10 cose da fare e vedere a Colonia

Le 10 cose da fare e vedere assolutamente durante una vacanza o un week-end a Colonia.

Colonia in Germania
Colonia in Germania

Divisa in due dal fiume Reno, Colonia (in tedesco Koln) è una città dinamica, vivace, entusiasmante che contagia chiunque vi arrivi, anche se solo di passaggio. In questa storica città della Germania Occidentale, la più antica di tutta la nazione, l’antico e il moderno si fondono dando vita ad una meta dal fascino irresistibile: numerosi musei e 12 straordinarie chiese romaniche costellano la città rendendo Colonia un vero centro di arti e di cultura.

Un’atmosfera allegra e gioviale è quella che si respira tra le strade acciottolate che affollano il centro storico con le sue attrattive e il meraviglioso Duomo, simbolo assoluto di Colonia; mentre addentrandosi nei diversi quartieri colorati, chiamati veel, l’atmosfera diventa decisamente più bohémien. Se vi rimane del tempo, non perdete un giro in battello lasciandovi cullare  dalle acque del romantico Reno, e se siete ancora più romantici, lasciate pure il vostro lucchetto d’amore sul famoso Ponte Hohenzollern, insieme ad altri migliaia. Se amate la vita notturna, in questa città giovane che dorme poco, vi sentirete come a casa in una delle tante birrerie che affollano il centro per bere la famosissima Kolsch, la birra locale di Colonia ad alta fermentazione che costa meno dell’acqua. Quasi sempre durante l’anno, grazie al ricco calendario di eventi e fiere, troverete qualcosa di interessante a cui assistere, e se poi vi trovate qui durante il periodo di Carnevale, partecipare a questo evento sarà un’esperienza davvero indimenticabile. Insomma Colonia non è certo una città che delude, anzi si rivela fin da subito una vera sorpresa, come d’altronde i suoi abitanti, gente cordiale, famosa per l’umorismo e, soprattutto, per la loro gentilezza.

In questa pagina vi consigliamo le 10 cose da fare e vedere assolutamente a Colonia durante un week end o una vacanza. 

Se state cercando un hotel a Colonia vi consigliamo di scegliere tra quelli offerti da Booking.com. Ci sono circa 800 hotel con prezzi, foto e i commenti di chi ha soggiornato prima di voi. Vai a Booking.com.

L’Altstadt di Colonia

1

L’Altstadt è il cuore di Colonia, la città vecchia che si allunga verso est, in direzione del Reno. In questo quartiere, gremito di piazze, strade e vicoli, si incontrano le maggiori attrattive e i principali luoghi culturali della città. In molti iniziano il tour scendendo alla stazione ferroviaria di Hauptbahnhof, proprio ai piedi del Dom, la meravigliosa cattedrale, simbolo per eccellenza della città di Colonia.

L’Altstadt di Colonia

Dalla zona della cattedrale ci si può dirigere lungo la Hohe Strasse, la principale via dello shopping di Colonia, per poi incamminarsi verso est, dove a farsi notare, oltre al duomo, sono anche le particolari torri gotiche del Municipio, il Rathaus, che si incontra poco più avanti e la chiesa romanica di San Martino che affaccia nel cuore di Fischmarkt, dove un tempo si svolgeva il mercato del pesce. Questo angolo di piazza con affaccio sul Reno è forse uno dei più caratteristici e iconici di tutta Colonia che con le sue tipiche casette colorate regala un’atmosfera ancora più suggestiva. Un buon motivo per sostare a scattare qualche foto ma anche per cominciare a godersi una fresca birra in uno dei tanti locali che si trovano in questo vivace quartiere.

Dom - Il Duomo di Colonia

2

Il Duomo di Colonia domina l’intero centro cittadino con le sue torri gemelle che si avvistano in lontananza già dalle pianure del Reno. Oltre 600 anni per costruire questo enorme edificio alto 157 metri, classificato dall’UNESCO bene dell’Umanità. L’attuale aspetto, comunque, lo si è raggiunto soltanto di recente: la chiesa è stata iniziata nel Duecento, ma ad un certo punto i fondi per la costruzioni terminarono e così anche i lavori che ripresero lentamente verso il Cinquecento soltanto per la parte della navata e della torre sud.

