Piazza del Municipio e il viale pedonale dello Strøget a Copenaghen

Passeggiando nel cuore di Copenaghen tra cultura e shopping, tra antiquari e negozi di design, tra edifici storici e boutique di lusso.

Piazza del Municipio e il viale pedonale dello Strøget a Copenaghen
Piazza del Municipio e il viale pedonale dello Strøget a Copenaghen

La Radhuspladsen (Piazza del Municipio) è considerata il punto chilometrico zero della Danimarca, nonché luogo nevralgico di Copenaghen. Tradizionale spazio d’incontro degli abitanti della capitale, animata al mattino e alla sera da ambulanti e da artisti di strada, la piazza del Municipio è il centro delle attività commerciali e del traffico cittadino.

La  Radhuspladsen, con la sua fontana del drago, è dominata dall’imponente Municipio (Radhuset), da cui prende il nome, costruzione eretta tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900 con forme volutamente ispirate al Palazzo pubblico di Siena ed al Kronborg Slot di Helsingor. L’edificio cittadino è affiancato dalla possente torre Municipale (Radhustarnet) alta più di 100 metri con orologio e guglia campanaria da cui si ha una suggestiva veduta sui tetti della città. La sala d’ingresso del Municipio accoglie il monumentale orologio astronomico di Jens Olsen a 12 quadranti mentre all’interno, in posizione trasversale, si trova la grande sala consiliare. (Il Municipio è aperto al pubblico nei giorni feriali dalle 8.30 alle 16.30, il sabato dalle 10 alle 13. L’accesso alla torre è a pagamento).

Nei dintorni della Piazza del Municipio

La piazza è circondata da alcuni interessanti edifici e singolari monumenti che vale la pena osservare. All’angolo di Vestervoldgader e Radhuspladsen si trova la Richshuset, edificio la cui torre è animata da un particolare barometro creato nel 1936: una fanciulla dorata che si mostra in bicicletta preannuncia il bel tempo, una donna con l’ombrello indica il maltempo, se si vedono entrambe vuol dire che il tempo sarà nuvoloso.

A destra del Municipio, vi è la statua di H.C. Andersen, scrittore di fiabe, considerato uno dei “figli prediletti della città”.
Dall’altro lato del viale si può ammirare il cosiddetto castello di Andersen, edificio in stile rinascimentale che ospita il museo delle cere. A sinistra del palazzo municipale, invece, in cima ad una colonna alta 20 metri vi è un insolito gruppo scultoreo. Si tratta di due suonatori di lur (strumenti a fiato diffusi tra i popoli nordici dal XII al VI sec. a.C), donazione della Fabbrica di birra Carlsberg alla città in occasione della celebrazione dei 100 anni della nascita del birrificio Jacobsen (1914).

Shopping nello Strøget

La Radhuspladesen è il punto d’inizio della famosa via pedonale Strøget, lunga quasi due chilometri (la più lunga in Europa), che arriva fino a Kongens Nytorv, davanti al canale di Nyhavn.

In realtà lo Strøget si compone di una serie di strade consecutive: Frederiksberggade, Nygade, Vimmelskaftet, Amagertorv e Ostergad, caratterizzate da un piacevolissimo susseguirsi di edifici spesso antichi, ristoranti, negozi di design, antiquari, caffè, boutique. Lo Strøget è la via dello shopping per eccellenza. Sul lungo corso si alternano grandi magazzini (Illum Magasins e Illum Bolighus), vetrine esclusive (Prada, Louis Vuitton, Chanel), rinomati negozi della tradizione danese come: la Royal Copenaghen, con le famose porcellane blu e bianche dell’omonima manifattura fondata nel 1775, la cristalleria Holmegaard, la più che secolare gioielleria Jensen, i numerosi negozi che vendono il classico piumino danese e i tipici maglioni fatti a mano di lana pesante.

Oltre che un concentrato di vetrine da ammirare, la famosa arteria pedonale è anche il luogo ideale per passeggiare e godersi la città, sulle note dei musicisti di strada che con i loro spettacoli improvvisati rallegrano l’atmosfera e gli animi.

Tutto su Copenaghen

Leggi la nostra guida di Copenaghen o scopri le 10 cose da fare e vedere assolutamente nella capitale danese.