10 cose da fare e vedere a Colmar

Una guida completa e dettagliata alle 10 cose da fare e vedere a Colmar.

Uno scorcio della Piccola Venezia di Colmar
Uno scorcio di Colmar

Avete mai provato la sensazione di passeggiare in una fiaba? Se non vi è mai successo e desiderate immergervi in un’atmosfera che evoca le più belle favole dell’infanzia dovete visitare Colmar.
Situata nella Francia orientale, nella regione dell’Alsazia dove rappresenta il capoluogo dell’Alto Reno, Colmar deve il suo nome al termine latino columbarium, molto probabilmente perché, all’epoca di Carlo Magno, vi si allevavano le colombe del re. Le sue origini risalgono al Sacro Romano Impero e, nel corso dei secoli, fu contesa più volte dalla Francia e dalla vicinissima Germania, fino alla fine della prima guerra mondiale, quando diventò definitivamente parte dell’Alsazia francese. Queste vicende storiche spiegano la doppia anima di questa città che si considera tutt’oggi metà francese e metà tedesca, come dimostrano la doppia lingua della segnaletica e la variegata tradizione gastronomica.
Oggi Colmar è una delle città più incantevoli d’Europa, soprattutto grazie al suo aspetto urbano tipicamente medievale rimasto intatto, caratterizzato da un susseguirsi di casette colorate a graticcio in pietra o in legno, stradine acciottolate, chiesette gotiche e piccoli ponti che oltrepassano i corsi d’acqua che attraversano il centro storico.
Questa piccola città-gioiello dell’Alsazia, situata ai piedi del massiccio montuoso dei Vosgi, è conosciuta anche con il nome di Petite Venice, ossia Piccola Venezia, perché ciò che la rende davvero magica e romantica sono proprio la presenza del fiume Lauch e di una serie di canali in grado di creare degli scorci molto suggestivi, tutti da fotografare. Resterete incantati dalla bellezza e dallo splendore di Colmar e vi sentirete spesso lontani dallo spazio e dal tempo, intenti a curiosare tra oggetti e souvenir in alcune botteghe artigianali di stampo medievale, oppure a scegliere tra la ricca varietà di dolci e biscotti esposti nelle vetrine delle patisserie.
Colmar, inoltre, è situata sulla Route du Vin, la celebre Via dei Vini dell’Alsazia, la strada più antica della Francia dove si producono i più rinomati vini al mondo. A pochi chilometri dalla città si trovano, infatti, dei meravigliosi vigneti dove, ancora una volta, vi sembrerà di trovarvi in un luogo incantevole, circondati da verdi montagne, castelli medievali e villaggi pittoreschi.

In questa pagina vi invitiamo a scoprire le 10 cose da fare e vedere assolutamente a Colmar durante un weekend o una vacanza. 

Se state cercando un hotel a Colmar vi consigliamo di scegliere tra quelli offerti da Booking.com. Ci sono circa 300 hotel con prezzi, foto e i commenti di chi ha soggiornato prima di voi. Vai a Booking.com.

La Piccola Venezia

La zona più suggestiva di Colmar è senza alcun dubbio la Petite Venice, ossia la Piccola Venezia, così chiamata perché la città è qui attraversata dal fiume Lauch e da una serie di pittoreschi ponti e canali che richiamano i più affascinanti scorci veneziani.

