10 cose da fare e vedere in Costiera Sorrentina

Una guida completa e dettagliata alle 10 cose da fare e vedere in Costiera Sorrentina.

costiera sorrentina

Come non innamorarsi davanti allo stupendo panorama della Costiera Sorrentina? La costa irregolare e frastagliata di questa penisola, che sembra voler proteggere dal mare tutte le casette colorate e le caratteristiche strade che si trovano nelle zone interne, vi darà il benvenuto e vi accoglierà in quello che molti definiscono un vero e proprio paradiso terrestre. 

Profumo di limoni, fragranze agrodolci di frutti e di fiori, mare cristallino e tutta una serie di meravigliose cittadine che costellano la penisola, sono la vera fonte di ricchezza di questa imperdibile zona della regione Campania. I migliori pittori si sono alternati per dipingere, afferrare e riprodurre i colori tenui e allo stesso tempo vivaci della costiera sorrentina, che sapranno ammaliarvi ed emozionarvi sia d’estate che d’inverno. Una bellezza talmente evidente non poteva che essere presa d’assalto da milioni di turisti che spesso rendono difficile il soggiorno in costiera, intasando strade, bar e alberghi. Bisogna saper scegliere il periodo giusto per visitare i più bei posti della costiera sorrentina come Sorrento, Massa Lubrense, Vico Equense, Sant’Agata sui due Golfi, e di sicuro la primavera, quando il sole comincia a riscaldarsi e i fiori a sbocciare, è il periodo più adatto per una bella vacanza da queste parti. Vi proponiamo i 10 luoghi che non dovete assolutamente lasciarvi sfuggire in Costiera Sorrentina che vi faranno venire voglia di tornarci ancora una volta, e poi un’altra, e un’altra ancora…

Se invece state cercando un hotel, vi consigliamo di scegliere tra quelli offerti da Booking.com. Ci sono circa 120 hotel a Sorrento con prezzi, foto e i commenti di chi ha soggiornato prima di voi. Vai a Booking.com

Sorrento in Costiera Sorrentina

1

Se molti scrittori, poeti, pittori e artisti come Goethe, Dickens, Nietzsche e D’Annunzio hanno scelto Sorrento come meta delle loro vacanze o come luogo in cui soggiornare per periodi più o meno lunghi della loro vita ci sarà un motivo: questa cittadina possiede tutto quello che la natura è in grado di donare. Avvolta dal verde delle colline, inondata dai profumi dei fiori e bagnata da un mare meraviglioso, Sorrento è la perla della Costiera Sorrentina.

Sorrento in Costiera Sorrentina
Sorrento in Costiera Sorrentina

Il Vesuvio sembra sorvegliare la quiete e la bellezza della cittadina, il cui centro storico è ricco di caratteristiche botteghe artigiane e di monumenti come il Duomo, la Basilica di San Francesco e il Sedile Dominova. Il centro di Sorrento è piazza Tasso, dedicata proprio al celebre scrittore originario di questa zona, e non molto distante da qui si trova la Villa Comunale, spesso immortalata in bellissime cartoline, dalla quale si gode un panorama mozzafiato.

Qui trovi le 10 cose da vedere a Sorrento.

Massa Lubrense in Costiera Sorrentina

2

Un’antica leggenda vuole che Massa Lubrense in passato abbia ospitato le leggendarie Sirene che ammaliarono Ulisse con il loro soave canto e proprio per questo motivo, il suo primo nome fu Sirenusion.

Massa Lubrense ha una posizione geografica particolare che ha determinato la sua storia: la vicinanza al mare da un lato ha favorito gli abitanti della città, mentre dall’altro lato ha esposto la cittadina alle facili incursioni dei nemici. Proprio per questo motivo la popolazione massesse decise di costruire lungo la costa delle torri di avvistamento, che ancora oggi sono visibili e hanno un fascino molto particolare. Quando le strade, i bar e le case di Massa Lubrense si colorano di rosso al calar del sole, se volgete lo sguardo verso il mare vi potrà sembrare di scorgere un piccolo colpo di coda che scompare nell’acqua, perché in questa magica città realtà e fantasia si confondono e si mescolano di continuo.

