La Chiesa di Santo Spirito a Firenze

La basilica dove visse Michelangelo che vi ha lasciato un Crocifisso di legno magnifico

La Chiesa di Santo Spirito a Firenze

La Chiesa di Santo Spirito è uno dei più importanti monumenti religiosi di Firenze. Mentre Santa Maria Novella è la chiesa dei domenicani e Santa Croce quella dei francescani, Santo Spirito è da sempre il riferimento per gli agostiniani di Firenze. Costruita nel sui resti di una precedente chiesa, fu iniziata nel 1444 da Filippo Brunelleschi a cui si deve anche la progettazione della cupola mentre il campanile è opera di Baccio d’Agnolo. Dopo la morte di Brunelleschi, avvenuta nel 1446, il cantiere passò nelle mani di tre seguaci, Antonio Manetti, Giovanni da Gaiole e Salvi d’Andrea, che completarono l’opera. La facciata che oggi si può ammirare è il risultato delle modifiche operate nel 1700. 

La facciata e l'interno di Santo Spirito

La Madonna con Bambino e San Giovannino, San Martino e Santa Caterina martire di Filippino Lippi.
La Madonna con Bambino e San Giovannino, San Martino e Santa Caterina martire di Filippino Lippi

La facciata che oggi si può ammirare è il risultato delle modifiche operate nel 1700. Santo Spirito riprende la struttura di un’altra basilica creata da Brunelleschi, quella di San Lorenzo, ma ne movimenta l’architettura con navate laterali più lunghe e soprattutto con la cupola in posizione centrale. Sopra l’altare c’è un baldacchino barocco realizzato da Giovanni Caccini in collaborazione con Gherardo Silvani. Santo Spirito ha 38 altari laterali in cui sono esposte alcune opere di grande importanza. Nell’altare del transetto c’è una delle opere più importanti della basilica: la Madonna con Bambino e San Giovannino, San Martino e Santa Caterina martire di Filippino Lippi.

La Sagrestia dove visse Michelangelo

Il Crocifisso di Michelangelo
Il Crocifisso di Michelangelo

La Sagrestia di Santo Spirito è ritenuta un piccolo gioiello dell’epoca rinascimentale. Preceduta da un vestibolo costruito dal Sansovino che si ispirò al Pantheon romano, la costruzione della Sagrestia fu iniziata da Giuliano da Sangallo e completata da Antonio del Pollaiolo. La Sagrestia ospita un crocifisso giovanile di Michelangelo, al centro di una polemica decennale, anche se tutti oggi riconoscono al genio fiorentino la paternità dell’opera. Michelangelo infatti visse qui, sostenuto dai Medici, dopo la morte del padre. Come segno di riconoscimento donò alla chiesa il crocifisso, realizzato quando aveva 17 anni.

Il Cenacolo di Santo Spirito

Il Cenacolo di Santo Spirito
Il Cenacolo di Santo Spirito

In Piazza Santo Spirito c’è l’ingresso al Cenacolo di Santo Spirito decorato con un grandioso affresco di Andrea Orcagna che raffigura la Crocifissione e l’Ultima Cena di Cristo. Il Cenacolo ospita una raccolta di sculture donate al Comune di Firenze dall’antiquario napoletano Salvatore Romano.Tra le opere più importanti la Cariatide e l’Angelo adorante di Tino di Camaino, la Madonna con Bambino di Jacopo della Quercia e due bassorilievi di Donatello con San Prosdocimo e San Massimo, provenienti dalla Basilica del Santo a Padova.

Informazioni per la visita alla Chiesa di Santo Spirito

Indirizzo: centro storico
Come arrivare: a piedi
Orari di apertura: Tutti i giorni ore 10.00-12.00/16.00-18.00. Mai: mercoledì pomeriggio, sabato pomeriggio, domenica.

Costo del biglietto: gratis