10 cose da fare e vedere a Cordoba

Una guida completa e dettagliata alle 10 cose da fare e vedere a Cordoba in 1, 2 o 3 giorni.

Cordoba

Cordoba (o Cordova) è stata la capitale dell’Impero Musulmano in Spagna, e nonostante siano passati tanti secoli da allora, la città conserva il fascino incantato della città più araba dell’Andalusia. La regione spagnola in cui si trova Cordoba, infatti, deve il suo nome alla versione originale araba “Al-Andalus”, sulla cui etimologia ci sono diverse scuole di pensiero. I mori fecero di Cordoba la più importante città del loro Impero europeo, capitale della cultura araba nel vecchio continente. La bellezza di Cordoba si è conservata intatta, la storia della città riaffiora nelle case dai cortili con le belle fontane, dagli speziatissimi cibi che offrono le trattorie, e dai tratti somatici dei suoi abitanti, arabi nei volti e spagnoli negli atteggiamenti. In questa pagina vi consigliamo le 10 cose da vedere assolutamente durante un week end o una vacanza a Cordoba.

Se invece state cercando un hotel a Cordoba, vi consigliamo Booking.com. Circa 120 hotel con foto, servizi, prezzi e commenti di chi ha già soggiornato. Vai a Booking.com.

La Mezquita di Cordoba

1

La Mezquita di Cordoba è una delle moschee più stupefacenti d’Europa, eretta sulla Chiesa di San Vincenzo.

La Mezquita di Cordoba
La Mezquita di Cordoba

L’immensa struttura sorge nel mezzo della città, e le alte mura, da alcuni punti d’osservazione, sembrano quasi toccare il cielo. L’interno della Mezquita, complice un’illuminazione ideata per mettere in risalto la bellezza delle decorazioni, è il più grandioso omaggio all’architettura gotica-rinascimentale all’arte arabo-islamica. La Mezquita ha anche un’importante valenza storico-religiosa: dopo l’occupazione di Cordoba da parte degli islamici, nel 711, la chiesa fu utilizzata contemporaneamente da cristiani e musulmani.

Centro storico.

A piedi.

Dal lunedì al sabato dalle 8:30 alle 18:30. Domenica e festivi dalle 8:30 alle 10 e dalle 14 alle 18.

€ 8 per gli adulti, € 4 per i bambini.

L'Alcazar di Cordoba

2

L’Alcazar dei Re Cristiani è la struttura in cui venivano ricevuti i sovrani fedeli alla Chiesa.

L'Alcazar di Cordoba
L’Alcazar di Cordoba

Lo stile arabo dell’edificio, circondato da giardini immensi, abbelliti con grandi vasche in cui abbondano getti d’acqua ballerini, vi farà chiedere per come sia possibile che Cordoba si trovi nel continente europeo. Il passato arabo di questo luogo riaffiora ad ogni angolo di strada, soprattutto nell’Alcazar De Los Reyes Cristianos, dove le stanze conservano ancora, grazie ai mosaici e agli ornamenti, la tipica atmosfera mediorientale.

Centro storico.

A piedi.

Dal martedì al sabato, dalle 8:30 alle 14:30. Domenica e festivi dalle 9:30 alle 14:30
Mai: lunedì

4 € adulti, 2 € studenti fino a 26 anni

La Medina Azahara di Cordoba

3

Medina Azahara è la cittadina che Abderraman III fece costruire a otto chilometri da Cordoba.

La Medina Azahara di Cordoba
La Medina Azahara di Cordoba

Per la costruzione di Medina Azahara furono utilizzate ben 4300 colonne, e la bellezza della città traspare ancora oggi, nonostante restino soltanto poche rovine. La città fu quasi completamente distrutta dai Berberi, che attaccarono Medina Azahara durante una sanguinosa battaglia. Pare che Abderraman III volle costruire una città bellissima, per poterla dedicare alla sua sposa, la tanto amata az-Zahara. Anche se non ci sono conferme di questa versione dei fatti, resta il fascino della favola e la bellezza che ancora traspare dalle rovine.

Fuori dal centro storico.

Gli autobus partono di fronte al Mausoleo Romano. Partenze 9,30, 10,15 e 13.

dal 16 settembre al 30 aprile: dal martedì al sabato, dalle 10:00 alle 18:30. Dal primo maggio al 15 settembre: dal martedì al sabato dalle 10:00 alle 20:30. Domenica e festivi dalle 10 alle 14, nei giorni festivi dalle 10 alle 14.
Mai: lunedì.

Gratis per i cittadini dell’UE, € 1,50 per i cittadini degli altri paesi.

Il Ponte Romano sul Guadalquivir a Cordoba

4

Il Guadalquivir è l’unico fiume navigabile di tutta la Spagna e il suo nome, in lingua araba, significa “Fiume Grande“. Al tempo dei romani, il Guadalquivir si poteva percorrere fino a Cordoba, dove fu eretto il ponte lungo 240 metri.

Il Ponte Romano sul Guadalquivir a Cordoba
Il Ponte Romano sul Guadalquivir a Cordoba

La sua costruzione fu voluta da Augusto, e faceva parte della lunga strada che portava il suo nome. Il ponte sul Guadalquivir è stato scenario di numerose battaglie, durante le quali la struttura originale è stata lentamente distrutta. Le 16 arcate che sostenevano il ponte, però, sono presenti anche nella versione odierna. Nonostante il tempo, le battaglie e l’antichità del progetto, il ponte resta l’unica strada percorribile per raggiungere Cordoba.

