La Custom House a Dublino

Il più bell'edificio di Dublino che da oltre 3 secoli disegna il profilo del suo inconfondibile skyline.

La Custom House a Dublino
La Custom House a Dublino

Sulla sponda settentrionale del fiume Liffey sorge uno degli edifici georgiani più belli di Dublino e anche il più architettonicamente interessante: la Custom House. In origine, la costruzione neoclassica era il palazzo della Dogana di Dublino, oggi è la sede del Ministero irlandese per l’Ambiente, il Patrimonio ed il Governo locale.

Il capolavoro in pietra di Portland, progettato dall’architetto James Gordon, fu ultimato nel 1791 e da allora la sua lunga facciata che si estende per 114 metri e la cupola centrale disegnano lo skyline della città, offrendo, soprattutto di sera, un suggestivo panorama sul fiume.

La costruzione, l'incendio e la ricostruzione

La realizzazione dell’imponente struttura richiese 10 anni di lavoro tra l’opposizione dei mercanti e degli operai portuali che faticarono ad accettare lo spostamento della dogana da Temple Bar, le notevoli difficoltà di carattere tecnico e i continui aumenti del costo della manodopera. Quando il porto di Dublino venne spostato più ad est, gli uffici della dogana lasciarono il posto al quartier generale del governo della Repubblica d’Irlanda. Nel 1921, durante la guerra civile, la Custom House fu occupata dai ribelli che si opponevano al trattato con la Gran Bretagna che segnava la divisione dell’isola e, per questo motivo, fu data alle fiamme.

L’incendio, che durò cinque giorni, distrusse molte parti del palazzo, determinò il crollo della cupola centrale e causò la perdita dei registri pubblici. Sul finire degli anni ’20, iniziò la ricostruzione, che però non tenne sempre conto del progetto e dei materiali originali (salta agli occhi il tamburo della cupola in pietra di Ardbraccan molto più scura della pietra di Portland che fa scintillare il resto del palazzo). Solo con i successivi lavori di ristrutturazione, tra il 1986 e il 1991, la Custom House fu riportata, per quanto possibile, al suo aspetto originario, fatta eccezione per gli interni, andati completamente perduti nell’incendio.

Particolari della splendida facciata esterna

Se dalla riva meridionale del Liffey si ha una visuale più completa della Custom House, solo da vicino è possibile ammirare la bellezza di tutti i particolari. Graziosi padiglioni, porticati, colonne, arpe scolpite sui capitelli, segnano l’elegante facciata impreziosita dalle decorazioni che richiamano il tema dei trasporti e del commercio, come le 4 statue sul tetto che raffigurano Nettuno, Mercurio, l’Abbondanza e l’Industria. Quattordici busti simboleggiano le divinità fluviali (l’Oceano Atlantico più i 13 fiumi principali dell’Irlanda) mentre le teste di animali rendono omaggio al commercio di bovini di Dublino. Imponente si innalza su tutto, la cupola di rame con quattro orologi sulla cui cima svetta una statua di 5 m. che raffigura il Commercio. All’interno, il Visitor Centre ospita un piccolo museo dedicato a Gandon e alla storia dell’edificio.

Custom House Quay

Dal lunedì al venerdì: dalle 10.00 alle 12.30 – dalle 14.00 alle 17.00
Sabato e domenica: dalle 14.00 alle 17.00

Mai: da novembre a metà marzo il lunedì, martedì e sabato.

1, 50 €; famiglie: 4 €