La Piccola Venezia
La Piccola Venezia

Il miglior modo di godersi la Piccola Venezia è fare una romantica mini-crociera a bordo di un bateau, l’imbarcazione tipica della città che vi farà scoprire punti di vista insoliti, passando a pochi metri dalle porte d’ingresso delle colorate casette a graticcio di cui potrete notare da vicino alcuni dettagli, come le graziose decorazioni esterne, e sbirciare anche attraverso le finestre.
La Piccola Venezia attraversa le strade più caratteristiche del centro di Colmar, i cui nomi evocano le corporazioni che le abitavano o il luogo in cui avevano la loro attività, come Quai de Poissonerie, il viale dei pescatori, Rue des Tanneurs, ossia la strada dei conciatori e Rue des Vignerons, la strada dei viticoltori.
Una passeggiata tra le strade acciottolate della Piccola Venezia è un’esperienza incantevole. Lasciatevi trasportare dai colori delle case con i tetti a spioventi, curiosate tra le tipiche botteghe artigianali, fatevi attrarre dai profumi dei dolci e del pane appena sfornato provenienti dalle patisserie e dalle boulangerie, camminate sui piccoli ponti che oltrepassano il fiume e i canali per godervi i punti di vista più spettacolari della città. Sappiate che lo scorcio più fotografato è quello che si ammira dal ponte situato all’incrocio tra Rue de la Poissonerie e Rue Turenne.

Dove
Petite Venice
Come arrivare
A piedi

La Collegiata di San Martino a Colmar

2La Collégiale Saint-Martin è il luogo di culto più importante della città di Colmar, i cui abitanti la riconoscono come Cattedrale di San Martino. Questo splendido ed imponente edificio, che domina una delle piazze più caratteristiche del centro storico, è uno dei più importanti esempi dell’architettura gotica dell’Alsazia, come ben dimostrano il suo alto campanile, i pinnacoli, le finestre vetrate a bifore e la sua facciata principale, caratterizzata da un portale decorato con un rilievo raffigurante l’Adorazione dei Magi e il Giudizio universale.

La Collegiata di San Martino a Colmar
La Collegiata di San Martino a Colmar

L’aspetto che maggiormente incuriosisce è il suo colore, un rosso mattone dovuto alla pietra arenaria dei Vosgi (grès rouge des Vosges), un materiale diffuso nell’architettura gotica francese e che caratterizza anche la Cattedrale di Strasburgo.
La Collegiata fu costruita, sulle rovine di un’antica chiesa romanica, a partire dal 1237 su progetto dell’architetto Guglielmo di Marburgo. La sua edificazione terminò verso il 1365-66. La chiesa subì i danni di un incendio divampato nel 1572, quando andarono distrutte la guglia della torre e la guglia principale che costituiva il tetto, poi ricostruito con le splendide maioliche colorate che tuttora spiccano sull’edificio. Dal 1840 la cattedrale di San Martino è stata riconosciuta come Monumento storico di Francia.
L’interno della Collegiata non delude le aspettative. Nonostante le devastazioni subite durante la Rivoluzione Francese, che rendono l’ambiente alquanto spoglio, le sue alte mura gotiche racchiudono alcune opere d’arte di gran valore, come un Crocifisso in legno risalente al XIV secolo e il Grand’Organo settecentesco realizzato dal maestro di Strasburgo Johann Andreas Silbermann.

Informazioni per la visita alla Collegiata di San Martino

Indirizzo
Place de la Cathédrale
Come arrivare
A piedi
Orari di apertura
Da maggio a gennaio dalle 13:00 alle 19:00, chiuso il lunedì
Da febbraio ad aprile dalle 14:00 alle 18:00, chiuso il lunedì
Chiuso: il 1 gennaio, 1 maggio, 8 maggio, 1 novembre, 11 novembre, 25 dicembre
Costo del biglietto
Intero: 4 euro
Ridotto: 3 euro

La Maison des Têtes e la Maison Pfister a Colmar

3Uno degli aspetti più affascinanti di Colmar riguarda la sua infinita varietà di case a graticcio, tutte diverse tra loro, ognuna di esse caratterizzata da particolari abbinamenti cromatici, da differenti forme e configurazioni spaziali. Durante la vostra passeggiata a Colmar vi sorprenderete a scovare le più particolari e originali, ma sappiate che ci sono due case da non perdere.

