Cosa comprare a Napoli

Napoli è ancora una delle città più economiche d’Italia. A seconda della disponibilità delle tasche, si può scegliere tra i negozi di grandi firme in via dei Mille, via Chiaia, Via Poerio e via Calabritto, le strade dello shopping più economico, Via Roma e Corso Umberto, e i caratteristici mercatini popolari. Da tipica città portuale e regno dell’arte di arrangiarsi, sarete chiamati a partecipare a mercati improvvisati e trattative ultra coreografiche. Vi potrà capitare di acquistare, per strada, un telefonino di ultima generazione, e scoprire che, in realtà, vi hanno rifilato una scatola vuota; al massimo, un telefonino di legno. Benvenuti nel pieno della tradizione napoletana: vi hanno appena fatto il “pacco”. Ovviamente, basta stare un po’ attenti per evitare di portarsi a casa questi souvenir costosi e inutili. Diffidate di chi vi propone un affare a prezzi scontati, all’angolo di un vicolo e con la fretta di avere i soldi. Affidatevi ad uno shopping più tradizionale, e se non sapete da dove iniziare, ecco i nostri consigli sui negozi e le cose da comprare a Napoli.

GAY ODIN A NAPOLI

1

La storia di Gay Odin è cominciata alla fine dell’800 con un profumo inebriante di cioccolata che si diffondeva tra i negozi e i caffè di via Chiaia. Gay Odin è una famosa azienda artigianale di Napoli che produce il cioccolato più buono di tutta la città grazie agli ingredienti di eccellente qualità e alla sperimentazione di nuovi gusti e dolcezze. I negozi Gay Odin sono 9 in tutta Napoli e producono ogni tipo di cioccolato: al latte, al peperoncino, fondente, al caffè, alla nocciola, all’arancia, a forma di diamante, ostrica, noce e cozza. Produzione tipica di quest’industria di dolcezza è il cioccolato “foresta”: tronchetti sottilissimi di diversi pezzi di cioccolata al latte, uniti insieme come fossero il ramo di un albero. Concedetevi qualche peccato di gola da Gay Odin e non siate avidi, portate qualche cioccolatino anche a casa!

via Cervantes, 32; via Toledo, 427; via Toledo 214; via V. Colonna, 15/ B; via Luca Giordano, 21; Centro Direzionale Isola E7; via Cilea, 189; via Benedetto Croce, 61; via Vetriera,12.

I NEGOZI NAPOLIMANIA

2

Se volete portare a casa un ricordo simpatico e divertente di Napoli, dovete assolutamente passare per Napolimania! Come dice lo stesso nome, in questa catena di negozi c’è una vera e propria “mania” per il caratteristico e folkloristico mondo dei napoletani: cappellini, t – shirt, orologi, targhette, poster e molto altro ancora, tutto riadattato o creato su misura per la realtà di Napoli. I più nostalgici potranno comprare un piccolo contenitore di latta che contiene l’aria di Napoli, i tradizionalisti potranno scegliere tra i vari Pulcinella e i plastici del Vesuvio con il golfo, mentre i più stravaganti avranno solo l’imbarazzo della scelta tra le tante magliette con una simpatica scritta, rigorosamente in napoletano.

a Spaccanapoli, via Roma, via Luca Giordano e aeroporto di Capodichino.

MARINELLA A NAPOLI

3

Tanta eleganza e raffinatezza concentrati in soli 20 metri quadrati: Marinella è il prestigioso marchio delle cravatte napoletane conosciute in tutto il mondo. Eugenio Marinella è il fondatore di questa lussuosa bottega che si affaccia sulla Riviera di Chiaia, dove le cravatte sono prodotte in modo rigorosamente artigianale e realizzate con tessuti di prima scelta. Pensate che queste cravatte “veraci” hanno fatto il giro di tutto il mondo: sono state al collo di Francesco Cossiga, Aristotele Onassis, Bill Clinton, Re Juan Carlos e del principe Alberto di Monaco. Ma non lasciatevi spaventare da questi personaggi illustri, le cravatte Marinella staranno benissimo anche a voi: attenti solo ai prezzi!

 

Piazza Vittoria, nei pressi della Riviera di Chiaia

TRAMONTANO A NAPOLI

4

I negozi Tramontano sono portavoce di un’importante tradizione artigiana della lavorazione della pelle e del cuoio: 600 pezzi unici, tra borse, portafogli, valige e occhiali, che aumentano di continuo grazie agli articoli delle nuove creazioni. Dal 1865 Tramontano è il marchio napoletano dell’eleganza e dell’esclusività e vale veramente la pena toccare con mano questi preziosissimi prodotti. Molti personaggi noti posseggono oggetti griffati Tramontano: la valigia 48 ore di Marcello Mastroianni, il fodero in cuoio per il clarinetto di Woody Allen, le fasce per le chitarre di Lou Reed, il marsupio portadocumenti di Lucio Dalla e la borsa con i manici di metallo di Hillary Clinton.

via Chiaia 143 e 14; via Luca Giordano 25/b

TALARICO A NAPOLI

5

Talarico da ben quattro generazioni ripara dalla pioggia uomini illustri e passanti occasionali con i suoi ombrelli fatti a mano secondo la più antica tradizione artigiana. Questa prestigiosa ditta fu fondata da Achille Talarico nel 1860 e riforniva la più pretenziosa clientela partenopea, fra cui spiccava quella della Casa Reale, che apprezzava molto i bellissimi ventagli rifiniti con bacchette di tartaruga. Pensate che nella commedia “Natale in casa Cupiello”, Eduardo de Filippo porta in scena un ombrello rivolgendo alla moglie questa battuta: “Proprio come lo volevi tu, di seta e con il manico di corno. L’ha fatto per te un amico mio“. L’amico di cui parla Eduardo è proprio Giovanni Talarico.

