10 cose da fare e vedere a Innsbruck

Una guida completa e dettagliata alle 10 cose da fare e vedere a Innsbruck

Innsbruck è sinonimo di neve, montagne, sport invernali e olimpiadi. Anche se è amata soprattutto dagli appassionati di queste discipline, la città austriaca al confine con l’Italia ha molto da offrire anche a chi ama l’arte e la cultura. Il centro storico, disteso intorno al fiume Inn, è un piccolo gioiello di piazze e palazzi rococò e moderni. Tutto gira intorno alla Maria-Theresien-Strasse, la strada che da 700 anni è il fulcro della vita cittadina. Il centro si gira a piedi e qua e là emergono chiese grandi e piccole, piazzette, facciate di palazzi e angoli incantevoli. Lungo il cammino si incontrano i monumenti più rappresentativi di Innsbruck: il Duomo di San Giacomo con il cenotafio di Massimiliano III, le 2.657 tegole del tettuccio dorato, il Palazzo Imperiale, residenza dei conti del Tirolo con le sue 30 stanze e i magnifici saloni.

Da non perdere la chiesa di corte e il magnifico Castello di Ambras, con la sua galleria di ritratti. La vita a Innsbruck è rilassata, tranquilla e si mangia benissimo: è la città ideale per un fine settimana o una breve vacanza, anche se non si ama la neve. In questa pagina vi consigliamo le 10 cose da fare e vedere assolutamente a Innsbruck durante un week end o una vacanza. 

Se state cercando un hotel a Innsbruck vi consigliamo di scegliere tra quelli offerti da Booking.com. Ci sono circa 350 hotel con prezzi, foto e i commenti di chi ha soggiornato prima di voi. Vai a Booking.com.

Centro storico e Maria – Theresien Strasse

1

Centro nevralgico della dinastia asburgica, Innsbruck era la residenza preferita in Europa dell’Imperatore Massimiliano I. Il centro storico è attraversato da Maria-Theresien-Strasse, una delle vie più antiche della città. Risale a oltre 700 anni fa e come ora rappresentava il centro cittadino, che era circondato da mura fortificate.

Il centro storico di Innsbruck
Il centro storico di Innsbruck

Ristrutturata nel 2009, oggi questa via è un armonioso esempio di fusione tra trionfo barocco e modernità, su cui si affacciano una serie di sfarzosi palazzi eretti dalle famiglie nobiliari nel ‘700. Tra questi c’è Palazzo Gumpp, sede della Dieta, il Parlamento tirolese, e davanti si apre la corte di Palazzo Trapp. Lungo il corso ci sono caffè, locali e negozi. Proseguendo verso Leopoldstrasse si incontra il maestoso Arco di Trionfo, uno dei monumenti più celebri del centro. L’arco è stato fatto costruire da Maria Teresa d’Austria nel 1765 per celebrare le nozze del figlio, l’Arciduca Leopoldo. Però, purtroppo, negli stessi giorni ci fu la morte del marito, l’Imperatore Francesco Stefano. Per questo motivo il lato sud è decorato con rilievi di marmo che ritraggono la gioia delle nozze, mentre il lato nord illustra la morte del sovrano.

Il Goldenes Dachl (Tettuccio d’Oro) e la Stadtturm (Torre Civica)

2Dal 1500, tra i palazzi tardogotici di Herzog-Friedrich-Strasse, luccicano 2.657 tegole di rame dorato. È il Tettuccio dorato, il simbolo di Innsbruck, costruito tra il XV e il XVI secolo. Questa loggia dal tetto luminoso era ben visibile da lontano dai viaggiatori che qui arrivavano con la transalpina, e ancora oggi è un colpo d’occhio unico tra i tetti colorati del centro.