Dom - Il Duomo di Colonia
Dom – Il Duomo di Colonia

Sarà durante l’Ottocento che i lavori furono ripresi e completati nel 1880, anno in cui la cattedrale fu restituita in tutta la sua magnificenza, come la vediamo oggi, diventando il simbolo della Germania Unita. Per ammirarla in tutto il suo splendore è bene girarci intorno, ammirare la splendida facciata ovest fino ad arrivare alla facciata sud considerata una degli esempi artistici più belli dell’architettura gotica dell’Ottocento. I possenti contrafforti si allungano in una moltitudine di guglie, pinnacoli e arcate rampanti che si stagliano verso il Reno, spettacolari come la facciata ovest.

Interno
Varcando l’entrata principale è forte l’impressione rispetto alla grandezza della chiesa; dall’ingresso, il corpo dell’edificio si distende per ben 144 metri fino ad arrivare al coro posto sul fondo che dà l’idea di essere sospeso nel nulla.

Dopo la vertigine per le sue dimensioni si è colti da un altro elemento di stupore: i colori intensi che decorano le vetrate delle navate laterali, lavoro artigianale compiuto da maestri del Cinquecento.

Un altro genere di capolavoro si trova invece in una cappella laterale subito dopo il transetto del lato nord, si tratta della Croce di Gerone (Gerokreuz) scolpita in legno di quercia e raffigurante Cristo durante la crocifissione; l’opera è del X secolo ed è la più importante scultura medievale conservata.

Proseguendo tra le varie cappelle, ad un certo punto lo sguardo si poserà sulla parte più preziosa dell’edificio, capolavoro per eccellenza del Dom: il Dreikonigenschrein, la “Cassa dei Re Magi”. Si tratta di un reliquario a forma di basilica realizzato in argento dorato e decorato con smalti e gemme; si trova dietro l’altare maggiore e fu costruito da Nicolas de Verdun in 30 anni per conservare le reliquie dei Re Magi offerte all’arcivescovo di Colonia dall’Imperatore Federico Barbarossa. Questo enorme tesoro che si conserva in questa chiesa ha attirato in città migliaia di pellegrini, motivo per cui la precedente cattedrale romanica fu rimpiazzata con l’attuale gotica, e questo tesoro è l’unica ragione della sua esistenza. Da ammirare è ancora il Dombild, lo splendido dossale del Duomo: opera del 1400 eseguita da Stefan Lochner, raffigurante Gesù sulle ginocchia della madre con accanto i santi patroni di Colonia, Sant’Orsola e San Gerone.

Orari di apertura e costo del biglietto del Duomo di Colonia

Orari di apertura giornalieri
6.00 – 7.30 ore (da novembre ad aprile)
6.00 – 9.00 ore (da maggio a ottobre)
Si prega di notare che ci sono orari di apertura speciali nei giorni festivi
Orari di apertura per i turisti la domenica e nei giorni festivi
13.00 – 16.30 ore

Prezzi: la cattedrale ha entrata libera, la visita alla camera del tesoro ha un costo di 5€, per le torri il costo è di 3€

N.B. Durante le Messe diurne e gli eventi serali speciali la cattedrale è chiusa ai turisti. Inoltre durante le festività ci sono degli orari d’ingresso speciali. Per ulteriori informazioni consigliamo di fare riferimento al sito ufficiale della Cattedrale.

Museo Wallraf-Richartz

3

In un enorme palazzo a forma di cubo si conserva una delle collezioni d’arte più pregevoli a livello mondiale. Al Wallraf-Richartz-Museum le cose da vedere sono davvero tante, per cui  iniziamo col dire che se non avete abbastanza tempo per vedere tutto, forse è il caso di concentrarsi al primo livello del museo dove si incontrano le opere del famoso artista Stefan Lochner, artista della pittura liturgica che visse gran parte del suo tempo a Colonia.

Museo Wallraf-Richartz
Museo Wallraf-Richartz | Giudizio Universale

Nelle sue realizzazioni è rappresentata la vita nel Medioevo (scene bucoliche, paesaggi cittadini) e più che mai in queste opere si evince la tipica tendenza tedesca a risaltare gli aspetti più cupi e tetri della pittura. Tendenza che supera questo livello nel suo capolavoro, il magnifico Giudizio Finale, probabilmente del 1440, con le immagini dei diavoli che strisciano i peccatori all’Inferno tra torture, decapitazioni e tormenti. Un lavoro diverso, sempre dello stesso autore, è invece quello che riguarda la Madonna del Roseto, scena distesa, pervasa di armonia e tranquillità. Dello stesso filone artistico ma a livello italiano, incontriamo, invece, Simone Martini con la sua famosa Madonna col Bambino. Da apprezzare sono anche le opere di Tiziano, Tintoretto, Lucas Cranach il Vecchio e altri artisti del periodo del ’500. Le arti classiche a livello europeo sono rappresentate invece da artisti quali Rubens, Rembrandt, Lorrain per la pittura fiamminga e olandese e da Renoir, Cézanne, Van Gogh e così via per l’impressionismo francese.

