Cosa fare e vedere a Sintra in Portogallo

Le cose da fare e vedere assolutamente durante un week end o una vacanza a Sintra.

Cosa vedere a Sintra
Cosa vedere a Sintra

Sintra è una splendida cittadina portoghese riconosciuta dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità per le sue meraviglie architettoniche, naturalistiche e monumentali. La sua posizione strategica, a soli 30 km da Lisbona, la rende una delle mete più ambite dai viaggiatori che desiderano conoscere un Portogallo più autentico, selvaggio e pittoresco. La maggior parte dei turisti che soggiorna a Lisbona sceglie di visitarla in un solo giorno, ma per scoprire tutte le sue affascinanti attrazioni e l’incredibile foresta in cui è immersa – la Serra de Sintrasi consiglia di dedicarle almeno due o tre giorni.

Con la sua atmosfera tutta da scoprire tra negozi, botteghe, ristoranti e pasticcerie, la piccola città di Sintra è completamente circondata da colline e montagne. Un contesto bucolico che caratterizza la regione portoghese in cui si trova, l’Estremadura, e che ha un nome magico e suggestivo: il Monte da Lua, ovvero il Monte della Luna.

A rendere Sintra, insieme ai suoi dintorni, una località celebre in tutto il mondo sono i suoi paesaggi naturali, i suoi boschi incantevoli, i parchi immensi e i sentieri montuosi che li attraversano, ma anche i suoi palazzi maestosi, le ville da fiaba, gli edifici eleganti e i suoi castelli stravaganti. Un posto unico che affascinò anche personaggi illustri del passato come Hans Christian Andersen, che la definì “il posto più bello del Portogallo”, e il poeta inglese Lord Byron che la considerò un vero “giardino dell’Eden”.

La presenza di queste ville e palazzi storici che costellano la Serra de Sintra non è casuale. Il clima fresco di queste selvagge colline l’ha resa un luogo ideale per la nobiltà portoghese, in cui potersi rifugiare dal torrido caldo di Lisbona. Tra fine ‘800 e inizio ‘900, infatti, molti aristocratici scelsero questa regione per costruirvi le loro splendide residenze estive, tutte da scoprire e ammirare, in un vero e proprio viaggio nel passato portoghese nel corso dei secoli.

In questa pagina vi consigliamo le 10 cose da fare e vedere assolutamente nel Gargano durante una vacanza o un week end.

Se state cercando un hotel, un appartamento o un B&B a Sintra, vi consigliamo Booking.com. Circa 500 hotel con foto, servizi, prezzi e commenti di chi ha già soggiornato. Vai a Booking.com.

Palàcio da Pena a Sintra

1

Probabilmente lo avrete già visto sulle guide e sui blog di viaggio o nelle foto postate sui social, facendovi incantare dalla particolarità di questo palazzo che ricorda un castello spuntato fuori da un libro di favole. Considerato una delle Sette Meraviglie del Portogallo ed eletto Patrimonio UNESCO, il Palàcio da Pena è l’attrazione più amata da turisti e visitatori per i magnifici scenari naturalistici in cui è immerso, per le sue particolarità architettoniche e per le sue origini storiche.

Palàcio da Pena a Sintra
Palàcio da Pena a Sintra

A renderlo singolare sono i suoi colori vivaci, che vanno dal giallo al rosso al blu, ma anche le forme delle cupole, delle torri, delle porte e delle finestre, davvero insolite e sorprendenti. L’edificio fu fatto costruire da re Ferdinando II per soddisfare un suo desiderio alquanto bizzarro: quello di trasformare un’opera lirica in una struttura architettonica. E infatti, con i suoi profili, le sue cromie e le sue decorazioni, questo palazzo sembra proprio una melodia materializzata. I suoi ambienti sono caratterizzati da un mix di stili architettonici: arabo, gotico, manuelino, rinascimentale, barocco. Le sale interne sono state restaurate fedelmente come dovevano apparire nel 1910, quando la famiglia reale dovette fuggire a causa della rivoluzione. Sontuosi letti a baldacchino, dipinti d’epoca, splendidi affreschi su soffitti e pareti: è qui che la regina Amélia trascorse la sua ultima notte in Portogallo prima di scappare in Brasile.

