Roses in Costa Brava

Tutte le informazioni su Roses in Costa Brava. Come arrivare, cosa vedere, le spiagge più belle, dove mangiare, ristoranti, dove dormire, hotel e altre informazioni pratiche.

Fondata dai greci provenienti da Rodi, come molte altre località della Costa Brava, anche Roses fino agli anni ’50 era solo un villaggio di pescatori. L’attività di pesca è ancora oggi molto importante anche se è il turismo la principale fonte di ricchezza del luogo di questa splendida baia con spiagge lunghissime e acqua cristallina. 

Come arrivare a Roses

Per informazioni generali su come arrivare in Costa Brava, vi consigliamo di leggere la pagina Come arrivare in Costa Brava. Chi arriva in auto attraverso l’autostrada francese o da Barcellona, deve prendere l’uscita N. 2 (Figueres-Roses), poi proseguire sulla Statale N-II e poi prendere la direzione Portbou Figueres, Peralada, Llança. Prendete la N-260 e seguite le indicazioni.

Autobus

Da Barcellona c’è un servizio della Sarfa che parte dalla Estació del Nord in Plaza Ali Bei o da Sant Pere e conduce fino a Roses. Per informazioni il telefono è il 902 30 20 25. Da Girona, sempre la Sarfa ha un servizio che parte dall’aeroporto alle 9:45, 18:30 e 21:45. In un’ora e 30 minuti conduce a Roses. Il biglietto intero costa 13 euro.

Treni

Da Barcellona parte il treno della Renfe (Tel. 902 240 202) che non arriva a Roses ma ferma a Figueres a circa 18 km dalla cittadina. C’è un treno ogni ora circa con un costo che si aggira intorno ai 9 euro per la sola andata. Da Figueres potete prendere un autobus o un taxi che vi porta fino a Roses.

Le spiagge di Roses

Nel territorio di Roses rientrano cale nascoste, spiagge di sabbia fine e acqua trasparente, lunghi arenili con fondali bassi ideali per le famiglie. Ovviamente ci sono anche qui orrori di spiagge urbanizzate con gli edifici fin quasi dentro l’acqua; in compenso, ci sono delle spiagge ancora incontaminate. Le spiagge più belle sono quelle che si trovano nel territorio del Parco Naturale di Cabo de Creus, come Cala Jòncols, spiaggia vergine di circa 190 m di larghezza che si trova a 18 km dal centro di Roses. Ci si arriva da una strada litorale che passa per Cabo Norfeu e finisce proprio a Jòncols. È ideale per chi ama fare immersioni e scoprire fondali incontaminati.

La Pelosa è una delle cale più famose e amate del litorale di Roses. Situata vicino a cabo Norfeu, ci si arriva con la stessa strada che porta a Cala Joncòls allontanandosi dal centro di Roses di circa 15 km. sulla spiaggia c’è un chiringuito dove a pranzo preparano piatti di pesce appena pescato dai pescatori che li hanno una baracca per rifugiare le barche.

Sempre dalla stessa strada si arriva a Cala Calitjàs, una piccola spiaggia di soli 110 m che si trova a circa 8 km dal centro di Roses, tra le cale di La Pelosa e Montjoi. Splendida, con acque e arenile pulito, con un fondo che degrada velocemente. Canadell è una piccola cala solitaria e incontaminata che si trova tra le cale di Jòncols e Pelosa. È piccolissima, solo 60 m, è non ha nessun servizio: in compenso, l’acqua è incredibile. Cala Montjoi si trova a 12 km da Roses, tra le cale di Calitjàs e Calís. È abbastanza ampia, circa 270 m di larghezza ed è molto attrezzata; la zona è famosa perché qui c’è il ristorante El Bulli, uno dei luoghi della gastronomia di eccellenza della Spagna. Le spiaggia di Calas Rustella e Murtra sono completamente vergini, anche perché di difficile accesso dalla terra. Ci si arriva agevolmente solo da mare, quindi sono un piccolo paradiso ed amate soprattutto dai nudisti.