Orari di apertura e costo del biglietto del Museo

Orari d’apertura:
Dal martedì alla domenica, dalle ore 10.00 alle ore 16.00
Chiuso il lunedì
Costo del biglietto: 13 euro. Due adulti + bambino 30 euro.

Museo Ludwig e Museo Römisch-Germanisches

4

Al Museo Ludwig di Colonia si fa conoscenza con l’arte tedesca del Novecento attraverso le opere dei maggiori esponenti di quell’epoca come Kirchner, Beckmann, Dix, Grosz, Klee e tanti altri. Non mancano comunque artisti chiave dell’arte europea come il grande Picasso, una vasta collezione che ha arricchito il museo proprio negli ultimi anni.

Museo Ludwig a Colonia
Museo Ludwig a Colonia

Di grande importanza è soprattutto la collezione di opere anglo-americane raccolte grazie alla grande della famiglia Ludwig, fondatrice del museo. La collezione pop art è infatti una delle più grandi dopo quella degli Stati Uniti.

Orari di apertura e costo del biglietto del Museo

Orari d’apertura:
Dal martedì alla domenica, dalle ore 10.00 alle ore 16.00
Chiuso il lunedì
Costo del biglietto: 12 euro.

Römisch-Germanisches Museum

L’esposizione del Museo Romisch è il posto ideale dove farsi raccontare la storia dell’incontro tra due culture: la cultura della Colonia romana e quella della Colonia capitale della Germania Inferiore. Un’area di 4.500 mq che conserva reperti archeologici di epoca preistorica, romana e franca, tutti rinvenuti nel comune della città di Colonia. Ma il Romisch va visto soprattutto per il suo maggior vanto: il Mosaico di Dioniso, un’opera eccezionale composta da oltre un milione di tasselli. Questo mosaico, ritrovato in un bunker scavato durante il periodo della Seconda Guerra Mondiale, mostra il volto del dio Dioniso in compagnia di satiri e vergini che danzano. Ad avere il privilegio indeterminato di osservarlo, è la tomba  monumentale di Lucio Poblicio, che si trova propria accanto al mosaico.

Orari di apertura e costo del biglietto del Museo

Al momento il museo è in ristrutturazione. Il mosaico si può vedere con un tour guidato in tedesco al costo di 3 euro.

Orari d’apertura dopo la ristrutturazione:
Dal martedì alla domenica, dalle ore 10.00 alle ore 16.00
Chiuso il lunedì
Costo del biglietto: 12 euro.

Centro di documentazione sul Nazismo

5

Non tutti i musei raccontano sempre il passato grandioso di una città; è il caso del Centro di Documentazione sul Nazionalsocialismo, un luogo dove si conserva la memoria di un periodo molto più triste rispetto a tutte le cose che ci siamo raccontate fino ad ora.

Centro di documentazione sul Nazismo
Centro di documentazione sul Nazismo

Questo centro era la sede locale della Gestapo, polizia segreta nazista, una prigione destinata a tutti gli oppositori del regime. Le 1.800 scritte dei detenuti che si leggono sui muri all’interno delle anguste celle, sono una cupa testimonianza di quello che è stato, della terribile storia tedesca. Questo centro dal 13 dicembre 1979 è diventato il più grande museo regionale della memoria per le vittime del nazismo; oggi ospita una mostra permanente sulla Colonia ai tempi di Hitler e da accesso ad una zona dove sono conservati parte dei fascicoli creati dai nazisti sugli abitanti della città. Un luogo da vedere per non dimenticare!

Orari di apertura e costo del biglietto del Centro
Indirizzo: Appellhofplatz 23-25
Orari ingresso:

da martedì a venerdì dalle ore 10:00 alle ore 18:00;
-sabato, domenica e festivi, dalle ore 11:00 alle ore 18:

Chiese di Colonia

6

Come i musei, anche le chiese di questa città sono davvero tante. Colonia vanta ben 12 chiese romaniche e tra queste spicca senza dubbio la chiesa di St. Maria im Kapitol (Santa Maria in Campidoglio), la chiesa più importante dopo il duomo. Come ci suggerisce il nome, questo edificio fu costruito sulle fondamenta del tempio della Triade Capitolina nel 609 e passato nell’XI secolo all’Ordine Nobili Dame di Santa Maria in Campidoglio.