Una curiosità: Palàcio da Pena significa “Palazzo delle Piume” e sta a indicare la “leggera sontuosità” dell’edificio che, quando lo si scorge da lontano in cima alla sua collina, sembra etereo, quasi surreale.

Il contesto naturalistico in cui è immerso Palacio da Pena amplifica il romanticismo del posto. Si può passeggiare in un magnifico parco all’inglese, ricco di vegetazione esotica e sequoie, tra sentieri nascosti e punti panoramici da cui si può ammirare la Serra de Sintra, la foresta che ricopre le colline che circondano il palazzo, e il Castello dos Mouros.

Orari di apertura e costo del biglietto per il Palàcio da Pena a Sintra

Indirizzo: Estrada da Pena, 2710-609 Sintra, Portogallo

Come arrivare:

  • In treno da Lisbona, dalla stazione di Rossio o di Oriente, prezzo a/r: 4,50 euro
  • In autobus da Lisbona numero 434 dalla stazione di Rossio, prezzo a/r: 6,90 euro (soluzione più consigliata perché l’autobus arriva fino al Palazzo)

Orari di apertura:

Palazzo:

  • aperto tutti i giorni tranne 1 gennaio e 25 dicembre
  • dalle 9.30 alle 18.30 (ultimo ingresso alle 17.30)

Parco:

  • aperto tutti i giorni tranne 1 gennaio e 25 dicembre
  • il parco è aperto dalle 9.30 alle 18.00 (ultimo ingresso ore 18.00)

Costo del biglietto:

  • Adulti: 10 euro
  • Ridotto dai 6 ai 17 anni: 8,50 euro
  • Over 65: 6,50 euro
  • Famiglie (2 adulti + 2 bambini): 33 euro
  • Per il Parco l’ingresso è gratuito

Quinta da Regaleira a Sintra

2

Se i fervidi colori del Palàcio da Pena non vi hanno stupito abbastanza, la Quinta da Regaleira vi sorprenderà con le sue atmosfere surreali e le sue forme stravaganti. Questa villa edificata nel XIX secolo si trova a soli 5 minuti a piedi dalla cittadina di Sintra, e sembra essere avvolta da un mistero insondabile, che si esprime attraverso i suoi passaggi nascosti, i suoi pozzi esoterici, le sue grotte-labirinto e i suoi simboli enigmatici. La Quinta, conosciuta anche come Tenuta della Regaleira, è considerata una villa-giardino ed è dal 1995 Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO.

Quinta da Regaleira a Sintra
Quinta da Regaleira a Sintra

L’edificio, già dimora di illustri famiglie portoghesi tra cui la Baronessa da Regaleria, fu personalizzato a inizio Novecento dall’architetto Luigi Manini per volontà dell’imprenditore Augusto Carvalho Monteiro che desiderava vivere in una villa dall’aspetto spettacolare come le scenografie teatrali già realizzate dallo stesso architetto. Lo stile è un mix tra il tardogotico, il rinascimentale e il manuelino, a cui furono aggiunti, su volontà dell’imprenditore, anche simboli mistici legati alla massoneria, all’alchimia, ai Templari.

Visitare la Quinta da Regaleria significa immergersi in un itinerario misterioso che coinvolge non solo il Palazzo ma anche il giardino circostante dove si trovano statue, pozzi e grotte. Un vero percorso iniziatico che ha il suo fulcro proprio nella visita ai due pozzi a spirale. Il Pozzo iniziatico è il più grande, una struttura a nove livelli da cui si snodano tunnel sotterranei che si possono percorrere. Guardando verso l’alto si può notare il suggestivo effetto del gioco ottico che crea la spirale, mentre sul fondo del pozzo si può vedere la Croce dei Templari. Probabilmente questo pozzo era utilizzato per dei riti di iniziazione, in cui la discesa e la risalita nella spirale sono simboli di Morte e Rinascita. Il Pozzo incompiuto, invece, come suggerisce il suo nome, non è mai stato completato, e consiste in un’unica scala dritta che collega i due pozzi attraverso delle piccole gallerie.