Il Goldenes Dachl (Tettuccio d’Oro)
Il Goldenes Dachl (Tettuccio d’Oro)

Se vi fermate a guardare i dettagli, potrete vedere sotto il tettuccio gli stendardi dell’Austria e del Tirolo affreschi e rilievi con scene di danza e di corte, tra cui i ritratti dell’Imperatore Massimiliano, con la prima e la seconda moglie: Bianca Maria Sforza e Maria di Borgogna. Tra le decorazioni potreste anche scorgere un fondoschiena, ma nessuno sa come mai sia lì. Il museo all’interno permette di affacciarsi dalla loggia e di saperne qualcosa in più sulle vicende di Massimiliano I, e sulla vita qui nel 1500.
Sempre in Herzog-Friedrisch-Strasse, poco lontano dal Tettuccio d’Oro, si eleva la Torre Civica, alta 51 metri: nel 1450, quando fu costruita, svettava su tutti gli altri edifici medievali della zona. Oggi si può visitare, e dopo circa 150 scalini permette di far spaziare lo sguardo su tutta la città fino alla Nordkette, la catena montuosa che abbraccia Innsbruck. Sono visibili anche il trampolino di sci olimpionico del Bergisel e il Patscherkofel, la cima dall’inconfondibile forma arrotondata.

Orari di apertura e costo del biglietto del Museo del Tettuccio d’Oro

Indirizzo: Herzog-Friedrich-Straße 15, 6020 Innsbruck
Orari di apertura: tutti i giorni da maggio a settembre dalle 10 alle 17, da ottobre ad aprile da martedì a domenica 10-17.
Costo del biglietto: intero 5€ 2.50€ per studenti, over 65 e bambini da 6 anni in poi, gratis per bambini fino a 6 anni. Gratis con la Innsbruck Card.

Orari di apertura e costo del biglietto della Torre Civica
Indirizzo: Herzog-Friedrich-Straße 21, 6020 Innsbruck
Orari di apertura: tutti i giorni dalle 10 alle 20 da giugno a settembre e dalle 10 alle 17 da ottobre a maggio.
Costo del biglietto: 4€
Biglietto combinato museo del Tettuccio d’Oro, Museo Cittadino e Torre civica: 8.40€.

Duomo di San Giacomo

3

Il duomo di San Giacomo risale al 1180 e da allora la sua cupola “a cipolla” e i due campanili svettano sulla città. È un duomo molto importante perché da qui partivano i fedeli cristiani nel Medioevo per il cammino di Santiago. È stato danneggiato dal terremoto nel XVI e XVII secolo, ricostruito poi nel 1717.

Duomo di San Giacomo
Duomo di San Giacomo

La bellezza particolare di questa chiesa sta nella fusione di stili tipici della Germania meridionale con quelli italiani. Gli affreschi delle volte, infatti sono stati realizzati da Cosmas Damian Assam, che ha studiato pittura in Italia. Il pulpito è coperto completamente in argento e oro. L’altare maggiore è dominato dalla Madonna Ausiliatrice di Lucas Cranach realizzata intorno al 1537. Si ritiene che questa immagine sia miracolosa, è il dipinto della Madonna più amato nell’arco Alpino è uno dei più riprodotti in tutto il mondo. Il duomo ospita il mausoleo dell’arciduca Massimiliano III, una bellissima opera di bronzo realizzata nel 1620, e nel matroneo c’è un organo, con 3.729 canne. Ogni giorno, alle 12 e 15, le 48 campane del Carillon della Pace (il più grande dell’Austria) diffondono la loro melodia.

Orari di apertura e costo del Duomo di San Giacomo

Indirizzo: Domplatz 6, 6020 Innsbruck
Orari di apertura: dal 26 ottobre al 1 maggio, lunedì-sabato 10.30 – 18.30, domenica e festivi 12.30 – 18.30. Dal 2 maggio al 25 ottobre lunedì-sabato 10.30 – 19.30, domenica e festivi 12.30 – 19.30.
Costo del biglietto: gratuito

Palazzo Imperiale Hofburg

4

Nato come residenza dei conti del Tirolo, il palazzo imperiale di Innsbruck fu realizzato dall’Arciduca Sigmund il Ricco e ha mantenuto l’impianto medievale. La struttura è molto più antica, e ingloba il muro romanico che costeggiava la città. Sotto la dinastia degli Asburgo, dal 1740 in poi, è diventato il palazzo reale degli Asburgo ed è stato restaurato seguendo il modello del Palazzo Imperiale di Schoenbrunn a Vienna.