La Maison des Têtes e la Maison Pfister a Colmar

Si tratta della Maison des Têtes e della Maison Pfister, tra le più antiche della città di Colmar, entrambe edificate durante il rinascimento.
La Maison des Têtes prende il suo nome dalla incredibile quantità di teste in pietra che emergono dalla sua facciata, sia umane sia di animali, tutte intensamente espressive. La “Casa delle Teste” fu costruita in un raffinato stile rinascimentale nel 1609 per il ricco mercante Anton Burger, che fu anche sindaco di Colmar. La sua particolarità sta nelle ben 106 piccole teste scolpite tra i balconi, tra le finestre e su tutta la facciata. La statua del Bottaio in stagno sulla cima, invece, fu costruita dal celebre scultore Auguste Bartholdi, originario proprio di Colmar. Riconosciuta dal 1898 Monumento storico di Francia, oggi la Maison des Têtes è un elegante hotel a cinque stelle.
Ben diversa è la Maison Pfister, simbolo della città di Colmar, un tipico edificio alsaziano dalla struttura in pietra e legno che sorge all’angolo della pittoresca Rue des Marchands (via dei Mercanti). Il nome deriva dalla famiglia che la abitò tra il 1841 e il 1892. La caratteristica principale di questa casa è il tipico “erker”, la finestra sporgente a due piani percorsi da balconate che si allungano su entrambe le facciate, presente soprattutto nelle antiche case tedesche. Sul lato sinistro, invece, spicca una torretta ottagonale, con estremità a graticcio. Le facciate sono decorate con degli importanti affreschi dipinti da Christian Vacksterffer, che raffigurano la Fede e la Giustizia, imperatori germanici del XVI secolo, i Quattro Evangelisti, i Dottori della Chiesa e Scene bibliche. Anche la Maison Pfister è considerata Monumento storico di Francia dal 1927. Non è attualmente visitabile.
Indirizzo
Maison des Têtes: Rue des Têtes 19
Maison Pfister: Rue des Marchands 11
Come arrivare
A piedi

Il Museo d’Unterlinden a Colmar

4Il Museo d’Unterlinden (Musée d’Unterlinden) è situato all’interno di un ex convento di monache dominicane la cui costruzione risale al XIII secolo. Una visita a questo interessante luogo, considerato tra i più importanti della Francia, vi offre la possibilità di ammirare anche lo splendido chiostro gotico in pietra arenaria rosa dei Vosgi e anche la cappella St. Johann unter der Linde (San Giovanni sotto il tiglio) che dà il nome al museo.

Il Museo d’Unterlinden a Colmar
Il Museo d’Unterlinden a Colmar

Attualmente il Museo d’Unterlinden custodisce opere d’arte di ogni epoca, dall’antichità a quella moderna e contemporanea, di artisti sia locali sia internazionali, ma anche oggetti d’arte decorativa e popolare dell’Alsazia dal Medioevo al Rinascimento. Tra le opere più preziose spicca la Pala d’Altare di Issenheim, realizzata tra il 1512 e il 1516 dal pittore tedesco Matthias Grünewald. Considerata uno dei capolavori dell’arte religiosa occidentale, la sua particolarità sta nel suo combinare tra loro pannelli dipinti e scolpiti, andando a costituire una vera e propria “macchina d’ altare” composta da ante fisse e rimovibili che possono assumere tre diverse configurazioni. Cuore dell’opera la figura di Sant’Antonio, a cui i malati (soprattutto i sofferenti del Fuoco di Sant’Antonio) accorrevano in preghiera nel monastero di Issenheim.