Orari di apertura e costo del biglietto per la Quinta da Regaleira a Sintra

Indirizzo: R. Barbosa du Bocage 5, 2710-567 Sintra, Portogallo

Come arrivare:

  • In treno da Lisbona, dalla stazione di Rossio o di Oriente, prezzo a/r: 4,50 euro
  • Con l’autobus 435 dalla stazione di Sintra, prezzo a/r: 5 euro

Orari di apertura:

Aperta tutti i giorni dell’anno, tranne 24 e 25 dicembre, e il 1° gennaio. Il 31 dicembre l’orario di apertura è dalle 9:30 alle 15:00 (ultima ingresso alle 13:00).

  • da aprile a settembre dalle 09.30 alle 20.00 (ultimo ingresso alle 19:00)
  • da ottobre a marzo: dalle 09.30 alle 18.00 (ultimo ingresso alle 17:00)
  • Il Palazzo, la Cappella e gli spazi espositivi chiudono mezz’ora prima del resto del Parco.

Costo del biglietto:

  • Intero: 8 euro
  • Ridotto dai 6 ai 17 anni: 5 euro
  • Bambini fino a 5 anni: gratuito

Il Castello dei Mori

3

Con le sue affascinanti rovine, il Castello dei Mori – in portoghese Castelo dos Mouros – è parte integrante del paesaggio collinare di Sintra, incastonato com’è tra le sue maestose rocce, oltre a rappresentare un’interessante testimonianza del dominio orientale.

Il Castello dei Mori
Il Castello dei Mori

Il Castello Moresco è un’antica fortezza difensiva edificata dai Mori nel IX secolo per proteggere la città di Sintra. Con la riconquista del 1147, fu costruita al suo interno la prima cappella cristiana dedicata a San Pedro. Il castello fu quasi completamente distrutto dal terremoto del 1755. Venne poi ristrutturato su volere di re Ferdinando II in stile romantico, ma mantenendo comunque il suo fascino di antica rovina, diventando un vero elemento caratterizzante del Parco. Da visitare nel Castello dei Mori: la piazza delle armi, la torre reale, le antiche stalle e la Porta dei Tradimenti, un’antica via di fuga durante le battaglie che però talvolta consentiva l’ingresso ai nemici.

Uno dei motivi per scoprire la fortezza è l’incredibile vista panoramica sull’intera regione di Sintra che si gode dai suoi bastioni.

Orari di apertura e costo del biglietto per il Castello dei Mori

Indirizzo: 2710-405 Sintra, Portogallo

Come arrivare:

  • In treno da Lisbona, dalla stazione di Rossio o di Oriente, prezzo a/r: 4,50 euro
  • Con l’autobus 435 dalla stazione di Sintra, prezzo a/r: 5 euro

Orari di apertura:

  • dalle 9 alle 18.30 (ultimo ingresso ore 18.00)

Costo del biglietto:

  • Intero: 8 euro
  • Ridotto dai 6 ai 17 anni: 6,50 euro
  • Over 65: 6,50 euro
  • Famiglie (2 adulti + 2 bambini): 26 euro

Il Convento dos Capuchos a Sintra

4

Quest’antico convento francescano del XVII secolo, situato a 7 km da Sintra, è considerato uno degli edifici più suggestivi della regione. Un luogo di quiete, silenzio e armonia completamente immerso nei boschi di Sintra, la cui semplicità architettonica e decorativa controbilancia la fastosa opulenza dei palazzi circostanti. La particolarità più affascinante del Convento dos Capuchos (o Convento de Santa Cruz) è il suo integrarsi perfettamente con il contesto naturale in cui è situato, con le sue strutture architettoniche letteralmente incastonate nella vegetazione della foresta e scavate nelle rocce della montagna.