Palazzo Imperiale Hofburg
Palazzo Imperiale Hofburg

Il palazzo, di 4 piani, si estende su 5.000 mq, e conta 30 appartamenti privati. Gli interni sono perfettamente conservati e la visita è un viaggio nel passato, tra balli a suon di valzer, fasti e arredi, di cui molti originali. Il pianterreno comprende quattro saloni di rappresentanza, realizzati su volere di Mariateresa per celebrare la dinastia Asburgo Lorena. Il più bello è la Riesensaal, la Sala dei Giganti, alta 11 metri e larga più di 30. Sotto la grande volta affrescata, alle pareti vi sono i ritratti dei 16 figli dell’Imperatrice, tra cui Maria Antonietta. Al primo piano si trovano gli appartamenti della regina, che risalgono al 1700, l’appartamento d di Maria Elisabetta e le stanze in cui soggiornò qui due volte Elisabetta d’Austria, la celebre Sissi.
Gli appartamenti reali, e in particolare le camere da letto, sono ognuna di un colore diverso. Si tratta di una novità rispetto al codice di colori della corte di Vienna, in cui ogni ambiente aveva un colore definito. Qui, l’arciduca Carlo Ludovico, governatore del Tirolo, sposato con Margherita di Sassonia ma infatuato di Sissi, fece decorare le stanze in mondo insolito. Ad esempio, lo spogliatoio è un tripudio di rosa carico, dalle pareti ai mobili; lo studio, nella torre, è ricoperto con seta azzurra e la camera da letto è di un intenso verde smeraldo. Nel 2009 sono state scoperte nella stanza della toletta delle pitture con motivi cinesi alle pareti.
La visita comprende anche la Cappella reale, il parco e si può assaggiare una deliziosa Sachertorte al bar del Palazzo.

Orari di apertura e costo del Palazzo Imperiale

Indirizzo: Rennweg 1, 6020 Innsbruck
Orari di apertura: da novembre a maggio, tutti i giorni dalle 9 alle 17
Costo del biglietto: 9,50€ intero, gratuito fino a 19 anni. Ingresso gratuito ogni domenica per bambini e ragazzi accompagnati da due adulti.

Castello di Ambras

5

Probabilmente non ne avrete mai sentito parlare, ma il Castello di Ambras ha collezioni che rivaleggiano con il louvre o gli Uffizi ed considerato il più antico museo del mondo. La costruzione del Castello inferiore iniziò nel 1570 per volontà dell’arciduca Ferdinando II, maniaco dell’arte e della collezione di armature dei personaggi famosi del suo tempo.

Il Castello di Ambras a Innsbruck
Il Castello di Ambras a Innsbruck

Accanto all’armeria (Heldenrüstkammer) Ferdinando II iniziò la raccolta per la sua “Camera d’Arte e delle meraviglie” (Kunst- und Wunderkammer): in realtà era una camera delle curiosità in cui l’Arciduca raccolse oggetti di ogni tipo: opere d’arte (Artificialia), rari oggetti naturali (Naturalia), strumenti scientifici (Scientifica), oggetti di  civiltà straniere e sconosciute (Exotica) e meraviglie della natura (Mirabilia). Al Castello superiore c’è la galleria dei ritratti degli Asburgo, dipinti realizzati dal XIV al XVIII secolo, quando gli Asburgo dominavano l’Europa. Qualsiasi nome voi abbiate letto in un libro di storia è presente in un quadro di questa galleria: non solo gli Asburgo ma i Medici, i Valois, i reali d’Inghilterra, i Gonzaga. Gli autori dei quadri non sono meno famosi: Lucas Cranach il Giovane, Giuseppe Arcimboldo, Peter Paul Rubens, Anthonis van Dyck, Diego Velázquez e altri. Quello di Ambras è un castello quindi sono presenti saloni (da non perdere la Sala Spagnola), appartamenti, camera da bagno, collezioni di specchi e dei meravigliosi giardini.

