, conosciuto soprattutto per la scelta di salumi spagnoli, è Casa Rosendo; si trova a Empuriabrava in Calle Sant Mori 11, una parallela di Avinguda de Fages. Una tapas costa 2,50 €. Posto molto affollato.

Dove dormire a Castellò/Empuriabrava

Per dormire a Castellò/Empuriabrava e dintorni consigliamo di prenotare in anticipo. Potete verificare disponibilità e offerte in Costa Brava con Booking.com, uno dei leader mondiali per la prenotazione on line di hotel e alberghi. Quasi 3000 struttura in Costa Brava con foto, descrizioni dettagliate, prezzi, disponibilità e i commenti di chi ha già soggiornato.

Pubblicità
Alfonso Cannavacciuolo è un copywriter e redattore professionista. Scrive per aziende e agenzie pubblicitarie. Insegna scrittura in master e università e ha pubblicato tre manuali di scrittura con Hoepli editore. Appassionato di viaggi e fotografia, scrive guide e reportage. Ha fondato 10cose.it nel 2009. Oggi 10cose.it è uno dei principali portali turistici italiani.