Sant'Agata sui due Golfi in Costiera Sorrentina

3

Il nome stesso sottolinea la particolare posizione geografica di Sant’Agata sui due Golfi che sorge tra il Golfo di Napoli e quello di Salerno, quasi come se non volesse trattenere tutta la sua bellezza solo per sé e volesse condividerla con qualcun altro. Il nome della città non deriva solo dalla sua collocazione geografica, ma anche da una piccola chiesa eretta in onore della Santa Vergine originaria di Catania. La particolare vocazione cattolica di Sant’Agata sui due Golfi rende due luoghi particolarmente cari a tutta la popolazione, che non dovete assolutamente perdere: la Chiesa di Santa Maria delle Grazie, che è ancora oggi il centro di tutte le attività culturali e sociali della città, e il Monastero edificato sulla collina Deserto, facilmente raggiungibile a piedi dal centro, da cui si gode un meraviglioso panorama. E allora passeggiate tra le stradine della città con un occhio alle vetrine e un altro al mare che la fa sempre da padrone e quando vi sarete stancati di camminare, approfondite la conoscenza di Sant’Agata sui due Golfi a tavola, con una bella insalata caprese preparata con i tipici pomodorini della zona. A proposito di cibo vi consigliamo una tappa nel famoso ristorante d’alta classe Don Alfonso: arredamenti d’epoca, lampadari in vetro di Murano, maioliche dipinte a mano e piatti squisiti ed elaborati vi attendono per farvi vivere pienamente le bellissime atmosfere della Costiera Sorrentina. L’unica raccomandazione è la prenotazione: la maggior parte dei turisti non vede l’ora di assaggiare le prelibatezze di Don Alfonso, quindi vi consigliamo di assicurarvi il vostro tavolo.

Vico Equense in Costiera Sorrentina

4

Le curve della Costiera Sorrentina sembrano arrendersi nel tratto di strada che conduce a Vico Equense, dove si fanno più dolci e rendono il percorso meno stressante.

Vico Equense in Costiera Sorrentina
Vico Equense in Costiera Sorrentina

Nel passato Vico Equense era il punto di scambio commerciale delle popolazioni italiche, etrusche e greche e attualmente il centro storico mantiene intatte le caratteristiche del borgo medievale. Fare una bella passeggiata per Vico Equense vuol dire camminare in un museo all’aperto, dove potrete notare mano mano il passaggio del tempo e le evoluzioni del paese. In pieno centro ammirerete la meravigliosa Cattedrale dell’Annunziata, unico esempio di architettura gotica in tutta la Costiera Sorrentina, e spostandovi un po’ di più arriverete nella natura brada e selvaggia del Faito, una delle cime della catena montuosa dei Monti Lattai. Spostandovi dal centro vi ritroverete a passeggiare tra i Casali, centri edificati sulle colline che circondano il cuore di Vico Equense, organizzati come delle città in miniatura: pensate che ogni Casale ha anche il suo santo patrono di riferimento. Anche Vico Equense, come la maggior parte delle cittadine della costiera, è molto affollata soprattutto durante i week end perché c’è la corsa al famoso ristorante Da Giggino dove la pizza si gusta al metro, per una vera e propria esplosione di piacere!

Punta Campanella in Costiera Sorrentina

5

Talmente bella e incontaminata che Punta Campanella nel 1997 è stata dichiarata zona protetta per salvaguardare i suoi meravigliosi spazi naturali. Il nome Punta Campanella fa riferimento ad un’antica struttura costruita su una delle parti più alte del territorio: una torre con campana che aveva lo scopo di avvisare i cittadini quando si avvicinavano alla costa delle imbarcazioni nemiche. Il modo più adeguato per scoprire tutta la zona di Punta Campanella è una bella passeggiata a piedi, magari quando tramonta il sole e l’aria si fa più fresca. Imboccate il sentiero sterrato che da Nerano conduce verso la Marina del Cantone: davanti a voi subito vedrete gli Isolotti dei Galli e la spiaggia del Cantone.

Punta Campanella in Costiera Sorrentina
Punta Campanella in Costiera Sorrentina

Camminando attraverso la macchia mediterranea, all’improvviso avrete davanti lo spettacolare panorama di Punta Campanella a destra e il Punta Penna a sinistra, con al centro Capri e i Faraglioni. Ma questo non è l’unico percorso possibile per raggiungere Punta Campanella: potrete anche partire da Termini e percorrere il monte San Costanzo. Prima di giungere alla torre della campanella e al faro, percorrerete sentieri completamente immersi nella natura, fino a quando sulla sinistra, quasi come una splendida visione, vi apparirà la Baia di Ieranto, spiaggia paradisiaca dalle acque cristalline. Dopo 40 minuti di cammino vi sentirete un po’ stanchi, ma vi riprenderete non appena giungerete all’antico Tempio dedicato ad Atena – Minerva, che è di una bellezza soprendente.

Marina di Equa in Costiera Sorrentina

6

Marina di Equa, conosciuta anche come Marina di Seiano, è un grazioso e frequentato borghetto di pescatori. La Torre di Capo Rivo, che in antichità difendeva la cittadina dagli attacchi dei nemici, attualmente sorveglia il piccolo porticciolo. Subito dopo il porto si trova la spiaggia di sassi, soprannominata delle calcare, che merita una visita per la particolarità della sua struttura. Protagonista della cittadina è la chiesa dedicata a Sant’Antonio che si trova in piazzetta: il 13 giugno di ogni anno i pescatori portano la statua del santo in mare e inizia una solenne processione con tante barche di ogni tipo e forma al suo seguito. Marina di Equa è la meta ideale non solo per chi ama il mare e le bellezze della natura, ma anche per chi apprezza il buon cibo: tanti sono i ristorantini dove gustare delle ottime specialità di pesce o mangiare una buona pizza.

