Il quartiere dell’Alfama a Lisbona

Il quartiere più autentico di Lisbona, dove la storia e il folklore sono di casa.

Il quartiere dell'Alfama a Lisbona
Il quartiere dell'Alfama a Lisbona

I vecchi seduti fuori gli usci delle porte, annunciano che siete arrivati nel quartiere dell’Alfama. Nei vicoli stretti, con le case addossate, l’una all’altra, arriva sempre troppa poca luce e aria, quindi gli abitanti del quartiere passano gran parte della loro giornata per strada, chiacchierando coi vicini, incuranti del continuo passaggio di turisti.

 L’Alfama, quartiere sdraiato sulla collina alla destra della Baixa, è certamente uno dei luoghi più caratteristici e autentici di Lisbona. Poco colpito dal grande terremoto del 1755, ha conservato l’architettura spontanea con cui era cresciuto con l’espansione della città fuori dalle mura antiche.
 Vicoli stretti e case addossate l’una all’altra ne disegnano la fisionomia, insieme agli anziani del quartiere che passano gran parte della loro giornata sugli usci delle porte delle loro case chiacchierando coi vicini, incuranti del continuo passaggio di turisti.

Visitare l'Alfama

Il Tram 28, che tutti usano per raggiungere l’Alfama, offre certamente un bel giro delle zone più importanti del quartiere, ma per scoprirne la parte più autentica, bisogna camminare a piedi. Purtroppo e per fortuna, l’Alfama si sviluppa tutto in salita, quindi richiede un sforzo notevole, soprattutto d’estate. Il nostro consiglio, quindi, è di sfruttare il Tram 28 per raggiungere la parte alta e poi ridiscendere a piedi, con calma. Anche in discesa, però, non è una passeggiata, perché non mancano i saliscendi e i giri larghi. Quindi, programmate un’intera giornata se volete scoprire per bene l’Alfama.

Il Castello di Sao Jorge

L’Alfama è dominato dal Castello di Sao Jorge, il castello di Lisbona simbolo della città, di cui trovate tutte le informazioni nella nostra pagina Castello di Sao Jorge. Qui siamo sulla cima del quartiere, quindi ecco cosa troverete durante la discesa.

La Cattedrale di Lisbona

Prima di arrivare in cima, lungo Rua Augusto Rosa che percorre il Tram 28, può essere ideale fare una sosta per visitare la chiesa più importante di Lisbona: la Sé, di cui trovate tutte le informazioni nella nostra pagina Cattedrale di Lisbona.

La Chiesa di Sant'Antonio da Sé

Secondo la leggenda, in questa casa poco distante dalla Cattedrale, è nato Sant’Antonio da Padova. Molto interessante il piccolo Museu Antoniano che raccoglie materiale iconografico dedicato al Santo.

Miradouro de Santa Luzia

Dopo la visita al Castello, prendendo Rua da Saudade, inizia la discesa verso verso il Miradouro de Santa Luzia, uno dei punti panoramici più belli di Lisbona. Oltre alla bellezza del panorama, il Miradouro merita una visita anche per le splendide azulejos (piastrelle decorate) che decorano il muretto del belvedere.

Largos das Portas do Sol e Museo di Arti Decorative

Dopo la visita al Castello, prendendo Rua da Saudade, inizia la discesa verso verso il Miradouro de Santa Luzia, uno dei punti panoramici più belli di Lisbona. Oltre alla bellezza del panorama, il Miradouro merita una visita anche per le splendide azulejos (piastrelle decorate) che decorano il muretto del belvedere.

Le Chiese di Sao Miguel e Santo Estevao

Un po’ più in basso del Miradouro de Santa Luzia si arriva alla barocca Chiesa di Sao Miguel e da qui, prendendo Rua de Sao Miguel, si va verso la Chiesa di Santo Estevao.

I vicoli dell'Alfama

I vicoletti che si aprono intorno a Rua de Sao Miguel offrono scorci imperdibili sui vicoli dell’Alfama. In portoghese si chiamano becos e travessas e sono un micromondo di persone, negozi, panni stesi ad asciugare, piazzette alberate. Glialfacinhas, come si chiamano gli abitanti dell’Alfama, provengono quasi tutti dalla classe operaia e hanno una cultura della convivenza di quartiere molto bella e radicata. Si incontrano con i vicini per chiacchierare, mangiare insieme e, non raramente, cantare il fado.

Il Museo del Fado

Il Fado, la tradizionale canzone lisboeta, è nato nell’Alfama e quindi è giusto che il museo dedicato sia in questo quartiere. Un percorso completo tra storia, tradizione ed evoluzione di questa struggente melodia, anche con un bel negozio dove comprare CD. In Largo do Chafariz de Dentro, 1. Aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18 tranne il lunedì. Biglietto 5 €. Ci si arriva da Rua de Sao Miguel prendendo il Beco do Mexias.

La Chiesa di Sao Vicente de Fora

Ritornati sul Rua se Sao Miguel e superata Sant’Estevao si raggiunge l’altra chiesa più bella e importante dell’Alfama, dopo la Cattedrale: e la Chiesa di Sao Vicente de Fora.