La chiesa di San Martino a Colonia
La chiesa di San Martino a Colonia

La chiesa di St. Aposteln presenta un’abside bellissima, costruita nel 1021 e diventata prototipo dell’architettura romanica sul Reno, mentre la chiesa St. Pantaleon è un capolavoro architettonico fondato nel 950, con una cripta che da l’accesso ad un’antica villa romana. St.Severin è invece la chiesa cattolica più antica di Colonia dove sono state riportate alla luce tombe romane e cristiane appartenenti al II. secolo. St.Gregon appartiene invece al IV secolo ed ha una struttura molto particolare che si sviluppa su un corpo decagonale su quattro piani in stile neogotico. Gross St.Martin è una chiesa tardoromanica che sorge su fondamenta molto antiche che un tempo ospitavano un centro sportivo per i soldati romani, resti che sono stati rinvenuti nella sua cripta. Infine St.Ursula un edificio originario del IV secolo ristrutturato successivamente in chiave romanica; qui sono conservate opere d’arte legata alla santa: il sarcofago, una statua, 19 tavole dipinte e il reliquario del 1170.

Ponte Hohenzollern

7

Dopo il Dom, il secondo luogo più turistico e visitato della città di Colonia è il Ponte Hohenzollern; lungo più di 400 metri unisce le due sponde del Reno e collega il Dom alla parte moderna della città.

Ponte Hohenzollern
Ponte Hohenzollern

Ad attraversare il Reno ci sono ben sette ponti ma di tutti questo è quello più famoso, oltre ad essere anche il più antico. Il ponte è diventato famoso perché, come in molte altre città europee, è oggetto della moda dei lucchetti degli innamorati o di chiunque voglia lasciare un ricordo, anche se a volte quando le promesse diventano tante, può succedere che il ponte non riesce più a sostenerle e venire giù come purtroppo è successo in alcuni paesi, per il troppo peso. Fortuna però che il Ponte Hohenzollern è abbastanza resistente, e per ora, nonostante le circa 2 tonnellate di peso è ancora lì, a farsi fotografare da migliaia di turisti.

Quartiere Belga-Neumarkt

8

Se siete alla ricerca di qualche oggetto particolare o semplicemente desiderate dileguarvi dalla calca di turisti per immergervi in un ambiente dove confondersi con la gente del posto, allora il Quartiere Belga di Colonia fa sicuramente al caso vostro. Si tratta di un quartiere molto cool e alla moda dove si trova praticamente di tutto, dagli oggetti di arredamento, alle boutique di abiti vintage, gallerie d’arte, negozi di musica, vinili e tanto altro.

Quartiere Belga-Neumarkt
Quartiere Belga-Neumarkt | Foto di Marco Verch

Il quartiere Belga, in tedesco Belgisches Viertel, si trova non lontano dal centro storico di Colonia e sebbene spesso viene suggerito negli itinerari alternativi, vedrete che non è preso molto d’assalto dai turisti intenti a vedere altro; comunque si chiama così non perché ci abitano i belgi, ma ve ne accorgerete, perché i nomi di tutte le sue stradine principali hanno un legame con il Belgio, in ricordo della vittoria tedesca nella Guerra franco-prussiana del 1870-71. Non a caso la piazzetta principale del quartiere è Piazza Bruxelles (la Brusseler Platz in tedesco) e qui tra l’altro si trova anche una bella chiesetta che vale la pena vedere, la chiesa di San Michele immersa in una distesa di verde. Passeggiando tra le strade di questo quartiere un po’ alternativo ed eclettico, godrete sicuramente per la sua street art, questo è infatti il posto preferito dei giovani artisti, ma a godere sarà anche il vostro palato poiché qui si trovano numerosi locali, panetterie, caffetterie e pub dove poter mangiare qualcosa.  Se poi volete proprio immergervi a pieno nell’arte di strada allora dovete proseguire fino a raggiungere il distretto di Ehrenfel, che però si trova più in periferia rispetto a quello belga (a circa 7-8 chilometri), qui però le opere che si incontrano sono di artisti di calibro internazionale.

