Leggi da conoscere durante una vacanza a Cracovia

Alcol, droga, sesso, guida. Tutte le norme da conoscere e rispettare per passare una vacanza tranquilla.

In questa pagina trovate le leggi fondamentali da rispettare quando mettete piede sul territorio polacco. Per alcuni reati la tolleranza è zero, quindi meglio informarsi prima della partenza. 

Alcol e droga

La vendita di alcol è riservata ai maggiori di 18 anni. Il consumo di alcol in luogo pubblico (strade e piazze) è rigorosamente vietato e punito.

Il possesso, l’acquisto e l’uso di droga (leggera e pesante) è severamente proibito. La conseguenza minima è l’arresto immediato e poi successivamente, in ragione della quantità, il processo con pene variabili.

Prostituzione e reati contro i minori

In Polonia la prostituzione non è reato ed è quindi ampiamente tollerata. E’, però, reato lo sfruttamento della prostituzione, quindi non dovrebbero esserci case chiuse, escort, locali equivoci ma, come vedrete, la realtà è diversa.

Molto meno tollerante e rigida la normativa sugli abusi sessuali su minori e adulti: le pene previste per chi commette violenza sessuale vanno dai 2 ai 12 anni di reclusione, per chi commette il reato di violenza contro i minori le pene variano da 1 a 10 anni di reclusione. Va ricordato che coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione) vengono perseguiti al loro rientro in Italia sulla base delle leggi in vigore nel nostro Paese.

Alla guida di un'auto

Il tasso di alcol nel sangue non deve superare lo 0.02% oltre il quale c’è l’arresto. La polizia può obbligare a fare il test che è sempre obbligatorio dopo un incidente stradale. La pena è la reclusione fino a 2 anni.

CINTURE DI SICUREZZA

L’uso delle cinteure è obbligatorio per il guidatore e per i passeggeri dei posti anteriori. L’uso delle cinture nei posti posteriori è obbligatorio nei veicoli che ne sono dotati.

MULTE

Per gli stranieri la norma è chiedere il pagamento della multa sul posto. L’importo è variabile da 50 a 500 Zl, dipende dall’infrazione commessa.

FARI

In Polonia è obbligatorio viaggiare con gli anabbaglianti accesi 24h/24.

In caso di arresto

Per chi trasgredisce una di queste norme ed è in stato di fermo o addirittura in arresto, è necessario informare subito il Consolato Italiano a Cracovia o l’Ambasciata Italiana a Varsavia per essere assistito.

Consolato Italiano a Cracovia

Nel caso in cui qualcosa dovesse andare storto, vi ricordiamo che a Cracovia c’è il Consolato Italiano a cui rivolgersi:

Consolato Onorario di Cracovia
Ul. Wenecja, 3
31-117  – Cracovia
Tel. 0048 12 4292921
Fax 0048 12 411 20 99
E-mail: consolatoitaliano.cracovia@wp.pl