Il Convento dei Cappuccini a Sintra
Il Convento dei Cappuccini a Sintra

Il suo aspetto selvaggio e il sentiero ripido da percorrere per raggiungerlo rendono il monastero una meta mai assaltata dai turisti, bensì scelta solo dai viaggiatori che desiderano scoprire come scorreva la vita quieta e metodica dei frati cappuccini, tutta dedicata alla preghiera, alla contemplazione e al contatto con la natura. Costruito nel 1560 per ospitare dodici frati francescani, il convento fu abitato fino al 1834, quando fu definitivamente abbandonato.

Chi riesce ad esplorare il convento resterà incantato dalle splendide decorazioni realizzate nell’unico materiale consentito a questo stile di vita semplice e umile: il sughero, utile anche per difendersi dalle rigide temperature invernali. Per questo motivo, oltre che come Convento dei Cappuccini, il complesso è conosciuto anche come “Convento da Cortiça” ovvero “Convento del Sughero”. Gli ambienti aperti ai visitatori sono i suoi spazi stretti e labirintici, le piccole e anguste celle dei monaci, la Capelinha, il Refettorio, una grotta, una cucina, i cortili e l’incredibile veduta panoramica.

Orari di apertura e costo del biglietto per il Convento dos Capuchos a Sintra

Indirizzo: Serra de Sintra

Come arrivare:

  • A piedi dal centro storico di Sintra (7 km)
  • In auto, poi 200 metri a piedi dal parcheggio
  • In taxi da Sintra (35 euro a/r)

Orari di apertura:

dal 25 ottobre al 1 marzo: dalle 10.00 alle 18.00 (ultimo ingresso alle 17.00)

  • dal 2 marzo al 24 ottobre: dalle 9.30 alle 20.00 (ultimo ingresso alle 19.00)

Costo del biglietto: 7 euro

Il Palacio Nacional di Sintra

5

Situato nella piazza centrale di Sintra, il Palazzo Nazionale di Sintra è il palazzo reale medievale conservato meglio in tutto il Portogallo ed è considerato, con i suoi “comignoli” gemelli, il simbolo della città.

Oggi il Palacio Nacional è di proprietà dello stato, ma per secoli è stato sede delle dinastie regnanti portoghesi. Costruito in origine dagli arabi, fu ampliato e allargato diverse volte dai monarchi portoghesi, che vollero arricchirlo e personalizzarlo con decorazioni pregiate, come gli splendidi azulejos del XV e XVI secolo, tra i più antichi del Portogallo.

Il Palacio Nacional di Sintra
Il Palacio Nacional di Sintra

A sorprendere il visitatore sono i due lunghi camini bianchi a tronco di cono, alti ben 33 metri, e i suoi ambienti interni decorati in stile gotico-moresco e impreziositi da giardini, cortili arabeschi e colonne tortili che ricordano l’Alhambra di Granada.

Il Palacio Nacional di Sintra offre un’interessante occasione per scoprire la storia del Portogallo a partire dalle sue origini arabe, in un affascinante viaggio nel tempo tra arredi d’epoca e sale che sfoggiano decorazioni molto particolari, come la Sala dei Cigni, la Sala delle Gazze, la Sala degli Stemmi, con i 72 stemmi delle più importanti famiglie cinquecentesche, e la Sala del Galeone, a forma di scafo di nave. Merita una visita anche la cucina, dove si trovano i due grandi forni in corrispondenza dei due comignoli, un luogo in cui sembra che il tempo non sia mai trascorso.

Orari di apertura e costo del biglietto per il Palacio Nacional di Sintra

Indirizzo: Largo Rainha D. Amélia, 2710-616 Sintra

Come arrivare:

  • In treno da Lisbona, dalla stazione di Rossio o di Oriente, prezzo a/r: 4,50 euro
  • In autobus da Lisbona, numero 434 dalla stazione di Rossio, prezzo a/r: 6,90 euro
  • Dalla stazione di Sintra al Palazzo: 10 minuti a piedi, o autobus 434 o 435

Orari di apertura:

  • Aperto tutti i giorni tranne il 25 dicembre e il 1 gennaio
  • dalle 9.30 alle 18.00 (ultimo ingresso alle 18.00)