Orari di apertura e costo del biglietto per il Castello di Ambras

Indirizzo: 9 minuti dal centro con l’autobus 4134 dalla stazione centrale (Hauptbahnhof)

Orari di apertura
:

Orario invernale: da dicembre 2019 a marzo 2020
ogni giorno dalle ore 10.00 alle 17.00
(senza la Galleria degli Asburgo e la Collezione di Sculture Gotiche)
Biglietto adulti:
Euro 8,00, biglietto famiglia disponibile (Euro 14,00)
Orario estivo: da aprile a ottobre 2020
ogni giorno dalle ore 10.00 alle 17.00
Biglietto adulti:
Euro 12,00, biglietto famiglia disponibile (Euro 22,00)
Collezione di Sculture Gotiche liberamente accessibile

La Hofkirche, Chiesa di Corte

6

La Hofkirche è uno dei monumenti più importanti del Tirolo ed è famosa per il monumento funebre dedicato a Massimiliano I. L’imperatore decise di far costruire questo sepolcro, ma le sue spoglie non riposano qui. Entrando si resta a bocca aperta, perché il complesso marmoreo ricco di rilievi e decorazioni occupa il centro della chiesa, circondato da una guardia d’onore davvero speciale. Si tratta degli Schwartze Mander, gli uomini neri.

La Hofkirche, Chiesa di Corte
La Hofkirche, Chiesa di Corte

Sono 28 statue di bronzo, più grandi del normale, tra cui figurano anche 8 donne. Questi uomini (e donne) rappresentano parenti, reali e inventati, dell’imperatore. Infatti, oltre ai membri della famiglia Reale, si trovano anche personaggi come Re Artù.
Oltre al cenotafio, si possono ammirare opere di Albrecht Duhrer e Peter Fischer il Vecchio, e a destra del coro, un organo di 500 anni fa, realizzato da Jorg Ebert ed ancora funzionante. La chiesa merita inoltre una visita per la Cappella d’Argento, che custodisce i resti dell’Arciduca Ferdinando II e di sua moglie, e per le imponenti vetrate barocche. La chiesa ospita anche le spoglie di Andreas Hofer, che nel 1809 si batté contro le imposizioni di Francia e Bavaria, e perciò è anche uno dei simboli della dell’indipendenza del Tirolo.

Orari di apertura e costo della Hofkirche

Indirizzo: Universitätsstraße 2, 6020 Innsbruck
Orari di apertura: dal Lunedì al Sabato dalle 9 alle 17, domenica e festivi dalle 12.30 alle 17.
Costo del biglietto: 7€

Il Museo dell’arte popolare tirolese (Volkskundemuseum)

7

Questo museo si trova di fianco alla Hofkirche ed è ospitato sui due piani di un ex convento, raccolti intorno ad un chiostro. È considerato di uno dei musei popolari più belli d’Europa ed è un’occasione per scoprire da vicino gli usi, i costumi e le tradizioni locali, ma anche che di tutta la zona circostante, dal Trentino a tutto il Tiriolo fino alle valli ladine delle Dolomiti.

Il Museo dell’arte popolare tirolese (Volkskundemuseum)
Il Museo dell’arte popolare tirolese (Volkskundemuseum)

La collezione prende infatti origine nel 1888 con la raccolta di oggetti di uso quotidiano e di artigianato, e nel 1929 è stata inaugurata ufficialmente la sua collezione.
Oggi si possono vedere le ricostruzioni fedeli delle Stuben, le cucine e i tinelli con pareti interamente ricoperte di legno. Si possono vedere i focolari con le pentole di rame, una raccolta di abiti e costumi tradizionali di varie classi sociali, maschere di carnevale fatte a mano, una bella raccolta di presepi in vari materiali (dal legno alla carta), lettini e culle in legno intarsiato dal 1800 ai giorni nostri.