Informazioni per la visita al Museo Unterlinden

Indirizzo
Place Unterlinden
Come arrivare
A piedi
Orari di apertura
Aperto: da lunedì a domenica dalle 9:00 alle 18:00
Chiuso: il martedì; il 1 gennaio; il 1 maggio; il 1 novembre; il 25 dicembre
Costo del biglietto
Intero: 13 euro
Ridotto gruppi e anziani: 11 euro
Ridotto 12-18 anni: 8 euro

Il Koïfhus, la Vecchia Dogana a Colmar

5L’edificio della Vecchia Dogana di Colmar, o Koïfhus in dialetto alsaziano, è il più antico della città. Si tratta di una costruzione molto caratteristica realizzata nel 1480, quando aveva un ruolo fondamentale nella vita economica della città: era qui che le merci venivano stoccate e tassate prima di essere importate o esportate. 

Il Koïfhus, la Vecchia Dogana a Colmar
Il Koïfhus, la Vecchia Dogana a Colmar

L’Antica dogana è composta da due edifici, uno a pianta rettangolare con portale sormontato da un’aquila a due teste, mentre l’altro (XVI secolo), caratterizzato da un’elegante scala esterna in stile rinascimentale, comprende anche una torretta ottagonale e dei porticati ribassati che sorreggono una balconata in legno. L’aspetto più tipico e “alsaziano” di quest’opera architettonica è rappresentato dai tetti a spioventi ricoperti di maioliche colorate, che la rendono simile alla Collegiata di San Martino.
Oggi il Koïfhus, situato tra la Grand’Rue e la Place de l’Ancienne Douane, ospita il mercato degli artigiani e segna uno degli ingressi alla Petite Venise, la Piccola Venezia, il cuore pulsante di Colmar. La Vecchia Dogana è riconosciuta dagli abitanti della città come simbolo di Colmar.

La Statua della libertà e il Museo Bartholdi a Colmar

6Non tutti sanno che la piccola città di Colmar ha un cittadino illustre. Si tratta di Frédéric-Auguste Bartholdi, lo scultore francese che progettò la Statua della Libertà di New York. Bartholdi nacque proprio a Colmar nel 1834 e la sua casa natale di Rue des Merchants è oggi diventata un museo che si può visitare per conoscere meglio questo importante artista attraverso le sue opere.

La Statua della libertà e il Museo Bartholdi a Colmar
La Statua della libertà e il Museo Bartholdi a Colmar

Nel Museo Bartholdi si possono ammirare le riproduzioni in scala di alcuni monumenti creati dallo scultore per la sua città, come quello della fontana Roesselmann e la statua dell’artista Martin Schongauer, ma soprattutto osservare i modelli in scala originali delle sue opere più famose, ossia la colossale statua del Leone di Belfort e la celeberrima Statua della Libertà, costruita poi da Gustave Eiffel. Nella casa-museo di Bartholdi sono custoditi anche oggetti personali dell’artista, come arredi, mobili, souvenir, disposti ancora nelle stanze originarie dell’appartamento.
Se siete dei veri appassionati della Statua della Libertà, o soltanto dei semplici curiosi, sappiate che all’ingresso nord della città di Colmar, sulla Route de Strasbourg, potrete ammirare una fedelissima riproduzione di Lady Liberty alta 12 metri, realizzata nel 2004 in occasione del centenario dalla morte di Bartholdi. La statua si trova su una rotatoria ed è visibile da ogni lato. Simbolicamente sta a indicare il legame che unisce Colmar e New York attraverso una delle opere più conosciute al mondo, monumento simbolo della Grande Mela e degli Stati Uniti d’America.

Informazioni per la visita al Museo Bartholdi

Indirizzo
Rue des Marchands 30
Come arrivare 
A piedi
Orari di apertura
Il museo è aperto dal 1 marzo al 31 dicembre. Dal mercoledì al lunedì dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 14:00 alle 18:00
Chiuso: il martedì; nei mesi di gennaio e febbraio; il 1 maggio; il 1 novembre; il 25 dicembre
Costo del biglietto
Intero: 6 euro
Over 65: 4 euro
Under 18: Gratuito