Costo del biglietto:

Palazzo:

  • Intero: 10 euro
  • Ridotto (dai 6 ai 17 anni): 8,50 euro
  • Over 65: 8,50 euro
  • Famiglie (2 adulti + 2 bambini): 33 euro

Giardini: Ingresso gratuito

Palacio de Monserrate a Sintra

6

Il Palazzo di Monserrate è un vero e proprio gioiello, un edificio dalle caratteristiche decorative e architettoniche davvero sorprendenti situato a 3,5 km dal centro storico di Sintra. Monserrate è in realtà una tenuta che comprende una villa ottocentesca circondata da un meraviglioso parco di 30 ettari.

Palacio de Monserrate a Sintra
Palacio de Monserrate a Sintra

Gli splendidi giardini del parco furono ideati nel XVIII secolo dal facoltoso mercante inglese Gerard de Visme e poi ampliati dal pittore paesaggista William Stockdale. A creare e a finanziare lo stravagante palazzo agli inizi del 1800 fu invece Francis Cook, l’uomo più ricco d’Inghilterra e I Visconte di Monserrate che per le decorazioni di questo edificio si sbizzarrì con una combinazione di stili romantici, in cui si mescolano dettagli neogotici e di ispirazione moresca, indiana e islamica. All’interno del palazzo si possono visitare la Sala da Música e le lussuose sale di ricevimento come la Sala de Estar Indiana, la Sala de Jantar e la Biblioteca, tutte al piano terra. Al primo piano si trovano, invece, gli appartamenti privati.

Una passeggiata nei giardini di Monserrate vi consentirà di scoprire e ammirare ben 2500 specie botaniche che comprendono anche le piante esotiche della collezione personale di Francis Cook, provenienti da tutti i continenti del mondo e suddivise per aree geografiche. Tra gli esemplari più rinomati: il falso cipresso cinese, la Dracaena draco e il rododendro himalayano. Da non perdere il giardino messicano, con palme, yucca e agavi, e quello giapponese costellato da bambù e camelie.

Visitare il complesso di Monserrate è un’esperienza unica che vi condurrà in una passeggiata indimenticabile tra sentieri tortuosi, ponti, serre, statue, cascate, laghi e fontane.

Orari di apertura e costo del biglietto per il Palacio de Monserrate a Sintra

Indirizzo: Estrada de Monserrate 2710-405, Sintra

Come arrivare:

  • dalla stazione di Sintra: autobus 435

Orari di apertura:

  • dal 25 ottobre al 1 marzo: dalle 10:00 alle 18:00 (ultimo ingresso alle 17:00)
  • dal 2 marzo al 24 ottobre: dalle 10:00 alle 19:00 (ultimo ingresso alle 18:15)

Costo del biglietto:

  • Intero: 8 euro
  • Ridotto: 7 euro

Il Santuario da Peninha a Sintra

7

Se desiderate scoprire il punto panoramico più suggestivo di Sintra e siete in possesso di un’auto, dovete assolutamente recarvi alla Capela de Nossa Senhora da Peninha. Un santuario che si erge in cima, a circa 490 metri di altezza nel cuore della Serra de Sintra, e che comprende una piccola cappella e un palazzo, in un luogo brullo e selvaggio, lontano dai circuiti turistici più conosciuti.

Il Santuario da Peninha a Sintra
Il Santuario da Peninha a Sintra

La cappella attuale, in cui nel XVII secolo si rifugiò un eremita, sorge sui resti di una più antica cappella del XVI secolo, dove secondo una leggenda alcuni contadini furono testimoni dell’apparizione della Vergine Maria. Al suo interno la cappella è completamente rivestita di magnifici azulejos settecenteschi, bianchi e azzurri. Poco distante c’è il piccolo Palazzo da Peninha, costruito nel 1918 da Carvalho Monteiro, che progettò anche la Quinta da Regaleira la sua architettura è nello stesso stile romantico del Palacio da Pena. L’edificio non fu mai abitato e attualmente non è aperto al pubblico, così come anche la cappella.