Orari di apertura e costo del Museo dell’arte popolare tirolese

Indirizzo: Universitätsstraße 2, 6020 Innsbruck
Orari di apertura: tutti i giorni dalle 9 alle 17, chiuso il 25 dicembre e il primo gennaio.
Costo del biglietto: adulti: 11€, 7€ studenti e over 65, gratis fino a 18 anni.
Ticket famiglia con bambini sotto 18 anni: 20€

I mercatini di Natale di Innsbruck

8

Come tutto il Tirolo, Innsbruck è ancora più magica durante le feste natalizie. Ogni anno dal 1973 turisti e cittadini si danno appuntamento per i mercatini di Natale, che qui sono sparsi in tutta la città, ognuno con il suo tema e le sue tradizioni, fino in cima, a 300 metri di altezza. I festeggiamenti iniziano più o meno un mese prima di Natale e proseguono fino all’Epifania. Tradizionalmente, Innsbruck ospita sempre mercatini di Natale in vari punti della città, ciascuno con specialità, eventi e opportunità diverse. In genere i luoghi di ritrovo sono piazza Mercato, (Marktplatz), Maria-Theresien-Strasse, la piazzetta di Wilten, St. Nikolaus e la Hungerburg, la futuristica stazione della funivia di Innsbruck.

I mercatini di Natale di Innsbruck
I mercatini di Natale di Innsbruck

Il programma comprende concerti, spettacoli per bambini, figuranti in costume e tantissimi eventi da scoprire. Tra le cose da non perdere, l’albero di 175.000 cristalli Swarovski a Piazza Mercato, e le bancarelle raccolte introno al maestoso abete illuminato davanti al Tettuccio d’Oro. Passeggiare in quest’atmosfera magica è una delle esperienze più belle che si possano fare in Austria, scoprendo l’artigianato locale e le delizie come le Kiachln, le frittelle dolci, accompagnate dal vin brûlé. Sono tante le meraviglie: una nostalgica giostra con i cavalli, un presepe animato con 28 personaggi, luminarie scintillanti, le bancarelle e il panorama di notte sulla città a 300 metri dalla Hungerburg, ma anche le tradizioni sulla Hans Brenner Platz. Qui si tiene il tipico mercatino di St. Nikolaus, che in Austria porta dolciumi e doni ai bambini ben prima che la Coca Cola inventasse il personaggio di Babbo Natale.

Funivia Nordkette e Trampolino del Bergisel

9

In 20 minuti, questa rete di funivie porta dal cuore della città vecchia a 2.256m, in cima alla Nordkette. Permette di ammirare dall’alto tutta la vallata in cui sorge Innsbruck e prevede 4 tappe. La prima fermata è quella che porta allo zoo alpino, che ospita oltre 150 tipi di animali diversi. La seconda stazione, a 860 metri, offre una terrazza panoramica davvero spettacolare. Qui si può vedere l’Inn, il fiume che attraversa il centro storico di Innsbruck, e si può visitare un piccolo Museo delle funivie e la chiesa di Santa Teresa. La terza fermata porta a Seegrube, a 1.905 metri di altezza. Qui l’aria è più rarefatta e frizzante e c’è un rifugio offre dell’ottimo cibo tipico, una terrazza e panoramica in cui nelle belle giornate si scorge il confine con l’Italia e da dicembre ad aprile un caratteristico bar di ghiaccio a forma di igloo. L’ultima fermata è a 2.256 metri e si chiama Hafelekar. Da qui Innsbruck sembra un piccolissimo presepio, e si può fare una bella camminata di circa un quarto d’ora nel parco naturale più grande dell’Austria.

