Il borgo di Certaldo

Il borgo di Certaldo in Toscana: monumenti, chiese, cosa mangiare e altre informazioni utili per visitare il paese di Boccaccio.

Il Borgo di Certaldo
Il Borgo di Certaldo

Non lasciatevi ingannare da Certaldo bassa che è una cittadina recente, moderna e con tutti i limiti estetici di un luogo in cui ci sono case in cemento e macchine. Prendete la funicolare e salite verso Certaldo Alto. Qui il tempo si è fermato e il borgo, difeso da tre porte, è rimasto sostanzialmente uguale a quando vi è nato, vissuto e morto Boccaccio. Siamo in provincia di Firenze, nella Valdelsa, non distanti da Siena e San Gimignano, in quella Toscana ricca di arte, natura e cultura. Certaldo è famoso nel mondo perché ha un centro storico medievale praticamente intatto che si snoda lungo un’unica strada principale (Via Boccaccio) senza nessuna grande piazza.

Il Palazzo Pretorio di Certaldo

Il Palazzo Pretorio di Certaldo
Il Palazzo Pretorio di Certaldo

Alla fine di Via Boccaccio, la strada principale di Certaldo Alta c’è il Palazzo Pretorio, il monumento più importante del borgo. Si riconosce da lontano per la scalinata, la facciata in cotto e, soprattutto, per la grande quantità di stemmi alcuni dei quali di grande pregio. Costruito verso la fine del XII secolo come dimora dei Conti Alberti ha subito molte vicissitudini: dal 1420 ci ha vissuto il Vicario di Firenze e questo spiega la loggetta sulle scale. Da qui il magistrato fiorentino poteva parlare al popolo raccolto in basso. Privato degli arredi durante la Rivoluzione Francese, dalla fine del 1800 appartiene al comune che lo ha riqualificato. Oggi è un Museo. La visita al Palazzo è una specie di viaggio nella giustizia medievale: si passa dalle sale di udienza (con l’ammonimento ai giudici ascolta tutto ma credi a pochissimo), le Stanze dei Tormenti dove venivano torturati, la Cappella dove i condannati a morte pregavano l’ultima notte, il Carcere dove scontavano la pena.

Informazioni per la visita

Orari di apertura: alta stagione (aprile / ottobre):
Tutti i giorni: 9.30 – 13.30 / 14.30 – 19.00
Bassa stagione (novembre / marzo):
Tutti i giorni: 9.30 – 13.30 / 14.30 – 16.30. Chiuso il martedì

BIGLIETTO UNICO SISTEMA MUSEALE
Per ingresso a due musei (Palazzo Pretorio e Casa Boccaccio)
INTERO: Euro 4,00 per persona
RIDOTTO: Euro 3,00 per persona
Per ingresso a tre Musei (Palazzo Pretorio, Casa Boccaccio, Museo di Arte Sacra)
INTERO: Euro 6,00 per persona
RIDOTTO: Euro 4,00 per persona

Ex Chiesa dei Santi Tommaso e Prospero

Ex Chiesa dei Santi Tommaso e Prospero
Ex Chiesa dei Santi Tommaso e Prospero

Accanto al Palazzo Pretorio c’è la Chiesa dei Santi Tommaso e Prospero con uno straordinario ciclo di affreschi di Benozzo Gozzoli. La chiesa è a unica navata con tetto a capanna, molto semplice. L’attenzione è tutta concentrata proprio sull’opera di Benozzo Gozzoli. In realtà gli affreschi si trovavano nel Tabernacolo dei Giustiziati, un piccolo edificio in muratura (oggi semidistrutto) che si trova fuori dalle mura di Certaldo nei pressi del torrente Agliena sulla via Francigena. L’opera è del 1465 circa ma solo nel 1957 è stata staccata dal Tabernacolo originario per essere ricostruita nella chiesa. A Certaldo Bassa c’è un’altra chiesa con lo stesso nome dove oggi si conserva il “Crocifisso” trecentesco venerato dalla Beata Giulia che era ospitato qui fino al XIX secolo.

Chiesa dei Santi Jacopo e Filippo

Chiesa dei Santi Jacopo e Filippo
Chiesa dei Santi Jacopo e Filippo

In questa chiesa sono custodite le spoglie di Giovanni Boccaccio che a Certaldo nacque e passò quasi tutta la sua vita. Sotto la grande lapide in marmo bianca in realtà non ci sono le spoglie del letterato che si trovano un po’ più in là, sotto una piccola mattonella bianca. La chiesa ospita anche le spoglie della beata Giulia, patrona di Certaldo. Ci sono diverse opere interessanti tra cui una Madonna della Neve attribuita a Giovanni della Robbia e alla sua scuola. Il “pezzo forte” della chiesa è il Crocifisso di Patrignano o di San Donnino. Opera del 1240 circa è una scultura in legno molto grande (2,20 x 2,05) di autore ignoto. Si tratta di un Crocifisso “triumphans” in cui Gesù ha gli occhi spalancati ad indicare il suo trionfo sulla morte. La chiesa ha anche un chiostro da cui si accede al Museo di Arte Sacra di Certaldo.

La Casa di Boccaccio

La Casa di Boccaccio
La Casa di Boccaccio

Una visita alla casa di Giovanni Boccaccio è più un omaggio dovuto che un modo per scoprire dove viveva il poeta. La casa, infatti, fu distrutta durante un bombardamento della Seconda Guerra Mondiale e quella visibile oggi è solo una ricostruzione abbastanza fedele dell’originale. All’interno c’è un affresco che ritrae Boccaccio (1820). Da settembre 2008 il Museo di Casa del Boccaccio ospita una collezione di costumi teatrali indossati da figure di donne raccontate nella novelle del Decameron. Oggi è sede dell’Ente Nazionale Giovanni Boccaccio.

Informazioni per la visita

Orari di apertura: alta stagione (aprile / ottobre):
Tutti i giorni: 9.30 – 13.30 / 14.30 – 19.00
Bassa stagione (novembre / marzo):
Tutti i giorni: 9.30 – 13.30 / 14.30 – 16.30. Chiuso il martedì

BIGLIETTO UNICO SISTEMA MUSEALE
Per ingresso a due musei (Palazzo Pretorio e Casa Boccaccio)
INTERO: Euro 4,00 per persona
RIDOTTO: Euro 3,00 per persona
Per ingresso a tre Musei (Palazzo Pretorio, Casa Boccaccio, Museo di Arte Sacra)
INTERO: Euro 6,00 per persona
RIDOTTO: Euro 4,00 per persona