Cosa comprare in Costiera Sorrentina

7

Diventerete bimbi davanti alla grande scelta di prodotti che troverete in Costiera Sorrentina e desidererete avere tutto! Andateci piano con i desideri perché i negozi della Penisola Sorrentina non sono proprio economici e gli oggetti, i vestiti e i prodotti tipici, seppur di ottima qualità, si fanno pagare per bene! A Sorrento, terra delle Sirene, potrete acquistare in pieno centro storico, pregiati oggetti d’artigianato o esclusivi capi d’abbigliamento in una delle tante boutique di Corso Italia. Ma tutti gli incantevoli paesini della Costiera sono ricchi di caratteristiche botteghe e particolari bazar in cui trovare di tutto. In questa zona è molto diffuso anche lo shopping gastronomico e come potrebbe essere diversamente con tutti gli squisiti limoni, mandarini, vini e limoncelli che si trovano in Costiera? Tra una vetrina e un’altra non dimenticate di assaggiare il gelato artigianale della Penisola Sorrentina che vi terrà freschi anche nelle ore più calde.

Uscire la sera in Costiera Sorrentina

8

Incerte sono le notizie sulla fondazione di Maiori; ma che siano stati i greci, i romani, i picentini o gli etruschi, ci troviamo di fronte ad un altro centro caratteristico della Costiera Amalfitana. Maiori può vantarsi della spiaggia più lunga di questo tratto della penisola e tra itinerari naturalistici, religiosi e gastronomici, sono tante le occasioni per immergersi nell’incanto di questa terra. Passeggiando a piedi è possibile conoscere i principali monumenti della città, tra cui la Colleggiata di S. Maria a Mare o il Castello di S. Nicola de Thoro-Plano, o immergersi nel mare cristallino e visitare le grotte millenarie, tra queste la Grotta Sulfurea e quella di Pandora. Tra un’escursione e un’immersione, non rinunciate a gustare i sapori genuini che il territorio offre.

Cosa mangiare in Costiera Sorrentina

9

Ingredienti semplici e genuini, questi sono gli essenziali punti di forza della cucina della Costiera Sorrentina. Basilico, mozzarella, olio e pomodorini danno vita a primi piatti unici e gustosi come gli gnocchi alla sorrentina o i cannelloni ripieni, ma anche a secondi freschi e saporiti come la famosa caprese a base di pomodorini freschi tagliati a tocchetti e fette di mozzarella che grondano latte, meglio ancora se vi servono la buonissima treccia di Agerola. A questo punto come resistere ad una bella e sostanziosa scarpetta? Mettete le rigide regole del galateo da parte e lanciatevi in un’umile ma sempre graditissima scarpetta con un buon pezzo di pane cafone ben cotto. Proseguite questo piacere per il palato con un morbido babà, ma anche con un bignè o uno sciù, rigorosamente farciti con crema di limone. Se desiderate un dessert più delicato allora ordinate la famosa delizia al limone, fatta con il pan di spagna impreziosito da uno strato di crema al limone. Dopo tutti questi piatti vi sentite forse un po’ appesantiti? Niente paura, con un bel bicchierino di liquore tipico della zona, nocillo o limoncello, non solo digerirete subito ma sarete praticamente pronti a ricominciare tutto d’accapo!

Dove dormire in Costiera Sorrentina

10

La Costiera Sorrentina è ricca di strutture ricettive in cui potrete scegliere di dormire: hotel, alberghi, appartamenti e bed & breakfast sono pronti ad ospitarvi tutto l’anno. I prezzi d’estate salgono alle stelle quindi vi consigliamo o di prenotare con netto anticipo e approfittare di qualche offerta, o di cambiare periodo per la vacanza, e godersi la Costiera Sorrentina magari in primavera, quando ancora non è assalita dai turisti.

A Sorrento, la meta più frequentata della Costiera, i prezzi degli hotel da 1 a 3 stelle, variano dai 60 € fino ai 140 €, mentre quelli a 5 stelle possono arrivare anche ai 345 € a notte. La meno ambita ma comunque frequentatissima Massa Lubrense ha dei costi più contenuti con alberghi a tre stelle che arrivano a circa 90 € e a 4 stelle che raggiungono i 230 €. Anche Sant’Agata sui due golfi risulta accessibile con stanze che partono dai 70 € per arrivare ai 240 €. Se per la vostra vacanza sceglierete un bed & breakfast il risparmio sarà notevole in tutte le zone della Costiera, con prezzi che vanno dai 44 € fino ai 140 €.

Se state cercando un hotel, vi consigliamo di scegliere tra quelli offerti da Booking.com. Ci sono circa 120 hotel a Sorrento con prezzi, foto e i commenti di chi ha soggiornato prima di voi. Vai a Booking.com