Orari di apertura e costo della Funivia Nordkette

Indirizzo: la stazione di partenza della funivia si trova nel Centro Congressi, in Hoehenstrasse 145.
Orari di apertura: Hungerburgbahn lunedì -venerdì) dalle 7.15 alle 19.15; sabato, domenica e festivi) dalle 8 alle 19.15. Seegrubenbahn tutti i giorni dalle 8.30 alle 17.30. Hafelekarbahn tutti i giorni dalle 9 alle 17. Le partenze sono ogni 15 minuti.
Costo del biglietto: esistono varie tariffe in base alle tratte da percorrere. Il costo medio per arrivare fino all’ultima fermata è di 20€ persona.

Non si può visitare Innsbruck senza la sua avveniristica sentinella a 250 metri. Questo trampolino olimpionico per il salto degli sci svetta sul monte Isel, all’interno del Bergfeld, l’impianto sportivo di sci più moderno del mondo. È stato costruito nel 2001 su progetto dell’architetto iraniano Zaha Hadid e offre uno spettacolo impareggiabile, sia per il panorama sulla città e sulle montagne che per i salti degli atleti internazionali, che si allenano qui per tutta l’estate. Il Bergfeld ha ospitato le olimpiadi nel 1964, nel 1976 e nel 2012. Oltre al trampolino, che si raggiunge in due minuti con un ascensore inclinato o a piedi con 455 gradini, la struttura comprende una cabinovia, un ristorante con il soffitto di vetro e una terrazza proprio in cima al trampolino. Il trampolino si raggiunge dal centro città in 10 minuti con l’auto e in 15 minuti circa con l’autobus o il tram.

Orari di apertura e costo del biglietto Trampolino del Bergisel

Indirizzo: Bergiselweg 3, 6020 Innsbruck
Orari di apertura: da novembre a maggio, tutti i giorni tranne il mercoledì dalle 10 alle 17. Da giugno a ottobre tutti i giorni dalle 9 alle 18.
Costo del biglietto: Intero 10€, 9€ over 65, euro 5€ fino a 14 anni e gratis fino a 6 anni. Il biglietto comprende visita allo stadio, salita e discesa con l’ascensore. I cani non sono ammessi.

Cosa mangiare a Innsbruck

10

Dalle locande in centro e i ristoranti stellati fino ai rifugi in montagna, la cucina tirolese è calorica, molto gustosa e a base di cereali, latte e carne. Si inizia dalla sostanziosa colazione, con yogurt e marmellate fatte in casa, muesli, salumi e formaggi, e si prosegue a pranzo con i kaspressknodel, i canederli con formaggio grigio, Graukas, serviti in brodo di manzo bollente e accompagnati da crauti o insalata per contorno. ​

Cosa mangiare a Innsbruck
Cosa mangiare a Innsbruck

Tra i primi piatti sono da assaggiare poi i famosi gnocchetti tirolesi, gli spatzle, realizzati con uova, sale e acqua e conditi con panna, burro fuso e speck o sugo di selvaggina. La zuppa d’orzo tirolese è deliziosa, insaporita con carne di maiale, speck e verdure. Uno dei secondi da provare è lo stinco al forno: si rosola prima in pentola, poi si passa in forno per circa due ore, e si serve con patate al rosmarino. La Wienerschnitzel è una fetta di maiale o di tacchino molto grande che si frigge velocemente: croccante e gustosa. Tutti i piatti sono accompagnati dalla birra, la bevanda più importante dell’Austria, molto leggera. Non si può concludere un pranzo una cena a Innsbruck senza lo strudel di mele, Apfelstrudel, con panna montata e gelato alla vaniglia. A fine pasto, si conclude in dolcezza con la grappa e i distillati, che si chiamano Schnapps. Sono a base di frutta: da provare quello con le prugne e quello con le pere.

Hotel a Innsbruck

Se state cercando un hotel a Innsbruck vi consigliamo di scegliere tra quelli offerti da Booking.com. Ci sono circa 350 hotel con prezzi, foto e i commenti di chi ha soggiornato prima di voi. Vai a Booking.com.