Documenti necessari per andare a Londra (dopo la Brexit)

[AGGIORNAMENTO 2021] Tutte le informazioni sulla validità della carta d'identità, passaporto, visto, patente e tessera sanitaria italiane a Londra.

Clima, meteo e temperature a Londra

Cosa cambia dopo la Brexit?

Il 23 giugno 2016 il Regno Unito ha votato per l’uscita dall’Unione Europea (Brexit). Ci sarà un periodo di transizione da gennaio 2021 a ottobre 2021, quando cambierà tutto: la carta d’identità non sarà più un documento valido e ci sarà bisogno del passaporto o del visto in base alla durata del soggiorno. Ecco le informazioni da conoscere prima di mettersi in viaggio per il Regno Unito!

Soggiorni per viaggi e week end: carta d'identità e poi passaporto

Fino al 1 ottobre 2021 non cambierà nulla e potremo continuare ad entrare nel Regno Unito con la carta d’identità italiana. Potremo ancora fare viaggi e vacanze fino a 6 mesi senza bisogno di passaporto o visto. Per un normale week end a Londra o un soggiorno in giro per il Regno Unito, quindi, non cambia molto. Dopo il 1 ottobre 2021 non potremo usare più la carta d’identità nazionale ma avremo bisogno di un passaporto con validità di almeno 6 mesi. Si potrà andare più volte a Londra e nel Regno ma non si potrà lavorare o accedere a fondi pubblici. Si potranno anche seguire corsi di studio ma non devono durare più di 30 giorni.

Lavorare a Londra: sarà necessario il visto

Il sogno di molti italiani di fare un’esperienza di lavoro a Londra finisce qui. Non sarà più possibile partire all’avventura e trovare un lavoretto come cameriere in qualche bar o pub come primo lavoro. Sarà necessario avere già un contratto di lavoro prima di partire con un guadagno assicurato di almeno 28.000 euro l’anno. Ma non basta perché ci sarà una selezione all’ingresso che valuterà il livello delle proprie specializzazioni e la padronanza della lingua inglese.

Erasmus a Londra

Finisce anche il sogno di molti ragazzi italiani di fare l’Erasmus a Londra o nel Regno Unito. Il programma è stato chiuso e non sarà più possibile andare nel Regno Unito o ospitare ragazzi inglesi nelle università italiane.

Portare animali domestici a Londra

Con la Brexit non cambia nulla se volete portarvi dietro il compagno di giochi tutto peli. Quindi è necessario munirsi di:

  • passaporto per animali obbligatorio nei paesi dell’Unione Europea
  • microchip
  • dimostrare di aver effettuato la vaccinazione antirabbica (si dovranno attendere 21 giorni dalla vaccinazione prima della partenza) e il trattamento contro la tenia (somministrato da 1 a 5 giorni prima della partenza).

Per ottenere il passaporto è necessario che il vostro animale abbia il microchip o il tatuaggio per l’identificazione e che abbia fatto tutte le vaccinazioni previste dalla legge.
Tuttavia, non sono ammessi in Gran Bretagna alcune razze canine e anche cani che presentano caratteristiche comuni alle razze in questione: Pitbull Terrier, Dogo Argentino, Tosa e Fila Brasileiro.

Patente e certificato di assicurazione

Se arrivate a Londra in auto o intendete noleggiarne una sul posto, potrete guidare con la patente italiana. Per circolare non è necessario avere la Carta Verde, basta la carta di circolazione del veicolo. Se l’auto non è vostra, meglio farvi firmare una delega a condurre autenticata da un notaio.

Tessera sanitaria

C’è ancora molto confusione sull’assistenza sanitaria che gli italiani possono ricevere a Londra dopo la Brexit. Sarà sicuramente a pagamento e la tessera sanitaria italiana servirà solo per avere assistenza sanitaria di base. Con questo documento potrete ricevere cure e assistenza di base negli ospedali pubblici. Il Governo inglese consiglia di stipulare un’assicurazione di viaggio che rimborsi eventuali spese mediche, quindi questo lascia supporre che per gli europei l’assistenza sarà a pagamento.  Per ulteriori informazioni sull’assistenza sanitaria, visita la nostra pagina Sanità e Ospedali a Londra.