La Basilica di Santa Maria a Cracovia

La triste storia di due fratelli e di una sentinella vivono tra le mura della chiesa gotica con le due torri di altezza differente, custode dell'altare più antico d'Europa.

A nord-est del Rynek, la piazza principale di Cracovia, spicca la sagoma della Basilica di Santa Maria (Bazylica Mariacka), chiesa gotica del XIV secolo con le sue due torri di altezze differenti (69 metri l’una ed 81 metri l’altra). Si narra che la costruzione delle due torri venne affidata a due fratelli architetti. L’aspra competizione tra i due portò il fratello maggiore ad accoltellare il minore  la cui torre, a seguito della sua morte, rimase incompiuta. Sulla sorte del fratricida esistono due versioni: la prima vuole che venne annientato dal senso di colpa e si tolse la vita proprio con quel coltello; per la seconda invece, l’assassino fu giustiziato. Ecco svelata la triste storia del grosso coltello arrugginito che pende dalla parete di una delle arcate del Sukiennice posto lì a ricordare che il crimine non paga.

Visitare la Basilica di Santa Maria

La chiesa ha tre navate e numerose cappelle laterali. All’interno, ricco e sfarzoso, spiccano la bellissima policromia di Jan Matejko  e le splendide vetrate.
L’opera che catalizza l’attenzione è senz’altro la pala d’altare lignea (Altare Mariano) scolpita dal maestro di Norimberga Veit Stoss nel corso di 12 anni. Si tratta del più grande altare gotico d’Europa (m 11x 13), 5 pannelli in cui sono intarsiate 200 figure e nei quali sono rappresentati, al centro, la Dormizione di Maria (il suo ultimo sonno, secondo le Scritture, durante il quale avviene l’assunzione), più in alto, l’Assunzione; in cima l’Incoronazione. Sulle ali sono, invece, illustrate scene della vita di Cristo e della Vergine. (L’apertura delle ante del polittico ha luogo ogni giorno alle 11.50).

L'interno della Basilica di Santa Maria a Cracovia.
L'interno della Basilica di Santa Maria a Cracovia. Jaroslav Moravcik / Shutterstock.com

La triste storia della sentinella trafitta da una freccia

Se passeggiate per il Rynek, sollevando gli occhi e aguzzando le orecchie,  potrete partecipare ad uno dei momenti più sentiti della tradizione polacca: lo Hejnal, ovvero la “chiamata a raccolta”. Dalla torre più alta della chiesa (un tempo utilizzata come torre di guardia), un trombettiere esegue quattro volte, in direzione dei quattro punti cardinali, una melodia interrompendola bruscamente.

La sentinella di Cracovia
La sentinella di Cracovia. De Visu / Shutterstock.com

Era una notte del 1241 quando una sentinella, posta a guardia della città, suonò la tromba per avvisare i cracoviani dell’imminente invasione dei Tartari; il segnale di pericolo ben presto si spezzò a causa di una freccia che trafisse la gola della coraggiosa vedetta grazie alla quale la città riuscì a preparare le difese e a respingere l’attacco dei nemici.

Da allora, a ogni ora e in tutti i giorni dell’anno, l’episodio viene ricordato con un suono di tromba interrotto nel mezzo della stessa battuta e viene ritrasmesso ogni giorno alle 12 dalla radio nazionale polacca.

plac Mariacki 5

A piedi

Tutti i giorni dalle 11.30 alle 18.00.
Domenica: 
dalle 14.00 alle 18.00

Adulti: 10 zl.; ridotto: (bambini, anziani e studenti)5 zl.