Il motivo principale per giungere al santuario, oltre a godere la quiete del posto, è la possibilità di ammirare lo splendido panorama sulla costa della regione di Sintra e, nelle giornate più nitide, si può avvistare l’Arcipelago delle Isole Berlenga verso nord e Capo Espichel verso sud, sulla costa di Setubal.

Orari di apertura e costo del biglietto per il Santuario da Peninha a Sintra

Indirizzo: Estrada Nacional 247 – Peninha – Serra de Sintra, 2710 Sintra

Come arrivare: è possibile arrivare soltanto in auto

Cabo da Roca

8

Cabo da Roca è un luogo famoso in tutto il mondo perché rappresenta il punto più occidentale d’Europa. Situato su un selvaggio promontorio roccioso, a 140 metri di altezza sul livello del mare, Cabo da Roca fa parte del Parco Naturale di Sintra-Cascais e dista solo 17 km dalla città di Sintra. Ecco perché è una tappa imperdibile della costa portoghese per chiunque si rechi a Sintra o a Lisbona.

Cabo da Roca
Cabo da Roca

Vi consigliamo di raggiungerlo al tramonto, quando lo spettacolo suggestivo del sole che scompare nell’Oceano e delle onde che si infrangono sulle altissime scogliere a strapiombo è particolarmente intenso e sorprendente.

Esplorando questo posto di immensa bellezza si può ammirare il suo monumento principale, un’iscrizione in pietra che riporta la seguente dicitura del poeta portoghese Luís Vaz de Camões: “Aqui… Onde a terra se acaba e o mar começa…” e che tradotto in italiano significa “Qui… dove la terra finisce e il mare comincia”. Una citazione che descrive l’unicità di questo luogo considerato, fino al XIV secolo, il “confine del mondo”.

Qui si trovano anche il primo faro costruito in Portogallo, ancora un importante punto di riferimento per la navigazione, e alcuni resti di una fortezza che nel XVII serviva a difendere l’ingresso marittimo di Lisbona.

Da Cabo da Roca si può ammirare uno straordinario panorama sulla natura incontaminata della Serra di Sintra e sulla distesa oceanica che da qui sembra davvero non abbia mai fine. Attenzione a non oltrepassare mai la recinzione lungo il percorso perché le raffiche di vento sono sempre molto forti e imprevedibili, in ogni momento dell’anno!

Orari di apertura e costo del biglietto per il Cabo da Roca

Indirizzo: Estrada do Cabo da Roca s/n, 2705-001 Colares

Come arrivare:

  • In autobus dalla stazione di Sintra, linea 403. Costo: 4 euro a tratta

Orari di apertura: l’accesso è sempre aperto

Costo del biglietto: ingresso gratuito

Il Palazzo Nazionale di Queluz

9

Pochi sanno che a Queluz, una splendida cittadina situata a 16 km da Sintra, si trova la “Versailles del Portogallo”, una sontuosa residenza appartenente alla famiglia reale nel corso del XVIII secolo. Il Palazzo di Queluz, con il suo parco, sorprende i visitatori per il suo stile architettonico barocco ma anche per le storie intriganti dei nobili che abitarono tra queste mura.

Il Palazzo Nazionale di Queluz
Il Palazzo Nazionale di Queluz

La sua costruzione iniziò nel 1747 per diventare la residenza estiva di re Pedro III e della sua consorte, la regina Maria I. Sebbene fossero zio e nipote e avessero ben 17 anni di differenza, il loro fu un matrimonio molto felice e il palazzo diventò presto luogo di intrattenimento per tutti i reali, in cui si svolgevano concerti, feste e spettacoli pirotecnici. Purtroppo, dopo la morte del re e del suo primogenito, la regina Maria diventò pazza e visse rinchiusa fino alla morte in un’area del palazzo, oggi Padiglione della Regina Maria che ospita le visite ufficiali dei Capi di Stato.

