Sicurezza e zone pericolose ad Atene

Tutte le informazioni per non correre rischi e assicurarsi una vacanza tranquilla, quali zone di Atene evitare e i numeri a cui rivolgersi in caso di emergenza.

Per essere una capitale con tre milioni di persone, Atene è da considerare una città tranquilla e relativamente sicura, ben sorvegliata ad ogni ora. Ci sono zone dove il pericolo è più elevato ma si trovano nei sobborghi della città, al di fuori di ogni circuito turistico.

Ovviamente, come ogni luogo molto visitato, c’è sempre qualche ladruncolo pronto ad approfittare delle distrazioni, soprattutto attraverso furti e borseggio, soprattutto nei pressi dei monumenti più affollati (in fila all’Acropoli) e nei mezzi pubblici (metro e autobus).

Ecco quindi alcuni consigli per non rovinarvi la vacanza ad Atene.

Le zone di Atene da evitare e quelle in cui stare più attenti

Non ci sono zone realmente pericolose, anche di notte, ma è meglio essere un po’ più attenti soprattutto nei pressi di Piazza Omonia e della stazione Metaxourghio.
Evitate anche di entrare in locali/bar dove siete invitati da belle ragazze per poi essere costretti a pagare 100 euro per un drink.

I borseggiatori colpiscono soprattutto nei locali pubblici, quando si lasciano incustoditi giacche, portafogli, telefoni e macchine fotografiche. Non salite su taxi che non siano autorizzati (quelli gialli), perché già quelli autorizzati non sono sicurissimi; la vita di un tassista di Atene è molto stressante.

Cose da non fare ad Atene e un po' ovunque


Evitate di mostrare tutto il contante che avete e dividetelo in diversi tagli da tenere separati.
Quando siete a ristorante o seduti ad un tavolino di un caffè, non appendete la vostra borsa alla sedia; non lasciate incustodita la borsa nei camerini dove provate gli abiti.
Non poggiate telefonino e portafogli sui tavolini o sui banconi nei locali pubblici; non metteteli in una tasca esterna della vostra borsa o dei pantaloni.
Assicuratevi di aver chiuso bene porte e finestrini della vostra auto, non lasciate in vista telefonino, macchinetta fotografica, portafogli e borse anche se vuoti: qualcuno potrebbe essere tentato di forzare la serratura o rompere un vetro dell’auto.
Portate in viaggio con voi una fotocopia del vostro documento d‘identità che lascerete nel vostro hotel a Atene. In caso di smarrimento: se l’avete perso contattate il consolato, mentre se vi è stato rubato fate anche la denuncia alla polizia.

A chi rivolgersi per chiedere aiuto ad Atene

La Polizia può essere chiamata con il 112 o con il numero del Pronto Intervento 100.
Ad Atene è attiva anche la Polizia Turistica che ha il compito di reprimere i reati contro i turisti: numero 171 e rispondono in inglese, tedesco e francese.

I Vigili del fuoco rispondono al numero 199.

A tutti questi numeri potrebbero rispondervi in greco, al massimo in inglese, quindi se non conoscete queste due lingue passate il telefono ad un greco che vi aiuterà a spiegare la situazione. Tutti i numeri si possono chiamare gratuitamente da tutti i cellulari e dalle cabine telefoniche.

Ambasciata Italiana ad Atene

Se nonostante tutto qualcosa è andato storto, ad Atene c’è l’Ambasciata Italiana a cui rivolgersi.

AMBASCIATA D’ITALIA
Odos Sekeri, 2
106 74 Athens
Tel: 0030/210/36.17.260 – 36.17.263 – 36.17.273/4
Fax: 0030/210/36.17.330
E-mail: ambasciata.atene@esteri.it
homepage: www.ambatene.esteri.it

In caso di emergenza sanitaria

Per gli italiani in visita ad Atene per turismo o lavoro l’assistenza medica nelle strutture pubbliche è gratuita. È importante, però, portarsi dietro la tessera sanitaria rilasciata dalla propria ASL di competenza. Tutte le informazioni nella pagina Ospedali e sanità ad Atene.