La Sinagoga di Cordoba

5

La Sinagoga di Cordoba fu costruita all’ingresso del quartiere ebraico intorno al XIV secolo, ed è l’unica struttura religiosa ebraica presente in tutta l’Andalusia.

La Sinagoga di Cordoba
La Sinagoga di Cordoba

La grandiosità di questa Sinagoga si vede nelle belle decorazioni in stile mudejar, che ha caratteristiche cristiane unite ad elementi di ispirazione araba, e che si trova soltanto in alcune zone della Spagna. Con il termine mudejar, che significa più o meno “chi ha avuto il permesso di rimanere”, si indicavano i musulmani rimasti a vivere in Andalusia anche dopo l’avvento dei cristiani: furono loro a dar vita al particolare stile pittorico che si vede sulle pareti della Sinagoga di Cordoba.

Centro storico.

A piedi.

Da martedì a sabato dalle 10 alle 14 e dalle 15.30 alle 17.30. Domenica e festivi dalle 10 alle 14.
Mai: lunedì.00

Gratis per i cittadini dell’UE, € 0,30 per i cittadini degli altri paesi.

La Juderia di Cordoba

6

L’Andalusia ha molti quartieri ebraici nelle proprie città, ma quello di Cordoba è uno dei più importanti di tutto il vecchio continente. La caratteristica conformazione del quartiere richiama quelli presenti in tutta la regione, ma a Cordoba la Juderìa ha un fascino molto particolare.

La Juderia di Cordoba
La Juderia di Cordoba

Le abitazioni bianche, quasi tutte con un piccolo giardinetto sul davanti, sono arroccate tra loro, e separate da stradine molto strette, dove passeggiare serenamente alla luce del sole, e un po’ meno a quella della luna. Nonostante il quartiere sia stato ristrutturato nel ‘700, la struttura originale della Juderia è rimasta immutata e rappresenta uno dei luoghi più pittoreschi dell’intera Spagna.

Palazzo de Viana a Cordoba

7

Famoso per i suoi 12 patii, il Palazzo de Viana nasce come piccola casa che si allarga piano piano fino a inglobare le abitazioni circostanti, diventando un elemento architettonico spettacolare e unico.

Palazzo de Viana a Cordoba
Palazzo de Viana a Cordoba

Nei 6.500 mq del palazzo predominano i cortili e i giardini, le piante e le fontane, come nella migliore tradizione araba e romana. Un modo non solo per abbellire la propria dimora e renderla più bella delle altre, ma un’esigenza per sfuggire ai 45 gradi di calore che assediano Cordoba d’estate. Il risultato è una casa abitata da nobili fino al 1900 ma profondamente tradizionale e popolare. Bellissimi gli interni che si snodano tra arazzi, quadri (anche di Goya), mobili d’epoca, una biblioteca con 7.000 volumi e uno straordinario soffitto a cassettoni. 

Uscire la sera a Cordoba

8

Se siete alla ricerca di discoteche, movida e divertimento folle, forse dovete fare quattro chiacchiere con chi vi ha consigliato Cordoba. La città non offre nulla di tutto questo, e l’unica cosa che si può fare la sera, è passeggiare piano, godendosi la città senza gli oltre quaranta gradi che potete trovare in piena estate. Potete esplorare le stradine che si trovano nei dintorni della Mezquita, oppure fare una passeggiata sull’antico ponte romano per guardare la luna che si riflette nel fiume Guadalquivir. Facendo un po’ d’attenzione, potete visitare la Juderìa, che di sera è molto particolare: se ci andate, evitate le stradine poco frequentate.

Cosa mangiare a Cordoba

9

La gastronomia cordobana ha assimilato i gusti della cucina araba, proprio come è accaduto per le usanze di questa città. Il risultato è una cucina dai sapori forti, in cui l’unione di carne e pesce, è sapientemente amalgamata con le spezie. Per assaggiare uno dei piatti davvero tipici di Cordoba, fatevi coraggio, e provate lo stufato di coda di bue. Anche se l’idea può disgustarvi, sappiate che non la penserete così quando manderete giù l’ultimo boccone. Se proprio non ce la fate, provate a deliziarvi con un bel salmorejo, un gazpacho (zuppa fredda) arricchito con prosciutto, uova fritte e coniglio: non è il massimo della leggerezza, ma vale la pena ingrassare così!

Dove dormire a Cordoba

10

Trovare un posto per dormire a Cordoba è abbastanza semplice. In città ci sono molti alberghi, mini appartamenti, hostal e B&B, tutti a prezzi contenuti.

Dove dormire a Cordoba
Dove dormire a Cordoba

Sia gli alberghi che i B&B, richiamano molto spesso lo stile orientale della città, con decorazioni colorate e mosaici a tasselli bianchi e neri; alcuni hanno il giardino all’aperto in cui fare colazione. Il centro di Cordoba, soprattutto nelle strade intorno alla Mezquita, è la zona della città in cui c’è il maggior numero di posti per dormire in città. I prezzi sono generalmente bassi e si possono trovare sistemazioni dignitose anche a 20 euro per notte. Con 50 € si trova una camera in un hotel 3 stelle e con 100 in uno extralusso.

Se invece state cercando un hotel, vi consigliamo Booking.com. Circa 120 hotel a Cordoba con foto, servizi, prezzi e commenti di chi ha già soggiornato. Vai a Booking.com.