Vico Due Porte a Toledo, 4/B

COLONNESE A NAPOLI

6

La libreria editrice è stata fondata da Gaetano Colonnese nel 1965 ed è diventata immediatamente il principale punto di riferimento per la divulgazione di riviste e libri sul movimento operaio. Fonte importante per i libri non facilmente rintracciabili nel mercato tradizionale, la libreria presenta attualmente anche una selezione di tematiche preferite dal Colonnese come il cinema, il teatro, l’editoria non seriale, la letteratura per ragazzi e quella gattesca. Entrate in questo mondo dall’atmosfera antica e moderna allo stesso tempo, dove troverete non solo i libri che più vi interessano, ma anche numerosi gadget per regali curiosi e originali come le “tazze letterarie” e le cartoline d’autore.

via San Pietro a Majella, 7

MARIO VALENTINO A NAPOLI

7

La raffinatezza e l’eleganza del marchio Valentino hanno origine a Napoli nel 1952. L’azienda Mario Valentino è celebre per aver creato il mitico tacco a spillo, il tradizionale mocassino da donna e il bellissimo sandalo di corallo, esibito attualmente al museo della calzatura Bally di Zurigo. Presto Mario Valentino si affermò anche nel campo dell’abbigliamento, con splendide creazioni indossate da modelle della portata di Naomi Campbell e da molti personaggi noti come Marcello Mastroianni, Stefania Sandrelli, Jacklin Kennedy Onassis, Liz Taylor, Maria Callas e tanti altri. Accomodatevi pure nella lussuosa boutique di Napoli: sta a voi decidere se guardare soltanto, o concedervi qualche piccola follia.

via Fontanelle, 85

BELLAVIA A NAPOLI

8

Nel 1925 Antonio Bellavia trasferì a Port’Alba, zona di Napoli molto caratteristica e pittoresca, i sapori inconfondibili della bellissima Palermo. Oggi la pasticceria Bellavia si è ampliata e ha sede in diverse zone della città, ma la squisita tradizione pasticcera, che fonde le specialità siciliane e quelle napoletane, è sempre la stessa: cannoli e cassate, ma anche deliziose e caloriche specialità della casa come la nutellotta, una torta intrisa di nutella, vi attenderanno per soddisfare i vostri palati e per tornire ancor di più le vostre “maniglie dell’amore”.

via O. Fragnito 82 (Rione Alto); Piazza Muzii 27/ 28 (Piazza Arenella); via Luca Giordano 158; Piazza Vanvitelli 16.

IL BORGO OREFICI A NAPOLI

9

Il Borgo Orefici di Napoli è un luogo dove sopravvive un’antica e tradizionale lavorazione dei prodotti dell’oreficeria, della gioielleria e dell’argenteria. Un piccolo mondo a parte, ricco di vicoli e piazzette, che pulsa nel centro di Napoli, tra il Corso Umberto e via Marina. Addentratevi nel cosiddetto quartiere “Pendino”, chiamato così per le sue strade in discesa che portano fino al mare, in cui ben 700 anni fa si sono insediate le botteghe degli artigiani: alla metà del 14° secolo nacque la Corporazione degli Orafi cui Giovanna I d’Angiò diede il suo riconoscimento ufficiale. I primi maestri orafi furono quasi tutti francesi venuti al seguito degli Angioini, ma ben presto ad essi si affiancarono artigiani locali che nel giro di poco tempo diedero vita ad una scuola napoletana conosciuta in tutto il mondo. Tra sentieri molto angusti e palazzi dalla forma irregolare, troverete gli orefici napoletani con le loro creazioni uniche e speciali.

tra Corso Umberto e via Marina

IL MERCATINO DI ANTIGNANO A NAPOLI

10

Il mercatino di Antignano a Napoli non ha nulla da invidiare ai colorati e fornitissimi mercatini europei, da quello di Camden a Londra fino al Rastro di Madrid. In questo mercatino del Vomero le voci si rincorrono frettolose, le donne vengono corteggiate da tutti i venditori ambulanti, i foulard hanno delle sfumature bellissime, le borse sono ricoperte da luminose pailettes e i vestiti giacciono aggrovigliati su enormi panche a prezzi stracciati. Questo è Antignano, dove potrete divertirvi a trovare un super affare, e questo è il lato folklorisitico e quasi circense di Napoli: tutti maestri nell’arte di vendere e comprare.

nei pressi di Piazza degli Artisti