Il Carnevale di Colonia

9

Prima della Quaresima, e quindi prima di prepararsi ai 40 giorni di astinenza dalla carne, il popolo cattolico della Renania si prepara alla festa di Carnevale, una delle festività più famose della Germania che vede i tedeschi sfrenarsi in giornate di puro divertimento. Ogni città festeggia il karneval a suo modo anche se molti aspetti sono più o meno comuni; tra tutte le città, comunque, Colonia è quella in cui questa festa è particolarmente sentita.

Il Carnevale di Colonia
Il Carnevale di Colonia

I festeggiamenti iniziano dal sabato per prepararsi al “grande giorno”: tutti i rioni, le scuole, i pub danno inizio alle sfilate per le strade dell’intera città e raggiungono il loro culmine nel successivo lunedì, Rosenmontag, ovvero il lunedì delle Rose. In questa giornata sfilano i carri in un corteo con migliaia di gente in costume: carri allegorici, personaggi oggetto di satira, personaggi del mondo della politica, sportivi, tutti. Ad accompagnare questa festa non mancano le bande musicali e i soldati che con le loro uniformi del settecento beffeggiano la vita dei militari. Donne e bambini lanciano fiori, acqua di Colonia, e caramelle a tonnellate. Tutto sembra non avere più fine ma purtroppo, però, il martedì la festa comincia a spegnersi con sfilate meno eccentriche che si svolgono nei rioni secondari e il mercoledì, dopo cibo, alcool, divertimento e notti in bianco, tutto è pronto per affrontare finalmente la Quaresima.

Cosa mangiare a Colonia

10

In generale la cucina tedesca è quasi tutta a base di carne e talvolta, per i suoi piatti un tantino elaborati, può risultare pesante, perciò se soffrite di qualche problemino allo stomaco, raccomandiamo di non dimenticare qualche farmaco per favorire la digestione. Comunque, oltre ai soliti piatti a base di wurstel e crauti che si trovano in tutta la Germania, a Colonia è possibile assaggiare delle pietanze locali, tra queste da non perdere il Flonz, una salsiccia nera che viene mangiata fresca, senza alcuna essiccazione, in compagnia di cipolle, patate o verdure. Un’altra specialità tipica della regione della Renania è l’Himmel un Aad che letteralmente significa “il cielo e la terra”; il nome è invitante ma sentite qua: si tratta di un vero sanguinaccio accompagnato con cipolle fritte e un purè di patate con burro (e per quest’ultimo si abbonda parecchio) con una salsa o pezzetti di mele.

Cosa mangiare a Colonia
Cosa mangiare a Colonia

I più coraggiosi provino! Un altro piatto da assaggiare è il Sauerbraten, uno stufato di carne che prima di essere cucinato viene lasciato marinare per giorni in un composto di acqua, aceto e vino e poi servito con un sughetto che qui preparano con le uova. Da provare sicuramente! I tradizionalisti invece non possono non  assaggiare il famoso stinco di maiale . Chi invece preferisce stare lontano dalla carne può deliziarsi con diverse zuppe tedesche, altro piatto tipico della Germania cucinato in svariati modi. Una zuppa da provare è la Leberknodelsuppe, a base di canederli al fegato, preparati con pane secco, uova, fegato, farina e spezie, il tutto cotto in un gustoso brodo di manzo. Al dolce non si rinuncia mai e su questo i tedeschi sono d’accordo con noi. Ma che dolci si mangiano in questa terra? Beh sostanzialmente il re dei re è lo strudel di mele seguito da diverse torte a base di formaggio. Non dimentichiamo inoltre la famosa ciambella Kran, una vera icona della gastronomia tedesca. Qualcuno la chiama anche pretzel ma comunque è impossibile non riconoscerla, la sua forma intrecciata a base di farina, lievito malto e acqua è davvero inconfondibile e ottima per uno spuntino veloce. Passiamo adesso alla birra. Abbiamo certo capito che la città di Colonia è la patria della Kolsch, una bionda dorata prodotta localmente, dal retrogusto leggermente fruttato e delicato, non molto alcolica che si fa bere a tutte le ore del giorno con pochi euro. Inutile dire che a Colonia sono numerosissime le birrerie dove poter gustare la propria birra, anzi le proprie birre, perché una volta assaggiata, vedrete, che una tira l’altra.

Hotel a Colonia

Se state cercando un hotel a Colonia vi consigliamo di scegliere tra quelli offerti da Booking.com. Ci sono circa 800 hotel con prezzi, foto e i commenti di chi ha soggiornato prima di voi. Vai a Booking.com.