Palazzo Pitti a Firenze: orari di apertura e costo del biglietto

La residenza dei Granduchi di Toscana diventata uno straordinario museo

Il Palazzo Pitti a Firenze

Palazzo Pitti a Firenze è stata anticamente la residenza dei granduchi di Toscana e dei re d’Italia. Oggi è un maestoso complesso che comprende Gallerie e Musei, in cui sono magnificamente conservati importanti collezioni di dipinti e sculture, oggetti d’arte e porcellane. Inoltre, è la sede del famoso Giardino di Boboli, uno tra i primi e più splendidi giardini italiani.

Il complesso di Palazzo Pitti comprende:

La Galleria voluta dagli ultimi nobili di Toscana

A Palazzo Pitti sono raccolti circa 500 dipinti collezionati nei secoli dai vari componenti della famiglia Medici, grazie ai quali gran parte di questo straordinario patrimonio artistico e culturale non venne disperso, ma affidato del tutto alla città di Firenze nel 1743, su volere dell’ultima erede della dinastia, Anna Maria Luisa de’ Medici. Inoltre, a Palazzo Pitti erano anche conservate le raccolte di Vittoria della Rovere, ultima erede dei duchi di Urbino, che possedeva un gran numero di tele di Raffaello e Tiziano. La prima apertura al pubblico del Museo risale al 1833, con un insieme di opere eccezionali appartenenti a Raffaello, Andrea del Sarto e Tiziano ed alcune di Caravaggio, Rubens e Van Dyck.

La Galleria Palatina di Palazzo Pitti

Galleria Palatina di Firenze
Galleria Palatina di Firenze

La Galleria si trova nei saloni più belli del Palazzo, nel piano nobile (dal qui appunto, il nome “Palatina” cioè del Palazzo). La collezione di dipinti conservati al suo interno è incentrata sul periodo del tardo Rinascimento e del Barocco e rappresenta il più importante esempio italiano di quadreria, poiché i suoi quadri sono esposti in maniera del tutto nuova, seguendo criteri puramente decorativi che coprono tutta la parete in schemi simmetrici, in modo da restare fedeli all’allestimento originario voluto dal Granduca Pietro Leopoldo

La Galleria d'Arte Moderna di Palazzo Pitti

Galleria d'Arte Moderna a Firenze
Galleria d’Arte Moderna a Firenze

La Galleria d’Arte Moderna ha sede all’ultimo piano di Palazzo Pitti, da cui si può ammirare una splendida vista sul Giardino di Boboli. Molte delle sue trenta sale furono decorate nel XIX secolo all’epoca degli ultimi granduchi lorenesi, Ferdinando III e Leopoldo II, per poi inaugurare la Galleria nel suo complesso intorno al 1924. Nella Galleria sono raccolte le duemila opere della pittura toscana dal XVIII al XX secolo, oltre a dipinti di altre scuole italiane e straniere.

Il Giardino di Boboli a Palazzo Pitti

Luogo molto amato dai fiorentini, il Giardino di Boboli è uno dei più importanti esempi di giardino all’italiana. Qui gli abitanti di Firenze vengono a passeggiare, sfuggire al traffico e al caos e in occasione di eventi importanti che organizza il Comune di Firenze. Scopri di più sul Giardino di Boboli.

Informazioni per la visita a Palazzo Pitti

Indirizzo: Palazzo Pitti
Come arrivare: a piedi nel centro
Orari di apertura: Martedì-domenica: 8.15-18.50.
Chiuso: lunedì, Capodanno, 1° maggio, Natale.
La biglietteria chiude alle 18.05.
Biglietto intero: € 8,50;
Biglietto intero in occasione di mostre (supplemento obbligatorio): € 13,00 (2 maggio 2016-11 settembre 2016 e 18 ottobre 2016-23 aprile 2017);
Gratuito la prima domenica del mese.