Positano in Costiera Amalfitana

Un acquerello tutto da scoprire, con le sue case dalle tinte pastello e i suggestivi vicoletti.

Positano in Costiera Amalfitana
Positano in Costiera Amalfitana

Questo borgo è la perla splendente della Costiera Amalfitana, “L’unico paese al mondo concepito su un asse verticale invece che orizzontale”, come affermò il pittore Paul Klee. Positano ha, infatti, una struttura territoriale molto particolare: incastonata nella montagna, in una meravigliosa posizione panoramica sul mare limpido, con le sue case dalle tinte pastello e i suggestivi vicoletti, affascinerà immediatamente i suoi visitatori immergendoli in un’atmosfera che potremmo definire magica.

Quando verso sera la luce del tramonto accarezza le case per poi dileguarsi del tutto, il borgo marinaro si illumina dando la sensazione di essere una sorta di presepe naturale da scoprire e da esplorare in ogni suo aspetto. Positano è la meta ideale per chi vuole trascorrere una vacanza piacevole e rilassante, all’insegna delle passeggiate e del mare.

Il mare e le spiagge di Positano

Ogni anno migliaia di turisti sono fortemente attratti dalle numerose spiagge di Positano. C’è la spiaggia di Marina grande, dominata dalla mole della chiesa di Santa Maria Assunta, con la sua splendida cupola maiolicata, alla quale si accede dalla caratteristica scalinata, e quella più piccola di Fornillo, con i lidi attrezzati, i bar e i ristoranti per ogni tipo di esigenza. Tra le altre spiagge vi sono anche quelle di Arienzo e Fiumicello. Ma la vera sorpresa si ha volgendo lo sguardo verso il mare dove la Costiera Amalfitana esibisce uno dei suoi gioielli più preziosi: l’arcipelago de Li Galli, o “Sirenuse”, tre isolotti considerati nell’antichità il rifugio delle sirene che incantarono Ulisse.

Passeggiate e moda a Positano

Chi ama dedicarsi alle escursioni e al trekking troverà pane per i suoi denti in questo delizioso paesino, con le affascinanti passeggiate fino a Montepertuso o fino alla frazione di Nocelle, o anche lasciandosi sedurre da quello che non a caso è stato definito il “Sentiero degli Dei”, dal quale si gode una meravigliosa vista della Costiera Amalfitana. Ma Positano è anche moda che si snoda tra i vicoli e che affolla le vivacissime e coloratissime boutique che esibiscono capi di abbigliamento, ormai conosciuti in tutto il mondo, che sembrano rimarcare nei tessuti e nelle tinte l’ambiente che li circonda: l’azzurro del mare cristallino, il verde della macchia mediterranea e il giallo dei profumatissimi limoni amalfitani.

La moda positanese cominciò a essere molto conosciuta grazie al lancio sul mercato del bikini, ma anche dei parei, delle borse, dei copricostume e dei bermuda. Famosa anche per i curatissimi e preziosi abiti da sposa. Sulle piccole stradine si affacciano anche numerose botteghe artigiane delle calzature in cuoio fatte a mano, anche seduta stante su richiesta del cliente. Calzolai esperti realizzano i tipici sandali positanesi come il “ragno”, gli infradito, il “fratino”, gli zoccoli di legno o di sughero e le comodissime ciabatte di tela, fatte con suole di corda e abbelliti spesso con perline, strass o pietre dure.

Non solo dolci

Lasciate deliziare i vostri palati dai gustosi piatti tipici della gastronomia amalfitana come il limoncello, gli sfusati, la torta positanese, le delizie al limone, la sfogliatella senza ricotta e la “babarese”, ovvero una sfoglia di babà ripiena di panna e fragoline. I limoni della costiera sono riconoscibili grazie al loro profumo ammaliante e alla loro polpa succosa e dolce.

Oltre ai dolci, Positano offre ai suoi ospiti anche specialità di mare come gli spaghetti alle vongole veraci, le zuppe di pesce, le alici fritte, le impepate di cozze e per chi preferisce la carne consigliamo le ricche grigliate alla brace con contorno di verdure. Da assaggiare anche la mozzarella arrostita su foglie di limone, secondo una ricetta tipica del posto.

La Madonna vuole restare a Positano

La chiesa che domina la famosa Spiaggia Grande, è senz’altro la più importante di Positano ed è dedicata alla sua patrona, ovvero Santa Maria Teresa dell’Assunta. Rinomata in tutto il mondo per la grande ed incantevole cupola maiolicata con i colori del giallo e del verde, per richiamare le sfumature del sole e della vegetazione circostante, questa chiesa del 1200, deve la sua origine alla presenza di un’immagine bizantina, che raffigurava la Madonna Nera col Bambino in grembo, giunta a Positano approssimativamente nel XII secolo ad opera dei monaci benedettini.

La leggenda, invece, associa il suo arrivo alla storia di un veliero di fuggiaschi proveniente dalle regioni orientali che, una volta arrivato al largo di Positano, si trovò in una forte bonaccia che ne ostacolò il viaggio. I marinai tentarono vanamente di proseguire la loro rotta, quando ad un certo punto sentirono una voce che diceva “posa posa”, da qui il nome Positano, e credettero che fosse la Madonna che chiedeva in qualche modo di restare sulla spiaggia dove fu poi edificata la Chiesa. Sono numerose le opere presenti in questa Chiesa come il busto- reliquiario di San Vito, una delle più prestigiose opere d’arte orafa napoletana, e, nella cappella di Santo Stefano, vi è la statua lignea settecentesca della Madonna con Bambino. A pochi passi dalla chiesa spicca il campanile, costruito nel 1707, con al centro un bassorilievo medioevale che raffigura un mostro marino costituito da una volpe e un pesce.

La Chiesa del Rosario

Questa chiesa sorge nella Piazzetta dei Mulini ed è quel che resta di un antico monastero fondato nel 1614. Notevoli sono sia l’ingresso principale che il portale laterale, realizzati in tufo con decorazioni a rilievo.

Come arrivare a Positano

Positano si trova lungo la statale che unisce tutti i paesi della Costiera Amalfitana. Per informazioni su come arrivare e muoversi in Costiera Amalfitana leggete la nostre pagine Come arrivare in Costiera Amalfitana e Come muoversi in Costiera Amalfitana.