Palazzo e Parco del Kadriorg a Tallinn

Il complesso residenziale dove vivevano gli zar, polmone verde della città e sede di alcuni dei musei più importanti della capitale estone.

Palazzo e Parco del Kadriorg a Tallinn
Palazzo e Parco del Kadriorg a Tallinn

Non molto lontano dalla Città Vecchia, in direzione est si estende per oltre un chilometro il bellissimo parco pubblico di Kadriorg. Alberi secolari, prati, fontane e laghetti ne fanno il luogo ideale per lunghe passeggiate in bicicletta, picnic nel verde, rilassanti camminate tra tigli e castagni, rododendri e lillà.

Ciò che colpisce di questa immensa oasi è la predominanza del paesaggio naturale con piante e alberi forestali. In effetti, solo una piccola parte di essa si presenta come un parco vero e proprio con giardini ben curati e vialetti eleganti. Il parco di Kadriorg è uno dei posti preferiti dai Talliners, specialmente nelle giornate primaverili e in estate quando è piacevole riposarsi su una panchina all’ombra di una quercia o ai tavolini di un caffè, ma anche in autunno quando la natura si tinge di rosso e regala paesaggi suggestivi e incantevoli scenari.

Il Palazzo di Kadriorg, scrigno barocco del Museo d'arte

Il parco si sviluppa intorno al Palazzo di Kadriorg, la splendida residenza estiva progettata dall’architetto italiano Niccolò Michetti per lo zar Pietro il Grande che ne fece dono alla consorte, l’imperatrice Caterina I (Kadriorg significa “Valle di Caterina” in estone).

Il palazzo dall’elegante facciata rossa e bianca costruito nella prima metà del XVIII secolo, all’indomani della conquista russa dell’Estonia, si ispira alle ville italiane del Settecento con un corpo centrale e due ali laterali simmetriche.

Residenza imperiale fino al 1918, palazzo presidenziale dal 1930 al 1946, oggi il Kadriorg loss, dopo vari interventi, una chiusura e da ultimo un restauro (2000), ospita la sede del Museo d’Arte di Kadriorg dedicato all’Arte Straniera.
La collezione museale raccoglie dipinti olandesi, fiamminghi, tedeschi e italiani dal XVI al XVIII secolo, quadri della scuola russa del XVII e XIX secolo, una piccola raccolta di dipinti finlandesi, oltre a porcellane ed oggetti d’arte decorativa.

La visita al Museo consente di ammirare le belle sale del Palazzo, tra cui la Grande Sala, meraviglia barocca dal soffitto ornato di pitture sul tema delle Metamorfosi di Ovidio, i pregevoli stucchi e i grandi camini sormontati da angeli e aquile, e la luminosa sala dei banchetti che dà sul lussureggiante giardino. Le ex cucine del Palazzo ospitano invece, il Museo Mikkel, ovvero la raccolta di dipinti, porcellane, incisioni(circa 600 pezzi) donate dal collezionista d’arte straniera Johannes Mikkel al museo.

Kumu, santuario avanguardista dell'Arte Nazionale

Dal 2006, l’Estonia ha finalmente uno spazio espositivo (5.000 mq.) in cui trovano collocazione le opere degli artisti estoni a partire dal XIX secolo all’età contemporanea.
Nel febbraio di quell’anno, infatti, nel complesso di Kadriorg è stato inaugurato il KUMU, chiamato anche Museo d’Arte nazionale, concepito appositamente per custodire la più grande collezione di arte estone del Paese.

La futuristica struttura di sette piani in pietra calcarea, vetro e rame progettata dall’architetto finlandese Pekka Vapaavuori ha ottenuto nel 2008 il riconoscimento di “Miglior museo dell’anno“. Tra i lavori in esposizione anche le opere di Konrad Mägi e Eduard Wiiralt.

Tram: n. 1 e 3

Autobus: n. 67, 68, 31, 1a, 8, 19, 29, 34a, 35, 38, 44, 51

Museo Kumu
Da aprile a settembre: 
martedì 11.00-18.00; mercoledì 11.00-20-00; da giovedì a domenica 11.00-18.00; mai: lunedì
Da ottobre a marzo: mercoledì 11.00-20-00; da giovedì a domenica 11.00-18.00; mai: lunedì e martedì

Museo d’Arte di Kadriorg
Da maggio a settembre:
 martedì 11.00-18.00; mercoledì 11.00-20-00; da giovedì a domenica 11.00-18.00; mai: lunedì
Da ottobre ad aprile: mercoledì 11.00-20-00; da giovedì a domenica 11.00-18.00; mai: lunedì e martedì

Museo Kumu: 6 €

Museo d’Arte di Kadriorg: 5,50 €