Il palazzo di Queluz affascina per la facciata dallo stile rococò, con le pareti in rosa pastello e decorate con stucchi molto elaborati, e per la combinazione con altri due stili architettonici: barocco e neoclassico. Nelle 22 sale interne, tra cui la Sala del Trono ispirata alla sala degli Specchi di Versailles, si possono ammirare splendidi arredi portoghesi, ritratti di reali, porcellane cinesi, affreschi e colonne.

Nel parco del Palazzo Nazionale di Queluz si trovano incantevoli giardini in cui ci si può perdere tra laghetti, fontane e statue ispirate a racconti mitologici. Da non perdere il Canale degli Azulejos, con le pareti interamente decorate con meravigliosi azulejos che raffigurano scene fluviali e portuali. In questi giardini da 16 ettari la famiglia reale trascorreva le giornate estive andando in barca lungo il canale, passeggiando, ammirando i propri animali esotici in gabbia come leoni, tigri e scimmie, oppure assistendo a concerti di musica all’aperto.

Orari di apertura e costo del biglietto per il Palazzo Nazionale di Queluz

Indirizzo: Largo Palácio de Queluz, 2745-191

Come arrivare:

  • In treno dalla stazione di Sintra, fermata di Queluz-Belas. Dalla stazione di Queluz, proseguire a piedi fino al palazzo per 15 minuti.

Orari di apertura:

  • Palazzo: dalle 9.00 alle 18.00 (ultimo ingresso ore 17.30)
  • Giardini: dalle 9.00 alle 18.30 (ultimo ingresso alle 17.30)

Costo del biglietto:

Palazzo e Giardini

  • Intero: 10 euro
  • Ridotto (6 – 17 anni): 8,50 euro
  • Over 65: 8,50 euro
  • Famiglie (2 adulti + 2 bambini) – 33 euro

Giardini

  • Intero (18 – 64 anni): 5 euro
  • Ridotto (6 – 17 anni): 3,50 euro
  • Over 65: 3,50 euro
  • Famiglie (2 adulti + 2 bambini): 15 euro

Cosa mangiare a Sintra

10

Sintra è una regione che coinvolge sia le aree interne e montuose, sia la costa. Ecco perché tra i suoi piatti tipici ci sono specialità di terra – a base di carne, ortaggi e verdure – ma anche a base di pesce fresco.

Anche a Sintra è molto diffuso il baccalà (cucinato in tantissimi modi differenti) così come i tanti prodotti utilizzati per preparare gli appetitosi piatti della cucina portoghese: polpo, salumi, formaggi, patate, bistecche di bovini e suini. Tra i piatti tipici c’è il bacalhau à moda de Sintra, una sorta di pasticcio di baccalà e patate.

Cosa mangiare a Sintra
Cosa mangiare a Sintra

Tra i dolci tradizionali da provare assolutamente c’è la queijada di Sintra, un tortino preparato con una crema a base di zucchero, uova, farina e formaggio fresco, che riempie una pasta croccante sferica, poi ricoperta con una spolverata di cannella. Le sue origini sono antichissime: nel medioevo era considerata un’insolita modalità di pagamento per utilizzare l’eccesso di formaggio fresco prodotto in zona. Da non perdere anche i travesseiros de Sintra, dolcetti di pasta sfoglia ripieni di crema di mandorle.

Dove dormire a Sintra

HNonostante sia una località essenzialmente turistica, Sintra non è una meta molto costosa ed è questo il motivo per cui è particolarmente consigliata per trascorrervi un weekend romantico o un paio di giorni all’insegna dell’avventura. Il suggerimento è quello di pernottare in un hotel o un bed and breakfast nel centro della città, da cui potrete facilmente partire alla scoperta delle attrazioni e dei luoghi naturalistici da esplorare. In alta stagione i prezzi per un soggiorno in una camera per due persone vanno dai 50 ai 70 euro a notte, mentre in bassa stagione i prezzi per la stessa tipologia di alloggio variano dai 30 ai 60 euro.

Se state cercando un hotel, un appartamento o un B&B a Sintra, vi consigliamo Booking.com. Circa 500 hotel con foto, servizi, prezzi e commenti di chi ha già soggiornato. Vai a Booking.com.