Le spiagge del centro città sono quelle di La Punta e di Roses. La Punta è lunga 550 m, che si stendono tra il porto peschereccio e la bocana de la riera Ginjolers. Con la sabbia fine e il fondo lentamente degradante, è ideale per le famiglie. Dal 1996 è premiata con la Bandiera Blu della Comunità Europea. La Playa di Roses è divisa in tre settori: playa Nova, playa Rastrell e playa Salatar. È una tipica spiaggia urbanizzata con tutti i servizi che si possono desiderare e anche alcuni di cui si può fare a meno. La spiaggia è pulita e le acque poco profonde. Anche queste acque sono premiate con la Bandiera Blu. Se volete prendere il sole e pranzare all’ombra di un bosco mediterraneo, dovete andare a Playa Palangres, a circa 1 km dal centro, prendendo la strada che porta al faro. Alle spalle della spiaggia c’è una piccola zona riservata al picnic, con fontane, tavoli e alberi di tamariscos.

Cosa vedere a Roses

La Ciutadella è una delle tappe obbligate per chi visita Roses.E’ una cittadella fortificata, a cui si accede attraverso la monumentale Puerta de Mar. All’interno si trovano importanti testimonianze archeologiche del nucleo originario di Rhode, fondata dai greci nel 776 a.C; è visibile anche la città romana, attiva nel periodo tra il II secola A.C e il VI d.C. Da non perdere anche il monastero romanico di Santa Maria. L’ingresso nel periodo estivo costa 3 Euro, dalle 10 alle 20. A confermare che Roses è stata abitata fin da tempi remoti, ci sono i megaliti, tre grandi dolmen, chiamati la Creu d’en Cobertella (3000-2700 a.C.), il Llit de la Generala (3200 a.C.) e il Cap de l’Home. Il dolmen della Creu d’en Cobertella è il più grande della Catalogna; pesa quattro tonnellate, è largo 5,20 m e alto 2,14 m.

Il parco acquatico Aquabrava

Ci si va con la scusa di voler far divertire i bambini e invece ci si diverte un pò tutti. Aquabrava è un grande parco acquatico appena fuori Roses. Ci si arriva prendendo la strada che porta a Cadaques. Circa 25 attrazioni, comprese piscine ed acquascivoli di ogni tipo. Il costo del biglietto è di 17 euro al giorno per persona.

I dintorni di Roses

All’interno del territorio di Roses rientra il Parco Naturale di Cap de Creus. Il posto più bello da vedere è il faro di che si trova sulla punta del cap de Creus (luogo dove Orson Welles girò Il faro della fine del mondo), Il Cap de Creus è una penisola all’interno della quale ci sono due riserve integrali e tre zone di grande ricchezza sottomarina: il cap Gros, la punta del cap de Creus e il cap Norfeu. Le rocce che emergono dall’acqua hanno forme spettacolari, modellate in milioni di anni dal vento e dal mare; a queste rocce la fantasia popolare ha attribuito nomi come leone, drago, cammello, gatto. Grande diversità anche nella flora del parco: prevalgono le specie endemiche, come il seseli ferreny (Sesell aleatum subsp. Farrenyii) il limone e immense praterie di Posidonia oceanica nel fondo del mare. Gli amanti delle passeggiate possono seguire il sentiero GR-11 che arriva fino a a Llanca passando per la serra de l’Albera fino al Monastero di Sant Pere de Rodes. L’altro percorso è il GR-92 che passa per tutti i comuni che fanno parte del parco (Llanca, el Port de la Selva, Cadaquès, Roses, Palau-savardera i Pau) e arriva fino al Parco Naturale di Aiguamolls de l’Empordà. Le informazioni sulla visita al parco si possono avere alle Oficines del Parc, nel Palazzo dell’Abate nel Monastero di Sant Pere de Rodes, a El Port de la Selva e a Cadaquès.

Dove mangiare a Roses

La cucina di Roses si caratterizza per la sua natura tipicamente mediterranea: il protagonista indiscusso è il pesce freschissimo pescato nella baia di Roses, che trova la massima espressione nel suquet de peix, la zuppa di pesce. A Roses si trovava uno dei templi della gastronomia mondiale: El Bullì di Ferran Adrià, per molti anni considerato il miglior ristorante del mondo. Purtroppo dal 2012 ha cessato l’attività. Sembrerà strano, ma la cucina di pesce migliore di Roses ve la serve un tedesco al ristorante Die Insel, in Carrer Pescadors proprio al centro di Roses. Prezzi intorno ai 40 euro a persona.

Dove dormire a Roses

Per dormire a Roses e dintorni consigliamo di prenotare in anticipo. Potete verificare disponibilità e offerte in Costa Brava con Booking.com, uno dei leader mondiali per la prenotazione on line di hotel e alberghi. Quasi 3000 struttura in Costa Brava con foto, descrizioni dettagliate, prezzi, disponibilità e i commenti di chi ha già soggiornato.