Il Museo del Giocattolo di Colmar

7A rendere ancora più fiabesca l’atmosfera di Colmar c’è il Museo del Giocattolo, un luogo magico fuori dal tempo, in grado di incantare i bambini, ma anche gli adulti.
Aperto dal 1993 e costruito all’interno di un vecchio cinema, il Musée du jouet di Colmar offre ai visitatori un vero e proprio viaggio nel mondo dei giochi e dei giocattoli con una collezione che comprende più di 1000 pezzi situati nelle sale dei tre piani del museo.
Durante la visita si potrà conoscere l’evoluzione dei giocattoli dal XIX secolo ai giorni nostri: dalle celebri Barbie di ogni epoca (alle quali è dedicato tutto il secondo piano) ai formidabili trenini e alle locomotive da collezione; dalle bambole ottocentesche ai più moderni mattoncini Lego; dai giochi meccanici ai robot. Il museo dedica degli speciali spazi agli intramontabili giochi da tavola, tra cui gli scacchi e la dama, ai primi videogiochi e a un divertente teatro delle marionette che si esibiscono in brevi spettacoli.

Informazioni per la visita al museo del Giocattolo

Indirizzo
Rue Vauban 40
Come arrivare
A piedi
Orari di apertura
Da gennaio a novembre dalle 10:00 alle 17:00
Luglio, agosto e dicembre dalle 10:00 alle 18:00
Chiuso il martedì
Costo del biglietto
Intero: 5,50 euro
Ridotto 8-15 anni: 4,20 euro
Under 8: Gratuito

I mercatini di Natale

8Nonostante Colmar sia una città suggestiva e affascinante in ogni periodo dell’anno, è a Natale che questa pittoresca cittadina alsaziana sprigiona tutta la sua magia, incantando i suoi visitatori con scenografie e coreografie di musiche, suoni e colori che valorizzano ancora di più l’aspetto fiabesco dei suoi monumenti medievali. I mercatini di NataleUn’atmosfera ancora più emozionante se c’è la neve!
Durante le festività natalizie le strade, le piazze, i ponti e i canali del centro storico di Colmar vengono decorati e illuminati con speciali giochi cromatici, mentre le casette a graticcio assumono un aspetto ancora più fiabesco grazie agli scenografici addobbi che richiamano la più autentica tradizione del Natale. Ma non è tutto. Se vi trovate a Colmar nel periodo dell’Avvento, dalla fine di novembre alla fine di dicembre, avrete la sensazione di trovarvi in un vero e proprio villaggio natalizio, tra cori e musicanti pronti a intonare le melodie più note delle feste, piste di pattinaggio sul ghiaccio, la buca della posta di Babbo Natale, il profumo dei dolci alla cannella e del vin brulé. Ma soprattutto vi sentirete circondati dai protagonisti indiscussi delle feste natalizie delle città del Nord Europa: i Mercatini di Natale.
A Colmar si organizzano solitamente cinque mercatini di Natale, nei luoghi più caratteristici del centro storico. In Place des Dominicains, nelle 60 casette in legno allestite ai piedi della chiesa, si può curiosare tra decorazioni natalizie, idee regalo in legno e in ceramica, dolciumi e manufatti artigianali, mentre nel mercato coperto della Vecchia Dogana (Koïfhus) trovano posto gli oggetti d’arte e di antiquariato eseguite dai maestri vetrai, ceramisti, falegnami, intagliatori del legno e gioiellieri. Anche place de l’Ancienne Douane diventa molto suggestiva, grazie alle 50 casette di legno che circondano la fontana Schwendi realizzata da Bartholdi. I più golosi possono trovare in Place Jeanne d’Arc il loro paradiso, tra stand che espongono i prodotti gastronomici alsaziani come i dolci alla cannella, fois gras e vin brulé. La Petite Venise, invece, diventa il villaggio natalizio dei bambini, tra casette colorate e allegre che espongono giocattoli in legno, dolci di ogni tipo, pan di zenzero, peluche, giostre con cavalli e una grande cassetta dove inserire le lettere per Babbo Natale.

Cosa mangiare a Colmar

9La cucina di Colmar risente sia di alcuni influssi provenienti dalla gastronomia francese sia di sapori più prettamente “tedeschi”, data la vicinanza con la Germania. In tutta la città ci si può imbattere nelle tipiche winstub e bierstub, osterie dall’atmosfera molto accogliente dove potrete assaporare i piatti e le prelibatezze alsaziane accompagnate da un calice di vino o da un boccale di birra.
Come in tutte le aree del Centro e del Nord Europa, a Colmar troverete nei menu dei ristoranti vari piatti a base di carne, cucinata in modi sempre differenti.

Cosa mangiare a Colmar
Cosa mangiare a Colmar (La choucroute)

Una delle specialità alsaziane è il choucroute, un piatto a base di carne di maiale e crauti aromatizzati alle bacche di ginepro, a cui si possono aggiungere anche pancetta, lardo, stinco di maiale o salsiccia. Altre pietanze tipiche sono: il baeckeoffe, uno spezzatino composto da diversi tipi di carne e posto in un tegame con verdure stufate e patate; il Coq au Riesling, il gallo cotto nel celebre vino alsaziano Riesling; la fondue vigneronne au vin rouge, una speciale fonduta di carne con vino rosso caldo. Da provare anche la tarte flambée, una pizza bianca sottile cotta a legna e farcita con panna acida, cipolla e pancetta affumicata, e il bretzel, il tipico pane tedesco intrecciato di cui a Colmar sono disponibili più varianti, con diverse farciture. Da non perdere il foie gras, il prelibato fegato d’oca che è nato proprio in Alsazia, dove viene servito con il saporito pain d’épices, ossia il pane speziato. Tra i formaggi il più tipico è il Munster, un formaggio in crosta a pasta molle che nasce proprio nell’altopiano dei Vosgi, al confine tra l’Alsazia e la Lorena.
Non dimenticate che Colmar è la capitale del vino alsaziano e che a pochi passi dal centro cittadino si trovano degli splendidi vigneti dove si producono alcune celebri vini come il Riesling renano, il Pinot grigio, bianco e rosso, e il Gewürztraminer. Tutti da gustare nelle winstub della città.

Hotel a Colmar

10L’Alsazia non è una regione economica, ma sappiate che Colmar è una delle città meno care dove pernottare. Nonostante sia una città molto piccola, Colmar offre una vasta scelta di soluzioni per soggiornare, tra hotel, bed and breakfast e mini appartamenti situati all’interno delle tipiche casette in legno a graticcio.

Hotel a Colmar
Hotel a Colmar

Anche nelle aree più centrali, come in zona Petite Venice, si possono trovare camere per due persone a partire dai 40 euro a notte, mentre nei pressi della stazione ferroviaria (a soli 15 minuti a piedi dal centro storico) si possono trovare soluzioni anche a 30 euro a notte. Se desiderate soggiornare a Colmar nel periodo di Natale vi conviene prenotare con largo anticipo, dal momento che i suoi mercatini natalizi sono tra i più visitati di tutta la regione. Ovviamente in questo periodo i prezzi sono più alti e partono anche dai 50/60 euro a notte.
Colmar è un punto d’appoggio strategico se la vostra idea è quella di fare un viaggio itinerante in Alsazia, visitando anche città come Basilea, Strasburgo e Friburgo dalle quali è praticamente equidistante (circa 1 ora e mezza in auto o in autobus). Soggiornare a Colmar vi consente di risparmiare e di mantenere la vostra “base” in una cittadina animata, tranquilla e concentrata, dove ogni servizio e attrattiva sono raggiungibili facilmente a piedi.

Se state cercando un hotel a Colmar vi consigliamo di scegliere tra quelli offerti da Booking.com. Ci sono circa 300 hotel con prezzi, foto e i commenti di chi ha soggiornato prima di voi. Vai a Booking.com.